Rea: “Domani dimentico il campionato, voglio vincere”

Secondo al traguardo, Rea è stato beffato nel finale da Toprak Razgatlioglu, autore di una gara magistrale. Il leader del campionato vanta 101 punti di vantaggio su Bautista, ma non è soddisfatto di come è andata Gara 1 e vuole ribaltare la situazione domenica.

Rea: “Domani dimentico il campionato, voglio vincere”

Jonathan Rea arrivava a Magny-Cours come grande favorito per la vittoria e per la conquista del titolo, ma l’andamento del weekend ha dimostrato che la sua corsa alla quinta corona è più dura del previsto. Pioggia e rivali agguerriti hanno complicato le cose ed in Gara 1 si è dovuto piegare a Toprak Razgatlioglu, autore di una grande rimonta che lo ha portato sul gradino più alto del podio per la prima volta.

Nonostante un tempo stratosferico che gli ha permesso di conquistare la 22esima Superpole della carriera, il Campione del mondo in carica si è dovuto confrontare con degli avversari pronti a tutto in gara per ottenere le posizioni di testa e, pur pensando in ottica titolo, non si è tirato indietro e ha combattuto in una gara ricca di sorpassi, contatti e scivolare che hanno fatto uscire di scena alcuni protagonisti.

Negli ultimi due giri la vittoria sembrava ormai saldamente nelle mani di Jonathan Rea, che era passato al comando e aveva ormai un buon margine, che però Razgatlioglu è riuscito a ricucire in poche curve grazie ad un piccolo errore commesso dal britannico. Il quattro volte campione del mondo nulla ha potuto contro il turco, che ha attaccato e gli ha sottratto la vittoria proprio nel finale.

Leggi anche:

In ottica campionato non è stata una gara da buttare, arriva alla domenica con 101 punti di vantaggio su Bautista. Ma Rea si sente deluso per come è finita Gara 1 e cerca il riscatto sperando in un miglioramento della moto: “Ho commesso un piccolo errore al secondo settore, ma il gap non era enorme, quindi uno sbaglio ha permesso di recuperarmi. Dal punto di vista del campionato è stata una gara solida, ma sono un po’ deluso. Abbiamo altre due opportunità domani, ma dobbiamo migliorare il feeling perché non mi sentivo molto a mio agio. Con i ragazzi del team voglio migliorare l’ingresso nelle curve lente, sentivo che non riuscivo a fermare la moto. Anche stamattina avevo queste sensazioni, abbiamo apportato alcune modifiche, ma non hanno funzionato, quindi vediamo per domani”.  

“Ho avuto difficoltà nelle frenate al limite – afferma Rea – ma il problema maggiore era nella situazione in cuii io ero all’interno, perché quando qualcuno è all’esterno prova a rientrare all’interno, quella è una posizione critica dove ci può essere il contatto. La cosa migliore è essere in prima o in seconda posizione. Già essere in quarta è un caos, perché è molto più facile commettere un errore ed io provavo ad essere sempre davanti”.

Rea è stato protagonista di tanti duelli, alcuni anche molto duri, in cui non ha mai mollato: “Eravamo al limite, è stato divertente. Chaz e Toprak erano solo un po’ oltre il limite e c’è stata la caduta. Abbiamo dato spettacolo perché nessuno era preparato, soprattutto nei primi giri. Quando van der Mark è andato davanti a tutti ho visto che aveva un passo migliore di Sykes, che era davanti a me, quindi ho provato a seguirli. Poi ho passato Sykes e mi sono concentrato su van der Mark. Lui ha commesso un errore ed è caduto, poi all’ultimo giro la storia la sapete”.

Archiviata Gara 1, l’alfiere Kawasaki si proietta subito verso la domenica, dove non farà sconti e scenderà in pista per vincere, senza fare calcoli in chiave iridata: “Domani dovremo trovare un setup migliore, perché in ingresso di curva facevo davvero molta fatica. Sicuramente Ducati ha molta potenza e anche Yamaha e BMW non sono lontane. Dobbiamo lavorare su aree specifiche per essere forti. Oggi ho pensato al campionato ed avere 101 punti di vantaggio non è male. Ma dopo la gara di oggi, io domani voglio solo vincere e mi dimentico del campionato. Darò il 101% per vincere”.

Informazioni aggiuntive di Sebastian Fränzschky

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Toprak Razgatlioglu, Turkish Puccetti Racing, Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Toprak Razgatlioglu, Turkish Puccetti Racing, Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team
1/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
2/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
3/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
4/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
5/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
6/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
7/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
8/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
9/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
10/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
11/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
12/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Razgatlioglu trionfa: “È il miglior modo di lasciare Kawasaki”

Articolo precedente

Razgatlioglu trionfa: “È il miglior modo di lasciare Kawasaki”

Prossimo Articolo

Bautista: “Condizioni difficili, ho perso altri punti”

Bautista: “Condizioni difficili, ho perso altri punti”
Carica commenti
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021
Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti" Prime

Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti"

In questo nuovo appuntamento con Il Rosa dei Motori, Lorenza D'Adderio intervista Ana Carrasco. La campionessa del Mondiale SSP300 del 2018 si racconta, evidenziando quanto l'ottimismo e l'entusiasmo siano ingredienti fondamentali per chi, come lei, ha dovuto recuperare le forze dopo un tremendo infortunio. Una motociclista temeraria e di talento, che non è indifferente a un altro grande campione come Jonathan Rea...

WSBK
22 lug 2021
BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita? Prime

BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita?

Tom Sykes e Michael van der Mark difficilmente dimenticheranno il round di Donington, grazie ai podi conquistati e alla solidità mostrata durante tutto il weekend. BMW convince e non vuole che questi risultati siano una tantum. L’obiettivo in Olanda è dimostrare di essere cresciuti davvero e di poter dire la propria, dando prova del fatto che Donington è stato solo il punto di partenza di una rinascita.

WSBK
9 lug 2021
Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale? Prime

Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale?

Scott Redding mette in archivio il round di Donington, il peggiore della sua stagione fino ad ora. Due zeri e neanche un podio sono il bilancio di un weekend che potrebbe segnare la fine della lotta iridata. "Difficile ma non impossibile", dice Redding. Ma da Assen serve la svolta.

WSBK
6 lug 2021
Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita" Prime

Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Lorenza D'Adderio intervista Mara Soto, meccanico Kawasaki nel team impegnato nel mondiale Superbike. Un viaggio attraverso i ricordi, gli obiettivi di una giovane ragazza che realizza il sogno di lavorare al fianco di un grande campione come Jonathan Rea.

WSBK
1 lug 2021
SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea? Prime

SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea?

Scott Redding doveva essere l’uomo incaricato di fermare il dominio di Jonathan Rea, eppure lascia Misano con l’amaro in bocca e con un distacco in classifica importante, considerando la solidità di Rea e Razgatlioglu, i due che lo precedono. Il turco convince e si avvicina il leader del mondiale. È dunque il pilota Yamaha il vero anti-Rea?

WSBK
15 giu 2021
WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation Prime

WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation

Prima puntata podcast di Debriefing WSBK, in cui Lorenza D'Adderio e Giacomo Rauli commentano il round di Misano Adriatico della classe regina delle moto derivate di serie. Buon ascolto!

WSBK
13 giu 2021
SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto? Prime

SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto?

Jonathan Rea conquista due gare su tre nel weekend dell’Estoril e allunga in classifica, approfittando di un passo falso di Scott Redding, scivolato in Gara 2 e ora inseguitore con un distacco già piuttosto importante.

WSBK
2 giu 2021