Morte Hayden: la famiglia di Nicky chiede 6 milioni di euro di risarcimento all'automobilista che lo investì nel 2017

condivisioni
commenti
Morte Hayden: la famiglia di Nicky chiede 6 milioni di euro di risarcimento all'automobilista che lo investì nel 2017
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
28 ago 2018, 14:19

La famiglia del campione del 2006 di MotoGP chiede un risarcimento economico al ragazzo che investì Nicky dopo la mancata precedenza di quest'ultimo tra via Ca' Raffaelli e via Tavoleto, nei pressi dell'autodromo di Misano Adriatico.

A poco più di un anno dalla morte di Nicky Hayden, scomparso in seguito a gravissime lesioni riportate in un incidente stradale mentre era intento ad allenarsi in bicicletta nei pressi dell'Autodromo Marco Simoncelli di Misano Adriatico, la famiglia del campione del mondo di MotoGP 2006 ha deciso di chiedere un risarcimento al ragazzo che lo travolse il 17 maggio del 2017.

Ricordiamo che la dinamica dell'incidente parla di una mancata precedenza di Hayden una volta giunto all'incrocio fra cia Ca' Raffaelli e via Tavoleto, punto in cui il 31enne di Morciano ha investito poi il campione di MotoGP, con quest'ultimo che alla guida della sua Peugeot stava procedendo con un'andatura superiore ai 50 km/h consentiti in quel tratto.

Stando a quanto riportato da "Il Resto del Carlino", la cifra richiesta dalla famiglia di Nicky ammonterebbe a 6 milioni di euro ed è stata fatta pervenire ai legali del 31enne di Morciano, Pierluigi Autunno e Francesco Pisciotti, che il 17 maggio investì Hayden. Ricordiamo inoltre che il processo per omicidio stradale inizierà il 10 ottobre a Rimini.

Le tre perizie effettuate - una dalla Procura, dal perito della difesa e dalla parte civile - sono contrastanti. Secondo quella della Procura il 31enne di Morciano al momento dell'incidente procedeva a 72,8 km/h, dunque ben 22,8 km/h oltre il limite consentito in quel tratto. Se avesse rispettato i limiti imposti avrebbe avuto il tempo di evitare l'incidente.

Dall'altra parte c'è quella della difesa, che ricorda come l'automobilista sia risultato negativo all'alcol test e che se anche avesse rispettato i 50 km/h Hayden sarebbe comunque finito contro la vettura. Dunque una visione opposta, che punta il dito sulla mancata precedenza di Nicky.

Prossimo articolo WSBK
Kawasaki e Rea hanno provato nei test di Portimao alcune novità di telaio per il finale di stagione

Articolo precedente

Kawasaki e Rea hanno provato nei test di Portimao alcune novità di telaio per il finale di stagione

Prossimo Articolo

I test di Portimao portano ottimismo in casa Yamaha, che mette la Ducati nel mirino

I test di Portimao portano ottimismo in casa Yamaha, che mette la Ducati nel mirino
Carica commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP , WSBK
Piloti Nicky Hayden Acquista adesso
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Ultime notizie