WSBK
06 set
-
08 set
Evento concluso
27 set
-
29 set
Evento concluso
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
G
Losail
24 ott
-
26 ott
Prossimo evento tra
8 giorni

Portimao, Libere 1: Dominio Kawa, Ducati insegue. Camier tra i big

condivisioni
commenti
Portimao, Libere 1: Dominio Kawa, Ducati insegue. Camier tra i big
Di:
15 set 2017, 10:35

Rea fa subito la voce grossa, Sykes alle sue spalle. Terzo tempo per la MV, quarto per Davies, già a più di mezzo secondo. Inizia male il round per Melandri: motore ko e perso tutto il turno.

Anche se in ogni caso non potrà laurearsi campione del mondo per la terza volta consecutiva a fine round portoghese, Jonathan Rea ha fatto subito capire a Portimao che è pronto a mettere fine alle residue speranze dei suoi avversari. Pronti via e il portacolori della Kawasaki si è issato al vertice della graduatoria tempi, abbassando costantemente i suoi crono, fino a chiudere la sessione con il miglior passaggio in 1’43”170.

Un vero e proprio martello, preciso e pulito ma estremamente efficace sul fondo sconnesso e nelle buche della pista. Una prova di forza che già mette il suo compagno di squadra e la Ducati nel non proprio ottimale ruolo di inseguitori già… in affanno.

In qualche modo il volenteroso Sykes, che qui detiene ancora il record in prova e in gara datato 2013, ha contenuto i danni ma tre decimi sono già un passivo importante. Anche perché l’inglese, ormai è una costante, è più competitivo nel giro secco che sul passo gara, e se già non riesce ad infastidire il compagno di squadra, per lui sono dolori annunciati.

E la Ducati? Davies ha fatto il suo compitino, mantenendosi a portata di tiro di Rea. Il gallese è un “animale” da battaglia e ha già preferito lavorare sul passo gara che non sulla prestazione singola, anche se accusare già un distacco di oltre mezzo secondo può e deve preoccupare gli uomini Ducati.

Come preoccupa lo stop di Marco Melandri. La sessione del ravennate è durata meno di 10’ poi ha dovuto parcheggiare la sua Panigale, ammutolita per un problema al motore che al box Ducati stanno ancora cercando di capire. Sta di fatto che Marco è rimasto a sedere per tutto il tempo restante e questo senza dubbio peserà enormemente nell’economia del suo weekend, viste anche le sue conclamate difficoltà a trovare il giusto assetto quando la pista non è liscia come un tavolo da biliardo.

Problemi che non ha avuto sicuramente Leon Camier, autore di un prestigioso terzo tempo. Su questo tipo di pista la MV si dimostra sempre competitiva ma è indubbio che l’inglese ci mette molto del suo. Come sempre il segreto del successo sarà trovare continuità nel passo gara ma iniziare fin da subito a guardare la maggiore parte dei rivali dall’alto dà morale e fiducia.

Si è difeso bene anche Alex Lowes con la Yamaha, e questo è un bel segnale perché generalmente la R1 fa fatica ad adattarsi velocemente. L’inglese è stato l’ultimo dei piloti a girare sotto l’1’44” e soprattutto ha dato oltre mezzo secondo al compagno di squadra Michael van der Mark, autore della settima prestazione e speriamo con la testa ancora in SBK e non già sulla moto di Valentino Rossi...

Meglio di lui, per una manciata di decimi, ha fatto Eugene Laverty con la prima Aprilia in classifica, ma parliamo di un distacco da Rea di oltre 1”1, che diventano 1”7 per Lorenzo Savadori, decisamente troppo per una moto che dovrebbe essere a ridosso di Kawasaki e Ducati. Dietro a Xavi Fores, partenza un po’ abulica la sua, segnali di risveglio per Stefan Bradl, nono tempo mentre c’è parecchio lavoro da fare sulle BMW del team Althea, con Jordi Torres 11esimo e Raffaele De Rosa 15esimo.

A Portimao sono scese in pista tre new entry: Anthony West con la Kawasaki del Team Puccetti in sostituzione di RandyKrummenacher, Alessandro Andreozzi con la Yamaha del team Guandalini e l’annunciato TakumiTakahashi nel team Red Bull. I tre hanno chiuso nelle ultime tre posizioni e ci può stare per i primi due mentre ancora facciamo fatica a capire l’utilità del giapponese, ultimo a oltre 4”, che certamente migliorerà ma da lì a fornire valide indicazioni sulla CBR ne passa un bel po’.

Cla#PilotaMotoGiriTempoGapDistaccokm/h
1 1 united_kingdom Jonathan Rea Kawasaki 18 1'43.170     160.232
2 66 united_kingdom Tom Sykes Kawasaki 22 1'43.516 0.346 0.346 159.697
3 2 united_kingdom Leon Camier MV Agusta 25 1'43.729 0.559 0.213 159.369
4 7 united_kingdom Chaz Davies Ducati 20 1'43.750 0.580 0.021 159.336
5 22 united_kingdom Alex Lowes Yamaha 20 1'43.995 0.825 0.245 158.961
6 50 united_kingdom Eugene Laverty Aprilia 16 1'44.286 1.116 0.291 158.517
7 60 netherlands Michael van der Mark Yamaha 21 1'44.552 1.382 0.266 158.114
8 12 spain Javier Fores Ducati 21 1'44.608 1.438 0.056 158.029
9 6 germany Stefan Bradl Honda 24 1'44.834 1.664 0.226 157.689
10 32 italy Lorenzo Savadori Aprilia 18 1'44.910 1.740 0.076 157.575
11 81 spain Jordi Torres BMW 20 1'45.140 1.970 0.230 157.230
12 36 argentina Leandro Mercado Aprilia 20 1'45.211 2.041 0.071 157.124
13 40 spain Roman Ramos Kawasaki 23 1'45.361 2.191 0.150 156.900
14 86 italy Ayrton Badovini Kawasaki 17 1'45.518 2.348 0.157 156.667
15 35 italy Raffaele De Rosa BMW 18 1'45.570 2.400 0.052 156.589
16 84 italy Riccardo Russo Yamaha 19 1'45.669 2.499 0.099 156.443
17 37 czech_republic Ondřej Ježek Kawasaki 18 1'46.484 3.314 0.815 155.245
18 13 australia Anthony West Kawasaki 21 1'46.915 3.745 0.431 154.620
19 33 italy Marco Melandri Ducati 2 1'47.019 3.849 0.104 154.469
20 121 italy Alessandro Andreozzi Yamaha 19 1'47.137 3.967 0.118 154.299
21 72 japan Takumi Takahashi Honda 29 1'47.305 4.135 0.168 154.058

 

Prossimo Articolo
Honda: Takahashi primo giapponese in SBK dai tempi di Haga

Articolo precedente

Honda: Takahashi primo giapponese in SBK dai tempi di Haga

Prossimo Articolo

Portimao, Libere 2: Rea non si ferma più. Melandri risale, terzo Davies

Portimao, Libere 2: Rea non si ferma più. Melandri risale, terzo Davies
Carica commenti