Rea comincia alla grande battendo Davies in Gara 1 a Phillip Island

Il due volte campione del mondo in carica della Superbike comincia la stagione con una vittoria all'ultimo respiro nei confronti della Ducati di Chaz Davies. Sykes completa il podio davanti a un grande Lowes.

Rea comincia alla grande battendo Davies in Gara 1 a Phillip Island
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Chaz Davies, Ducati Team
Podio: il vincitore della gara Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Alex Lowes, Pata Yamaha
Chaz Davies, Ducati
P.J. Jacobsen, MV Agusta
Randy Krummenacher, Puccetti Racing
Tom Sykes, Kawasaki Racing
Nicky Hayden, Honda World Superbike Team

I protagonisti della World Superbike hanno finalmente dato fuoco alle polveri. Nella nottata italiana appena trascorsa è andata in scena la prima manche di gara del Mondiale 2017 sul tracciato di Phillip Island, una vera e propria battaglia che ha coinvolto ben quattro piloti nella lotta per la vittoria. Un inizio davvero convincente e spettacolare per il nuovo anno che promette di essere solo un piccolo antipasto in vista della seconda manche prevista nella notte tra sabato e domenica.

Il due volte campione del mondo in carica della Superbike, Jonathan Rea, ha cominciato come meglio non avrebbe potuto: regalando la prima vittoria iridata alla nuova Kawasaki Ninja ZX-10RR e facendo vedere subito agli avversari di essere già in grande forma e per nulla pago dopo i due titoli messi in carniere nelle ultime due stagioni.

Chaz Davies ha conteso la vittoria al rivale sino alla linea del traguardo. Sotto la bandiera a scacchi Rea e l'alfiere del team Ducati ufficiale sono arrivati distanziati di appena 42 millesimi. Davvero un avvio al fulmicotone per i due grandi protagonisti della stagione passata, ma anche in questo caso il nord-irlandese della Kawasaki ha mostrato di essere - a pieno titolo - il pilota da battere.

Oltre alla vittoria, Rea ha centrato anche il giro più veloce in gara e poche ore prima della corsa si era aggiudicato anche la pole position. Non per nulla a Phillip Island gli erano stato consegnate le chiavi del tracciato qualche settimana fa...

A completare il podio è stata la seconda Kawasaki ZX-10RR ufficiale, quella di Tom Sykes, bravo a sua volta a vincere il duello con un velocissimo e solido Alex Lowes. Il pilota della Yamaha si è dovuto accontentare della quarta piazza per pochi millesimi, ma ha confermato i grossi passi avanti fatti dalla Yamaha dopo una difficile stagione di rientro nella categoria.

Soddisfazione a metà per Marco Melandri. Il ravennate della Ducati ha condotto la gara nella parte centrale, ma poi un "dritto" a 8 giri dal termine lo ha costretto a desistere e a ritirarsi. Non un buon risultato, ma la prima parte di gara deve incoraggiarlo: ricordiamo che Marco rientra in una gara ufficiale dopo parecchi mesi di inattività. Sarà probabilmente partecipe nella lotta per il podio in Gara 2.

Dopo le ottime prestazioni delle Ducati, c'è da segnalare un'altro bel risultato per i colori italiani: il quinto posto ad appena 3" dal vincitore della MV Agusta pilotata in maniera egregia da Leon Camier. Il britannico ha concluso la gara davanti alla Ducati Panigale del team Barni Racing affidata all'esperto Xavi Forés, il quale era andato molto forte nei test e nelle libere australiane.

Dopo qualche difficoltà di troppo nei test, Jordi Torres si è confermato pilota che in gara dà il meglio di sé portando in settima posizione la BMW del team Althea BMW Racing. Il miglior pilota Aprilia è stato Eugene Laverty, ottavo, perché Lorenzo Savadori è incappato in una caduta alla Curva 6 quando mancavano 17 giri al traguardo.

A completare la Top 10 sono stati Michael van der Mark e Randy Krummenacher. L'olandese della Yamaha ancora alle prese con la comprensione della nuova moto dopo le prime due stagioni in Superbike passate con Honda, mentre per lo svizzero si è trattato dell'esordio assoluto nella categoria, coronato con un bel risultato per lui e per il team Puccetti.

Più complicato invece l'esordio delle nuove Honda CBR1000RR SP2 Fireblade. Nicky Hayden non è a andato oltre l'11esima posizione, mentre il rookie Stefan Bradl ha fatto peggio del compagno di squadra fermandosi in 15esima.

World Superbike, Phillip Island - Gara 1

Cla #PilotaMotoGiriTempoGapDistaccoRitiratoPunti
1   1 united_kingdom Jonathan Rea  Kawasaki 22 33'52.290       25
2   7 united_kingdom Chaz Davies  Ducati 22 33'52.332 0.042 0.042   20
3   66 united_kingdom Tom Sykes  Kawasaki 22 33'53.340 1.050 1.008   16
4   22 united_kingdom Alex Lowes  Yamaha 22 33'53.372 1.082 0.032   13
5   2 united_kingdom Leon Camier  MV Agusta 22 33'55.292 3.002 1.920   11
6   12 spain Javier Fores  Ducati 22 33'55.610 3.320 0.318   10
7   81 spain Jordi Torres  BMW 22 34'01.015 8.725 5.405   9
8   50 united_kingdom Eugene Laverty  Aprilia 22 34'04.425 12.135 3.410   8
9   60 netherlands Michael van der Mark  Yamaha 22 34'04.470 12.180 0.045   7
10   88 switzerland Randy Krummenacher  Kawasaki 22 34'04.729 12.439 0.259   6
11   69 united_states Nicky Hayden  Honda 22 34'11.634 19.344 6.905   5
12   21 germany Markus Reiterberger  BMW 22 34'13.626 21.336 1.992   4
13   40 spain Roman Ramos  Kawasaki 22 34'17.156 24.866 3.530   3
14   15 san_marino Alex de Angelis  Kawasaki 22 34'17.192 24.902 0.036   2
15   6 germany Stefan Bradl  Honda 22 34'21.226 28.936 4.034   1
16   84 italy Riccardo Russo  Yamaha 22 34'31.694 39.404 10.468    
17   86 italy Ayrton Badovini  Kawasaki 22 34'35.231 42.941 3.537    
18   37 czech_republic Ondřej Ježek  Kawasaki 22 34'40.333 48.043 5.102    
  dnf 33 italy Marco Melandri  Ducati 15 7 laps 7 giri 7 giri Ritirato  
  dnf 25 australia Joshua Brookes  Yamaha 6 16 laps 16 giri 9 giri Mechanical  
  dnf 32 italy Lorenzo Savadori  Aprilia 5 17 laps 17 giri 1 giro Accident

condivisioni
commenti
Phillip Island, Libere: Ducati in vetta con Davies, ma Rea è a un passo

Articolo precedente

Phillip Island, Libere: Ducati in vetta con Davies, ma Rea è a un passo

Prossimo Articolo

Ducati, Davies: "Ci manca qualcosa sul dritto. In Gara 2 cambierò strategia"

Ducati, Davies: "Ci manca qualcosa sul dritto. In Gara 2 cambierò strategia"
Carica commenti
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021