Nicky Hayden, il campione rimasto umano

Tre anni fa moriva Nicky Hayden, a seguito di un incidente stradale avvenuto a Misano Adriatico mentre si allenava in bicicletta. Ma il ricordo di Kentucky Kid è ancora vivo e continua ad essere amato da chiunque lo abbia seguito e conosciuto.

Nicky Hayden, il campione rimasto umano

Misano Adriatico a metà maggio profuma già di estate, il caldo e le passeggiate al mare riempiono le giornate in attesa che la piccola cittadina romagnola inizi a brulicare di piloti e squadre del Mondiale Superbike, che ogni anno fanno tappa al Misano World Circuit Marco Simoncelli per uno dei round più attesi della stagione. L’avvicinamento a questo appuntamento è uno dei preferiti da molti piloti, che qui si recano con grande anticipo per un piccolo assaggio della tipica ‘vacanza italiana’.

Nel weekend di gara, l’odore del mare si mischia con il profumo dell’asfalto, delle gomme, in un ritmo frenetico che non lascia spazio per pensare. Ma uscendo dal circuito ed andando verso l’interno della cittadina ci si ritrova in un angolo di strada surreale, che riporta alla mente momenti che il mondo del motorsport non vorrebbe mai vivere.

All’incrocio tra via Ca’ Raffaeli e via Tavoleto c’è un piccolo giardino, un vero e proprio angolo verde con una lastra di vetro che raffigura Nicky Hayden nel giorno della vittoria del suo unico titolo mondiale in MotoGP. Non è un posto come un altro, la pace ed il silenzio che accolgono chiunque passi di lì ricordano la frenesia di quei giorni di maggio del 2017. Tre anni fa, proprio il 22 maggio, ci lasciava Kentucky Kid dopo una settimana di lotta in ospedale a seguito di un incidente in bicicletta avvenuto qualche giorno prima nel punto dove ora sorge il suo memorial.

Nel sedersi sulla panchina posta nel piccolo giardino intitolato al pilota scomparso, tornano alla mente tutti i momenti della sua carriera, dal debutto nella classe regina del mondiale al titolo conquistato a Valencia, dal passaggio in Superbike alla prima (ed unica) vittoria sul bagnato a Sepang in sella alla Honda. Ma Nicky Hayden non è stato solo questo. Lo statunitense è rimasto nel cuore di appassionati ed addetti ai lavori non solamente per quanto fatto vedere in pista. Ha regalato sorrisi, di quelli che solo lui sapeva fare, ha speso parole e compiuto gesti che lo hanno sempre contraddistinto come una delle persone più pulite, solari ed umili dell’intero paddock.

Era arrivato sul tetto del mondo, aveva conquistato la fama, ma restava sempre il ragazzo semplice che proveniva dalle campagne del Kentucky. In pista veniva nominato ‘il mostro della Laguna’, in onore delle sue splendide vittorie sul suo circuito di casa, Laguna Seca. Ma una volta tolti casco e tuta tornava l’uomo normale, che aveva progetti di vita oltre le corse e sognava un futuro che gli è stato strappato tragicamente quel 22 maggio 2017.

L’intero mondo delle due ruote è ancora oggi attonito, in ogni circuito la presenza di Nicky Hayden è prepotente e sembra quasi che debba incrociare il cammino e lo sguardo di ognuno da un momento all’altro. Chiunque ricordi Nicky, lo fa parlando ancora al presente, perché continua a vivere nel cuore di chi l’ha conosciuto, di chi l’ha ammirato e di chi ha avuto il privilegio di poter condividere con lui attimi della propria vita.

Nicky Hayden è stato un grande campione in pista, memorabile è la gara di Valencia del 2006, in cui riuscì ad interrompere il dominio di Valentino Rossi consacrandosi campione del mondo in MotoGP. Dopo qualche difficoltà nel mondiale prototipi, è passato alle derivate di serie, incantando il pubblico con le azioni di gara e conquistando l’affetto degli appassionati in Superbike con la meravigliosa vittoria a Sepang, sotto una pioggia scrosciante. Risale al 2016 la sua ultima vittoria, poco più di un anno prima della tragica scomparsa, a cui ancora si fa fatica a credere.

