Rea: “Mi sentivo più forte di Redding, ma non avevo controllo”

Jonathan Rea si piega a Scott Redding in Gara 1 a Navarra e chiude la prima manche del weekend in seconda posizione. Tuttavia, il campione in carica mantiene il comando della classifica generale e incrementa il vantaggio su Razgatlioglu fino a 7 punti.

Rea: “Mi sentivo più forte di Redding, ma non avevo controllo”

È un Jonathan Rea diverso dal solito quello che abbiamo visto in Gara 1 a Navarra. La compostezza di un tempo sembra essere svanita sulla sua ZX-10RR e la fiducia è venuta un po’ a mancare, tanto da indurre il campione in carica a una maggiore cautela. Sul tracciato spagnolo, il britannico ha domato la sua Kawasaki tra le buche e si è piegato a uno Scott Redding praticamente perfetto.

Tuttavia, Rea si è accontentato della seconda posizione nella prima manche dopo una stratosferica Superpole, la settima consecutiva, e al termine di Gara 1 ha incrementato il suo vantaggio in classifica su Toprak Razgatlioglu, terzo. Nel complesso, il sabato non è andato male per il pilota Kawasaki, che resta al comando con 7 lunghezze sul turco della Yamaha.

Inoltre, nei primi giri il sei volte campione del mondo si è imposto tanto da far pensare a una fuga. Ci ha pensato Redding a fermare la cavalcata di Rea, sopravanzandolo prendendosi il comando della gara per non lasciarlo più. L’alfiere Kawasaki ha provato ad insidiarlo, ma uno spavento e un grande salvataggio lo hanno costretto ad accontentarsi: “Mi sentivo davvero bene nei primi due settori della pista, mi sentivo anche più forte di Scott, ad essere onesti. Ma appena siamo arrivati a quella frenata prima del rettilineo dietro a quello principale, ho fermato la moto fortissimo e ho spinto troppo sull’anteriore. Sul davanti dovremmo fare qualcosa di diverso, una combinazione di apertura e chiusura del freno motore”.

“Sentivo di non avere un grande controllo – prosegue Rea parlando dell’episodio che ha deciso in parte la sua gara – quel momento è riuscito a togliermi un paio di decimi e dopo frenavo molto in anticipo. Ma sono stato in grado di controllare il gap con Toprak in maniera abbastanza agevole. Speriamo di fare un passo in avanti domani, ma ringrazio i miei ragazzi perché siamo sul podio oggi e speriamo di migliorare ancora domani”.

condivisioni
commenti
Redding: “Felice della vittoria, il Mondiale è realistico!”

Articolo precedente

Redding: “Felice della vittoria, il Mondiale è realistico!”

Prossimo Articolo

SBK, Navarra: prova di forza Redding nella Superpole Race

SBK, Navarra: prova di forza Redding nella Superpole Race
Carica commenti
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021