Rea: "Non ho avuto alcun dubbio: ci volevano le slick"

Il pilota della Kawasaki sottolinea l'importanza della scelta fatta con le gomme durante il pit stop. Non vuole però che sia sottovalutato il modo in cui ha resistito al ritorno di Tom Sykes nelle tornate conclusive di gara 2.

Jonathan Rea oggi ha dimostrato ancora una volta ad Assen che c'è un motivo se è lui il campione del mondo della Superbike. In una gara difficilissima, con la pista che andava asciugando ed ha imposto il cambio gomme, il pilota della Kawasaki ha completato la sua doppietta, firmando così il suo quinto successo stagionale.

"Johnny" è stato il primo a rischiare le slick, ma ha spiegato di non aver avuto alcun dubbio sulla scelta da fare: "Sono felicissimo del lavoro fatto dalla squadra. Mi hanno chiesto che gomme volevo e io non ho avuto dubbi: gli ho detto le slick, perché nei primi giri la pista si è asciugata molto rapidamente".

Una volta tornato in pista è stato bravo a respingere il ritorno di Tom Sykes, che invece aveva optato per le intermedie: "Io in pista sono riuscito a mantenere la calma quando ho visto che Tom si avvicinava, quindi la vittoria è una grande soddisfazione e chiude un weekend praticamente perfetto".

Ora la classifica sorride decisamente al leader iridato, che ha ben 45 punti di vantaggio sulla Ducati di Chaz Davies e 59 sulla ZX-10R gemella di Sykes.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Evento Assen
Circuito Assen
Piloti Jonathan Rea
Team Kawasaki Racing
Articolo di tipo Intervista