Rea ancora Campione: “Non mi sono mai arreso e ne sono fiero!”

Jonathan Rea frantuma un altro record diventando il primo pilota a vincere cinque titoli consecutivi nel Mondiale Superbike. Lo fa a Magny-Cours trionfando Gara 2 e finalmente può esprimere la propria gioia, dopo una stagione sofferta e complicata.

Rea ancora Campione: “Non mi sono mai arreso e ne sono fiero!”

L’uomo dei record continua a stupire ed a migliorarsi continuamente: Jonathan Rea ha conquistato oggi il suo quinto titolo consecutivo nel mondiale Superbike, è il primo a riuscirci e lo ha fatto con due round di anticipo rispetto alla fine della stagione. L’avvio di campionato non è stato dei migliori, il grande dominio di Alvaro Bautista ha annichilito il Campione in carica e la sua squadra, che si erano trovati a fronteggiare l’avversario più tosto della carriera. Eppure il binomio Rea-Kawasaki è riuscito a capitalizzare anche le situazioni di difficoltà ed invertire la rotta a metà stagione, rendendosi autore di una splendida rimonta che l’ha portato ad avere 129 punti di vantaggio su un Bautista in crisi, un distacco ormai incolmabile che ha consegnato definitivamente il titolo al britannico.

Magny-Cours, come nel 2016, è stato teatro della conquista del titolo mondiale, arrivato quasi a sorpresa a margine di tre gare complicate. L’ultima manche del weekend lo ha visto comunque trionfare e laurearsi campione del mondo, un risultato che non si aspettava nemmeno Rea, almeno fino al traguardo: “È stato incredibile, non avevo visto la classifica dopo la Superpole Race, quindi non avevo idea di come fosse la situazione. Ero più nervoso perché ieri Gara 1 è stata molto caotica all’inizio ed avevo paura di cadere o di essere coinvolto in qualche incidente, il mio obiettivo era di chiudere i giochi in Argentina. Quando il team mi ha segnalato l’out di Bautista mi è passato in mente, ma non ricordavo i numeri. Mi sono reso conto di aver vinto il titolo solo una volta tagliato il traguardo quando ho visto il 5 sulla pitboard. Dopo la delusione di ieri sono molto, molto felice”.

 

“Credo che il titolo più speciale sia il primo, perché realizzi per la prima volta il sogno che avevi da bambino, gli altri sono un valore aggiunto. È anche vero che l’inizio di questa stagione è stato molto difficile, perché molti ci avevano dati per spacciati, ma noi sapevamo che ad un certo punto sarebbe arrivato il nostro momento. Ad Imola abbiamo ricominciato a vincere ed a quel successo ne sono seguiti altri. Spero di poter trasmettere questo atteggiamento alle persone che credono non ci sia la luce in fondo al tunnel, perché noi non ci siamo mai arresi e siamo arrivati alla pausa estiva da leader. Eravamo sorpresi, ma due round prima della pausa non l’avremmo mai immaginato. Sono molto orgoglioso della mia squadra, perché l’atmosfera è sempre stata positiva, anche quando le cose non andavano benissimo ad inizio stagione. Abbiamo continuato a lavorare”.

La stagione non è ancora finita, ma il titolo è assegnato e sia Rea sia Kawasaki sono proiettati verso il prossimo anno, in cui affronteranno la difficile sfida di difendere il titolo e riconfermarsi per la sesta volta consecutiva: “Il prossimo obiettivo è lavorare con gli ingegneri di Kawasaki per migliorare il pacchetto. È una sensazione incredibile raggiungere l’obiettivo, ma questo anche grazie al mio team, che è molto umano. Se non hai le persone giuste accanto non puoi ottenere tanto e sono molto fiero di loro. Non dobbiamo cambiare molto sulla moto, quest’anno ho imparato molte cose su me stesso e su come migliorarmi. L’anno prossimo sarà un’altra grande sfida e vogliamo arrivarci più preparati che mai, quindi vogliamo continuare a lavorare in questo modo”.

Leggi anche:

“Dobbiamo solo mettere le idee insieme ed imparare dai nostri errori, perché quest’anno ne abbiamo commessi molti. Lavoreremo con gli ingegneri del mio team ed in Giappone per avere una moto ancora migliore rispetto a quella di quest’anno. Possiamo sempre migliorare il nostro pacchetto, che è comunque molto forte in qualsiasi condizione. L’anno prossimo mi aspetto una stagione ancora più competitiva rispetto a quella che si sta per concludere”.