I ricordi dei giorni concitati a seguito dell’incidente stradale avvenuto il 17 maggio 2017, i comunicati che aggiornavano sulle condizioni di salute e la notizia che nessuno avrebbe voluto né dare né ricevere sembrano un brutto incubo. Sembra ancora incredibile e surreale, perché nonostante tutto, è ancora vivo il ricordo di Kentucky Kid, che continua a correre in ogni pista, in ogni angolo del mondo, dove ha lasciato un segno indelebile.

Nicky Hayden

Nicky Hayden
1/36

Foto di: Repsol Media

Nicky Hayden

Nicky Hayden
2/36

Foto di: Bob Heathcote

Marco Melandri e Nicky Hayden

Marco Melandri e Nicky Hayden
3/36

Foto di: Team Gresini

Nicky Hayden

Nicky Hayden
4/36

Foto di: Ducati Corse

Valentino Rossi and Nicky Hayden

Valentino Rossi and Nicky Hayden
5/36

Foto di: Ducati Corse

Podium: race winner Marco Melandri with Valentino Rossi and Nicky Hayden

Podium: race winner Marco Melandri with Valentino Rossi and Nicky Hayden
6/36

Foto di: Gresini Racing

Nicky Hayden and Valentino Rossi

Nicky Hayden and Valentino Rossi
7/36

Foto di: Repsol Media

Nicky Hayden and Casey Stoner present the new Ducati Desmosedici GP10

Nicky Hayden and Casey Stoner present the new Ducati Desmosedici GP10
8/36

Foto di: Ducati Corse

Nicky Hayden, Repsol Honda Team festeggia

Nicky Hayden, Repsol Honda Team festeggia
9/36

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Nicky Hayden, Repsol Honda Team festeggia sul podio

Nicky Hayden, Repsol Honda Team festeggia sul podio
10/36

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Nicky Hayden, Repsol Honda Team festeggia

Nicky Hayden, Repsol Honda Team festeggia
11/36

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Nicky Hayden, Repsol Honda Team

Nicky Hayden, Repsol Honda Team
12/36

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Race winner Nicky Hayden celebrates

Race winner Nicky Hayden celebrates
13/36

Foto di: Todd Corzett

Nicky Hayden

Nicky Hayden
14/36

Foto di: Todd Corzett

2006 MotoGP World Champion Nicky Hayden celebrates

2006 MotoGP World Champion Nicky Hayden celebrates
15/36

Foto di: Repsol Media

2006 MotoGP World Champions photoshoot: 125 champion Alvaro Bautista, MotoGP champion Nicky Hayden, 250 champion Jorge Lorenzo

2006 MotoGP World Champions photoshoot: 125 champion Alvaro Bautista, MotoGP champion Nicky Hayden, 250 champion Jorge Lorenzo
16/36

Foto di: Repsol Media

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team
17/36

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team
18/36

Foto di: Honda Racing

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team
19/36

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team
20/36

Foto di: Honda Racing

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team
21/36

Foto di: Honda Racing

il vincitore Nicky Hayden, Honda WSBK Team

il vincitore Nicky Hayden, Honda WSBK Team
22/36

Foto di: Honda

Il vincitore Nicky Hayden, Honda WSBK Team

Il vincitore Nicky Hayden, Honda WSBK Team
23/36

Foto di: Honda

Il vincitore Nicky Hayden, Honda WSBK Team

Il vincitore Nicky Hayden, Honda WSBK Team
24/36

Foto di: Honda

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team
25/36

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team
26/36

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team
27/36

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team
28/36

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team

Nicky Hayden, Honda World Superbike Team
29/36

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Tributo a Nicky Hayden

Tributo a Nicky Hayden
30/36

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Tributo a Nicky Hayden con tutte le moto

Tributo a Nicky Hayden con tutte le moto
31/36

Tributo a Nicky Hayden con tutte le moto

Tributo a Nicky Hayden con tutte le moto
32/36

Visita al giardino alla memoria di Nicky Hayden, realizzato nei pressi del luogo del suo fatale incidente in bicicletta

Visita al giardino alla memoria di Nicky Hayden, realizzato nei pressi del luogo del suo fatale incidente in bicicletta
33/36

