WSBK
06 set
-
08 set
Evento concluso
27 set
-
29 set
Evento concluso
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
SSP300 FP1 in
1 giorno

Portimao, Libere 2: Rea non si ferma più. Melandri risale, terzo Davies

condivisioni
commenti
Portimao, Libere 2: Rea non si ferma più. Melandri risale, terzo Davies
Di:
15 set 2017, 16:17

L’iridato in carica rifila distacchi importanti al duo Ducati ma la partita resta aperta. Si conferma ai vertici Camier, qualche segnale di luce arriva da Bradl e dalla Honda.

La legge di Rea recita così: non provocatemi perché altrimenti mi tocca “punirvi”. Così quando Marco Melandri prima e Chaz Davies hanno provato a mettere in discussione la sua leadership, il due volte campione del mondo ha perso la pazienza. E’ sceso in pista e con un uno-due pugilistico ha messo a posto le cose definitivamente. Prima ha stampato un 1’42”7, poi ha abbassato il suo tempo di un altro decimo. Morale della favola, Johnny ha lasciato i due avversari ad oltre mezzo secondo, con una naturalezza disarmante.

Abbiamo chiesto a Pere Riba, il suo capotecnico, quale fosse il segreto di tale superiorità e la risposta è stata altrettanto disarmante: è felice. Basta per andare forte? A quanto pare sì.

Rea in questo momento sembra dunque non avere rivali ma le corse in moto non sono un’equazione matematica e in casa Ducati sono ben lungi da offrirsi come vittime sacrificali. Spendiamo un elogio in particolare per Marco Melandri, uscito alla grande da un inizio di weekend terribile. Marco è stato bravo a non deprimersi per essere stato costretto a saltare il primo turno per un problema al motore della sua Panigale.

Nel pomeriggio ha dimostrato cosa sa fare quando entra in sintonia con la pista e quando ha iniziato a spingere il suo passo è stato davvero notevole. Grinta e determinazione ricompensati dal secondo tempo assoluto, davanti al compagno di squadra Chaz Davies, che in gara proverà con la sua proverbiale natura di attaccante a colmare un gap importante.

Continua ad impressionare Leon Camier. Quando trova le condizioni giuste l’inglese riesce a guidare la sua MV che è una meraviglia, sfruttando le qualità di maneggevolezza della F4. E deve aver guidato davvero bene se è riuscito a mettersi dietro Tom Sykes, forse non così incisivo come in altre occasioni ma comunque sempre con in mano una Ninja.

Dietro c’è spazio per Yamaha e Aprilia, rivali a tutti gli effetti per le posizioni a ridosso del podio. Se Eugene Laverty e Alex Lowes hanno confermato quanto di buono avevano già messo in mostra al mattino, i segnali migliori arrivano dai rispettivi compagni di squadra. Sia Lorenzo Savadori che Michael van der Mark hanno chiuso il gap dimostrando di aver lavorato bene con le rispettive squadre.

Si confermano segnali di ripresa anche per Stefan Bradl con la Honda, ultimo pilota a girare sottol’1’44”. Il tedesco non è lontano da Aprilia e Yamaha e questo non accadeva da diverse gare. Non crediamo che la presenza dei tecnici HRC nel box lo abbia pungolato a dare il meglio di sé: con tutti i problemi di competitività che ha la moto, in Honda rendersi conto di avere un pilota fino ad oggi demotivato non è quello che serviva.

Cla#PilotaMotoGiriTempoGapDistaccokm/h
1 1 united_kingdom Jonathan Rea Kawasaki 43 1'42.621     161.089
2 33 italy Marco Melandri Ducati 24 1'43.207 0.586 0.586 160.175
3 7 united_kingdom Chaz Davies Ducati 38 1'43.310 0.689 0.103 160.015
4 2 united_kingdom Leon Camier MV Agusta 47 1'43.415 0.794 0.105 159.853
5 66 united_kingdom Tom Sykes Kawasaki 41 1'43.516 0.895 0.101 159.697
6 50 united_kingdom Eugene Laverty Aprilia 36 1'43.522 0.901 0.006 159.687
7 22 united_kingdom Alex Lowes Yamaha 42 1'43.677 1.056 0.155 159.449
8 32 italy Lorenzo Savadori Aprilia 38 1'43.767 1.146 0.090 159.310
9 60 netherlands Michael van der Mark Yamaha 44 1'43.854 1.233 0.087 159.177
10 6 germany Stefan Bradl Honda 45 1'43.957 1.336 0.103 159.019
11 81 spain Jordi Torres BMW 48 1'44.170 1.549 0.213 158.694
12 35 italy Raffaele De Rosa BMW 37 1'44.462 1.841 0.292 158.250
13 36 argentina Leandro Mercado Aprilia 40 1'44.592 1.971 0.130 158.054
14 12 spain Javier Fores Ducati 30 1'44.608 1.987 0.016 158.029
15 84 italy Riccardo Russo Yamaha 42 1'44.632 2.011 0.024 157.993
16 40 spain Roman Ramos Kawasaki 42 1'45.284 2.663 0.652 157.015
17 86 italy Ayrton Badovini Kawasaki 34 1'45.518 2.897 0.234 156.667
18 72 japan Takumi Takahashi Honda 57 1'46.007 3.386 0.489 155.944
19 13 australia Anthony West Kawasaki 41 1'46.172 3.551 0.165 155.702
20 37 czech_republic Ondřej Ježek Kawasaki 36 1'46.358 3.737 0.186 155.429
21 121 italy Alessandro Andreozzi Yamaha 37 1'46.399 3.778 0.041 155.369

 

Prossimo Articolo
Portimao, Libere 1: Dominio Kawa, Ducati insegue. Camier tra i big

Articolo precedente

Portimao, Libere 1: Dominio Kawa, Ducati insegue. Camier tra i big

Prossimo Articolo

Ducati, Melandri: "Non siamo così lontani da Rea"

Ducati, Melandri: "Non siamo così lontani da Rea"
Carica commenti