Ma quali sono stati gli errori commessi? Rea lo spiega: “Ne ho commessi alcuni, specialmente ad inizio stagione. Nei primi due round ho faticato ad accettare l’idea che Ducati e Bautista avevano alzato il livello in Superbike. Una volta accettata la sfida, la mia mentalità è cambiata. Durante le gare, dalla Tv sembra che io guidi in maniera pulita, ma commetto ancora molti errori, alcune volte ho perso posizioni a causa di sbagli che ho fatto, quindi devo migliorare in questo senso”.

Rea, il recordman della Superbike contro un esordiente che viene dalla MotoGP; ecco come risponde il Campione in carica a chi gli chiede se questo possa essere quasi un riscatto: “Vinco contro un pilota MotoGP? Questa vittoria non è arrivata perché Bautista non sia stato in grado, ma perché noi abbiamo lavorato bene. Abbiamo affrontato delle sfide importanti e sicuramente Ducati ci ha reso la vita difficile. Sorrido ricordando i test invernali, in cui la nuova moto è stata definita ‘Rea, the Kawasaki killer’. Questo ci ha dato la motivazione per non arrenderci mai”.

Però poi sono arrivati i momenti di difficoltà: “Forse sono stati due. Assen, perché ci aspettavamo di vincere invece siamo andati male. Anche a Donington ricordo che il sabato ero a colazione con Guim e pioveva, mi ha guardato negli occhi e mi ha detto ‘questa è la nostra occasione, abbiamo bisogno di questi 25 punti’. Solo che quella pista è molto complicata sul bagnato, ma credo che quello sia stato un momento chiave, perché abbiamo preso punti ed Alvaro è caduto alla curva 6”.

Ma di cosa avrà bisogno Jonathan Rea per avere un pacchetto imbattibile il prossimo anno? Ha già le idee chiare: “Le gare sono state difficili, così come è stato complicato accettare lo svantaggio nel rettilineo contro la potenza delle Ducati. Ma questo non porta necessariamente alla vittoria. Per vincere serve un pacchetto e sento che la nostra moto per quanto riguarda stabilità e fiducia è più avanti. È anche vero che dobbiamo lavorare sul miglioramento della potenza per l’anno prossimo. È difficile perché il regolamento è molto rigido in Superbike. Ma dobbiamo continuare a lavorare e vedere cosa succede”.

Informazioni aggiuntive di Sebastian Fränzschky

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
1/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
2/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
3/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
4/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
5/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
6/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
7/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
8/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
9/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team festeggia la vittoria del suo quinto titolo
10/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Toprak Razgatlioglu, Turkish Puccetti Racing, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Toprak Razgatlioglu, Turkish Puccetti Racing, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
11/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Toprak Razgatlioglu, Turkish Puccetti Racing, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Toprak Razgatlioglu, Turkish Puccetti Racing, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
12/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Toprak Razgatlioglu, Turkish Puccetti Racing, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Toprak Razgatlioglu, Turkish Puccetti Racing, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
13/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Toprak Razgatlioglu, Turkish Puccetti Racing, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Toprak Razgatlioglu, Turkish Puccetti Racing, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
14/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Toprak Razgatlioglu, Turkish Puccetti Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Toprak Razgatlioglu, Turkish Puccetti Racing
15/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Michael van der Mark, Pata Yamaha
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Michael van der Mark, Pata Yamaha
16/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
17/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
18/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
19/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
20/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
21/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
22/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
23/23

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Davies: “Frustrante essere lontani, nel 2020 dobbiamo reagire”
Articolo precedente

Davies: “Frustrante essere lontani, nel 2020 dobbiamo reagire”

Prossimo Articolo

Van der Mark contro Melandri: “Non deve parlare della moto del 2020”

Van der Mark contro Melandri: “Non deve parlare della moto del 2020”
Carica commenti
SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale Prime

SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale

Toprak Razgatlioglu è il nuovo campione del mondo della Superbike, il turco è riuscito a battere Rea dopo sei anni di dominio incontrastato. Ma il titolo del pilota Yamaha non rappresenta solo un cambiamento al vertice, segna anche il rinnovo del campionato, un ricambio generazionale che disegna un bel futuro per le derivate di serie.

WSBK
24 nov 2021
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021