Rea: “Io in MotoGP con Yamaha Petronas? Mai dire mai!”

Jonathan Rea ha un contratto pluriennale con Kawasaki in Superbike, ma non esclude un eventuale passaggio in MotoGP, dato il mercato decisamente aperto e posti vacanti in Yamaha. Le voci sul suo approdo al mondiale dei prototipi si fanno insistenti e il campione in carica le commenta.

Rea: “Io in MotoGP con Yamaha Petronas? Mai dire mai!”

Jonathan Rea è tornato davanti a tutti nella seconda sessione di libere del round di Assen, appuntamento del mondiale Superbike in cui per il pilota Kawasaki è imperativo vincere. Non solo per tornare ad essere leader della classifica, ma anche per i bei ricordi e per il palmarès che qui ha. Il campione del mondo in carica infatti vanta ben 12 successi sul tracciato olandese e ha eguagliato Carl Fogarty.

I presupposti per conquistare la 13esima vittoria ad Assen sembrano esserci tutti, Rea si è imposto nel secondo turno dopo aver inseguito in mattinata chiudendo la prima sessione in seconda posizione. L’alfiere Kawasaki ha rivelato di aver fatto delle modifiche sulla sua ZX-10RR che lo soddisfano particolarmente e lo ha dimostrato anche la facilità con cui ha trovato il tempo sin dal primo giro del turno pomeridiano.

Per Rea la pista di Assen è speciale ed è entusiasta di tornare a correre in Olanda dopo un anno di assenza (a causa del Covid-19 il round di Assen era stato cancellato lo scorso anno, ndr). Inoltre il rifacimento dell’asfalto effettuato nel 2020 lo soddisfa particolarmente: “È bello essere tornati, l’asfalto rifatto è incredibile, hanno fatto un grandissimo lavoro, non ci sono molte buche. Alcune sono piccole, ma devo fare veramente i miei complimenti per il lavoro svolto. Anche a Misano la pista era stata riasfaltata, ma questo è un tracciato diverso, il ritmo è più rapido”.

“Stamattina eravamo abbastanza veloci, ma dovevamo anche capire le diverse gomme – spiega Rea commentando la giornata – Questo pomeriggio abbiamo lavorato su quello che credevamo fosse il pacchetto della gara. Abbiamo fatto un long run e mi sono sentito molto a mio agio per tutta la sessione. È positivo dopo la prima giornata. Abbiamo fatto un buon lavoro oggi anche con le gomme, ho usato tutte le anteriori e tutte le posteriori. Abbiamo fatto un long run di 17 giri con una buona combinazione con cui mi sono sentito a mio agio. Mi sento bene con la moto, abbiamo fatto dei grandi cambiamenti tra FP1 e FP2, molto solidi. Nel pomeriggio sono andato subito a girare sul 34 comodo, quindi è stato facile prendere subito i ritmo e mantenere quel passo”.

Inevitabile è poi il discorso mercato. Jonathan Rea ha firmato lo scorso anno un contratto pluriennale con Kawasaki, ma con il risvolto che c’è stato in MotoGP nelle ultime settimane sono state molte le voci che hanno iniziato a circolare su un passaggio del britannico dalle derivate di serie ai prototipi.

Nonostante un contratto pluriennale, Rea non esclude niente per il suo futuro: “Non posso dire nulla, non posso parlare del mio contratto, scusatemi. Non posso dire se prevede la possibilità di andare via. La MotoGP? C’è sempre nella mia testa. Penso che sto guidando al meglio di sempre, sono al picco del mio equilibrio di guida e personale, mai dire mai”.

L’insistenza sul passaggio in MotoGP deriva dalle ‘bombe’ di mercato di questi ultimi giorni. Il team Yamaha Petronas ha una sella vacante (forse due se Valentino dovesse decidere di ritirarsi) per il 2022 e secondo molti la scelta sarebbe ricaduta su due stelle della Superbike, Toprak Razgatlioglu e Garrett Gerloff. Tuttavia, entrambi hanno annunciato la conferma dei rispettivi accordi e, pertanto, restano in Superbike. questa scelta sorprende anche lo stesso campione in carica, che commenta: “Sono molto sorpreso nel vedere che rimangono in Superbike, ad essere onesto. Non voglio commentare, però ho un’opinione chiara su questo aspetto”.

condivisioni
commenti
SBK, Assen, Libere 2: ruggito di Rea davanti a Gerloff

Articolo precedente

SBK, Assen, Libere 2: ruggito di Rea davanti a Gerloff

Prossimo Articolo

SBK, Assen, Libere 3: ancora Redding, Toprak insegue. Rea è sesto

SBK, Assen, Libere 3: ancora Redding, Toprak insegue. Rea è sesto
Carica commenti
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021
Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti" Prime

Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti"

In questo nuovo appuntamento con Il Rosa dei Motori, Lorenza D'Adderio intervista Ana Carrasco. La campionessa del Mondiale SSP300 del 2018 si racconta, evidenziando quanto l'ottimismo e l'entusiasmo siano ingredienti fondamentali per chi, come lei, ha dovuto recuperare le forze dopo un tremendo infortunio. Una motociclista temeraria e di talento, che non è indifferente a un altro grande campione come Jonathan Rea...

WSBK
22 lug 2021
BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita? Prime

BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita?

Tom Sykes e Michael van der Mark difficilmente dimenticheranno il round di Donington, grazie ai podi conquistati e alla solidità mostrata durante tutto il weekend. BMW convince e non vuole che questi risultati siano una tantum. L’obiettivo in Olanda è dimostrare di essere cresciuti davvero e di poter dire la propria, dando prova del fatto che Donington è stato solo il punto di partenza di una rinascita.

WSBK
9 lug 2021
Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale? Prime

Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale?

Scott Redding mette in archivio il round di Donington, il peggiore della sua stagione fino ad ora. Due zeri e neanche un podio sono il bilancio di un weekend che potrebbe segnare la fine della lotta iridata. "Difficile ma non impossibile", dice Redding. Ma da Assen serve la svolta.

WSBK
6 lug 2021