Prima vittoria in carriera per Rea a Laguna Seca. Notte fonda per Ducati

Jonathan Rea ha centrato la vittoria in Gara 1 a Laguna Seca, precedendo il compagno di squadra Tom Sykes. Disastro Ducati: Davies e Giugliano caduti, con il gallese ormai fuori dai giochi per il titolo. Hayden completa il podio.

Alla collezione di Jonathan Rea mancava una vittoria a Laguna Seca e lo spazio vuoto nella bacheca del cannibale nord-irlandese è stata ampiamente rimpinguata questa notte. Il campione del mondo in carica della World Superbike ha centrato il successo nella prima delle due manche di gara sulla pista californiana, mettendo probabilmente fine alle velleità di titolo di uno dei suoi due avversari per il titolo mondiale piloti 2016.

Rea è stato autore di un'ottima gara, condita solo da una sbavatura al Cavatappi quando aveva un ampio margine nei confronti del compagno di squadra Tom Sykes. "Johnny" ha però ripreso vantaggio in pochi giri per poi tagliare il traguardo con più di otto decimi di vantaggio sul britannico della Kawasaki.

Con questo risultato, Rea amplia ulteriormente il divario dal compagno di squadra, che è rimasto l'unico avversario che potrà frapporsi tra lui e il secondo titolo mondiale consecutivo da qui alla fine della stagione. Sembra però impossibile che qualcuno possa fermare la scalata del pilota più forte e in forma della categoria.

Grande festa per la Kawasaki. Oltre all'ennesimo successo firmato da Rea è arrivato anche il secondo posto di Tom Sykes, che ha regalato alla casa nipponica l'ennesima doppietta dopo le due centrate qualche settimana fa a Misano Adriatico. Sykes ha provato a difendere la prima posizione dopo aver colto la pole, ma a nulla sono serviti i suoi sforzi e il secondo posto non è altro che un modo lieve per mandare giù l'ennesimo boccone amaro.

Prima di parlare dei risultati restanti, è bene aprire una parentesi dedicata alla Ducati. La casa di Borgo Panigale deve dare l'addio ai sogni di gloria per questo 2016 così come Chaz Davies. Il gallese, pilota di punta della squadra bolognese, è finito a terra alla Curva 6 quando mancavano 21 giri al termine, mentre si trovava in vetta. Chaz era partito per tentare di replicare il doppio successo della stagione passata, ma una caduta ha fatto svanire l'obiettivo e le residue speranze di conquistare il titolo mondiale piloti 2016. Giornata nera anche per Davide Giugliano, ritiratosi dopo essere caduto alla Curva 8.

Il podio è stato così conquistato da Nicky Hayden, che ha riportato sul podio la Honda CBR1000RR. Il rider statunitense è riuscito a riscattare una qualifica al di sotto delle aspettative e il terzo posto fa ben sperare il team Ten Kate per la seconda manche di gara prevista per domani. La squadra olandese può gioire inoltre per il quarto posto di un redivivo Michael van der Mark. Il giovane pilota al secondo anno in Superbike è risalito dall'11esima sino alla quarta posizione con una rimonta molto bella.

A completare le prime 5 posizioni è stato un Alex Lowes finalmente incisivo in gara, anche se molto distante dalle due Kawasaki. Il britannico ha portato la prima Yamaha YZF-R1 in quinta posizione, davanti al primo pilota italiano: Lorenzo Savadori. Per il nostro connazionale è stata una bella soddisfazione, perché si tratta di un ottimo risultato alla prima apparizione sulla pista che sorge a qualche chilometro da Monterey. Il team Iodaracing e Aprilia hanno in mano un grande talento e sarebbe un vero peccato non concedergli il miglior materiale possibile anche per gli anni a venire.

Xavi Forés si è confermato veloce anche in gara dopo aver fatto meraviglie in prova. Il pilota del team Barni Racing ha terminato al settimo posto in sella alla sua Ducati Panigale R, davanti alla prima BMW - quella del team Althea BMW Racing - affidata allo spagnolo Jordi Torres. Nono posto per la seconda Aprilia RSV4 RF, quella del sammarinese Alex De Angelis, il quale ha messo alle spalle Niccolò Canepa. Il genovese del team Crescent Pata Yamaha ha completato la Top Ten.

Cla #PilotaMotoGiriTempoGapDistaccoRitiratoPunti
1   1  Jonathan Rea  Kawasaki 25 35'18.180       25
2   66  Tom Sykes  Kawasaki 25 35'18.9990 0.819 0.819   20
3   69  Nicky Hayden  Honda 25 35'30.4760 12.296 11.477   16
4   60  Michael van der Mark  Honda 25 35'31.2470 13.067 0.771   13
5   22  Alex Lowes  Yamaha 25 35'31.5150 13.335 0.268   11
6   32  Lorenzo Savadori  Aprilia 25 35'31.9960 13.816 0.481   10
7   12  Xavi Forés  Ducati 25 35'33.7210 15.541 1.725   9
8   81  Jordi Torres  BMW 25 35'34.0180 15.838 0.297   8
9   15  Alex de Angelis  Aprilia 25 35'38.1790 19.999 4.161   7
10   59  Niccolo Canepa  Yamaha 25 35'41.0120 22.832 2.833   6
11   2  Leon Camier  MV Agusta 25 35'42.2450 24.065 1.233   5
12   13  Anthony West  Kawasaki 25 35'47.0820 28.902 4.837   4
13   25  Joshua Brookes  BMW 25 35'58.1370 39.957 11.055   3
14   17  Karel Abraham  BMW 25 36'04.7320 46.552 6.595   2
15   40  Roman Ramos  Kawasaki 25 36'13.9710 55.791 9.239   1
16   9  Dominic Schmitter  Kawasaki 25 36'17.2010 59.021 3.230    
17   56  Peter Sebestyen  Yamaha 24 1 lap 1 Lap 1 Lap    
18   119  Pawel Szkopek  Yamaha 24 1 lap 1 Lap 0.000    
19   4  Gianluca Vizziello  Kawasaki 16 9 laps 9 Laps 8 Laps    
  dnf 11  Saeed Al Sulaiti  Kawasaki 17 8 laps 8 Laps   Accident  
  dnf 34  Davide Giugliano  Ducati 13 12 laps 12 Laps 4 Laps Accident  
  dnf 35  Raffaele de Rosa  BMW 13 12 laps 12 Laps 0.000 Accident  
  dnf 7  Chaz Davies  Ducati 5 20 laps 20 Laps 8 Laps Accident
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Evento Laguna Seca
Sub-evento Sabato, Gara 1
Circuito Laguna Seca
Articolo di tipo Gara