Foto di: Gerald Dirnbeck

Nicky Hayden memorial

Nicky Hayden memorial
34/36

La collina di Nicky Hayden

La collina di Nicky Hayden
35/36

Foto di: MotoGP

Bike of Nicky Hayden, Repsol Honda Team

Bike of Nicky Hayden, Repsol Honda Team
36/36

Foto di: Repsol Media

condivisioni
commenti
Ducati osserva la crescita del figlio d'arte Oli Bayliss

Articolo precedente

Ducati osserva la crescita del figlio d'arte Oli Bayliss

Prossimo Articolo

SBK, Redding: “Razgatlioglu più pronto di Rea per la MotoGP”

SBK, Redding: “Razgatlioglu più pronto di Rea per la MotoGP”
Carica commenti
WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation Prime

WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation

Prima puntata podcast di Debriefing WSBK, in cui Lorenza D'Adderio e Giacomo Rauli commentano il round di Misano Adriatico della classe regina delle moto derivate di serie. Buon ascolto!

WSBK
13 giu 2021
SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto? Prime

SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto?

Jonathan Rea conquista due gare su tre nel weekend dell’Estoril e allunga in classifica, approfittando di un passo falso di Scott Redding, scivolato in Gara 2 e ora inseguitore con un distacco già piuttosto importante.

WSBK
2 giu 2021
Kawasaki limitata dai giri motori ma trionfa: tutti zitti e buoni Prime

Kawasaki limitata dai giri motori ma trionfa: tutti zitti e buoni

Jonathan Rea ha dominato due delle tre gare disputate ad Aragon, round di apertura della stagione SBK. Il pilota Kawasaki è stato più forte dei limiti imposti dal regolamento e gli avversari devono già correre ai ripari.

WSBK
26 mag 2021
SBK, inizia il 2021: Rea non abdica, ma i rivali pressano Prime

SBK, inizia il 2021: Rea non abdica, ma i rivali pressano

Inizia la stagione 2021 del mondiale Superbike e c’è fermento per il nuovo campionato che è alle porte. Sarà ancora Rea a dettare legge o dovrà cedere lo scettro dopo sei titoli mondiali?

WSBK
19 mag 2021
SBK: per Ducati e Yamaha il ‘Gioco del Trono’ parte dai test Prime

SBK: per Ducati e Yamaha il ‘Gioco del Trono’ parte dai test

I test di Aragon svolti da Ducati e Yamaha hanno chiarito le idee alle squadre e lasciato alcuni dubbi che verranno dissipati solamente con l’inizio della stagione. L’unica certezza è che al momento i due team impegnati al Motorland possono essere davvero i veri contendenti al titolo 2021, in una stagione che vede Rea ancora come l’uomo da battere.

WSBK
14 apr 2021
Rea è ancora l’uomo da battere: si apre la caccia al ‘Cannibale’ Prime

Rea è ancora l’uomo da battere: si apre la caccia al ‘Cannibale’

Gli ultimi test collettivi svolti a Barcellona si sono conclusi nel segno di Jonathan Rea, che ancora una volta appare come l’uomo da battere. Ma Ducati e Yamaha non stanno a guardare e si candidano come le due squadre pronte a fermare il dominio Kawasaki.

WSBK
4 apr 2021
Ducati, la squadra pioniera che ancora sfiora il titolo Prime

Ducati, la squadra pioniera che ancora sfiora il titolo

Il team Aruba.it Racing – Ducati ha presentato la Panigale V4R che sarà incaricata di fermare il dominio Kawasaki. Ma le innovazioni della pioniera Casa bolognese e la determinazione dei piloti saranno in grado di mettere un freno a Rea?

WSBK
25 mar 2021
Davies e GoEleven, gli indipendenti che puntano in alto Prime

Davies e GoEleven, gli indipendenti che puntano in alto

Il team GoEleven ha presentato la nuova moto che scenderà in pista nella stagione 2021 e sarà affidata a Chaz Davies. Inizia una nuova avventura per il gallese, che avrà il supporto di Ducati e sarà equipaggiato della Panigale V4R aggiornata. Il nuovo binomio ha grandi sogni e ambizioni.

WSBK
20 mar 2021