Misano, Libere 1: un impetuoso Giugliano mette tutti alle spalle

Davide Giugliano ha regalato alla Ducati il primo tempo nelle Libere 1 dell'appuntamento di Misano Adriatico. Ottimo secondo posto per Nicky Hayden (Honda) davanti alla Kawasaki ufficiale di Tom Sykes. Davies è settimo.

Misano, Libere 1: un impetuoso Giugliano mette tutti alle spalle

Che fosse in grande ascesa nelle ultime gare era più che palese, ma Davide Giugliano ha subito impresso il suo marchio nel primo turno di prove libere della World Superbike sul tracciato di casa, il Marco Simoncelli di Misano Adriatico, portando la sua Ducati 1199 Panigale R ufficiale davanti a tutti.

Il pilota romano ha fermato il cronometro il 1'35"460, prendendo la vetta della classifica negli ultimi 5 minuti della sessione e resistendo sino allo sventolare della bandiera a scacchi. Un bell'inizio per la Ducati, che sul tracciato romagnolo presenta diverse novità sulla propria Panigale ufficiale.

Ottimo inizio per il team Honda Ten Kate, grazie a un Nicky Hayden particolarmente ispirato. Il centauro nativo del Kentucky è riuscito ad arrampicarsi sino alla seconda posizione nella seconda parte del turno, portando a casa un risultato di tutto rispetto per la CBR1000RR. Nicky conosce piuttosto bene la pista e il suo risultato è prova tangibile del suo feeling con il layout di Misano. Buona prestazione anche per Michael van der Mark, accreditato del nono tempo assoluto, anche se staccato di sei decimi dall'americano.

La prima Kawasaki ZX-10R ufficiale nella classifica delle Libere 1 è quella di Tom Sykes. Il pilota britannico è reduce dalla fantastica doppietta di Donington Park, colta appena due settimane fa, e anche sulla Riviera romagnola sembra essere partito nel migliore dei modi. Un po' più in difficoltà Jonathan Rea, quinto assoluto, staccato di 369 millesimi dalla vetta e di un decimo e mezzo dal compagno di squadra.

Stupisce in positivo l'ottima prestazione dello spagnolo Xavi Forés. L'iberico ha portato la Ducati 1199 Panigale R del team Barni Racing in quarta posizione, stretto nella morsa delle due Kawasaki Ninja ufficiali di Sykes e Rea.

Sorrisi anche in casa Althea BMW Racing per il sesto posto assoluto di Markus Reiterberger. Il tedesco è risultato di gran lunga il miglior pilota in sella a una due ruote bavarese, mentre il suo compagno di squadra Jordi Torres si è dovuto accontentare della prima posizione al di fuori della Top Ten.

Non ha invece impressionato quanto il compagno di squadra Chaz Davies. Il gallese della Ducati è il principale rivale delle Kawasaki per la lotta al titolo mondiale piloti, ma, dopo le difficoltà patite a Donington, sembra aver trovato qualche difficoltà in più rispetto a Giugliano in questo primo turno di libere. Ottavo tempo per Alex Lowes, primo pilota in classifica del team Creascent Pata Yamaha.

Detto della nona posizione di van der Mark, la Top Ten è stata chiusa dalla prima Aprilia RSV4 RF, quella del nostro Lorenzo Savadori. Il nostro connazionale è l'ultimo pilota a essere riuscito a rimanere sotto il secondo di divario dal tempo di Giugliano. Da segnalare infine il 15esimo crono assoluto di Niccolò Canepa, al debutto con la Yamaha YZF-R1 ufficiale del team Crescent Pata.

Cla#PilotaMotoGiriTempoGapDistaccokm/h
1 34  Davide Giugliano  Ducati 20 1'35.460     159.371
2 69  Nicky Hayden  Honda 23 1'35.635 0.175 0.175 159.079
3 66  Tom Sykes  Kawasaki 25 1'35.662 0.202 0.027 159.034
4 12  Xavi Forés  Ducati 20 1'35.809 0.349 0.147 158.790
5 1  Jonathan Rea  Kawasaki 21 1'35.829 0.369 0.020 158.757
6 21  Markus Reiterberger  BMW 22 1'35.926 0.466 0.097 158.597
7 7  Chaz Davies  Ducati 26 1'36.057 0.597 0.131 158.380
8 22  Alex Lowes  Yamaha 20 1'36.146 0.686 0.089 158.234
9 60  Michael van der Mark  Honda 21 1'36.242 0.782 0.096 158.076
10 32  Lorenzo Savadori  Aprilia 25 1'36.436 0.976 0.194 157.758
11 81  Jordi Torres  BMW 22 1'36.718 1.258 0.282 157.298
12 17  Karel Abraham  BMW 22 1'37.079 1.619 0.361 156.713
13 15  Alex de Angelis  Aprilia 23 1'37.092 1.632 0.013 156.692
14 40  Roman Ramos  Kawasaki 26 1'37.124 1.664 0.032 156.640
15 59  Niccolo Canepa  Yamaha 17 1'37.174 1.714 0.050 156.560
16 13  Anthony West  Kawasaki 22 1'37.239 1.779 0.065 156.455
17 2  Leon Camier  MV Agusta 22 1'37.551 2.091 0.312 155.955
18 25  Joshua Brookes  BMW 24 1'37.590 2.130 0.039 155.893
19 9  Dominic Schmitter  Kawasaki 25 1'39.327 3.867 1.737 153.166
20 119  Pawel Szkopek  Yamaha 27 1'39.331 3.871 0.004 153.160
21 4  Gianluca Vizziello  Kawasaki 23 1'39.718 4.258 0.387 152.566
22 56  Peter Sebestyen  Yamaha 20 1'40.194 4.734 0.476 151.841
23 61  Fabio Menghi  Ducati 18 1'40.925 5.465 0.731 150.741
24 11  Saeed Al Sulaiti  Kawasaki 22 1'41.192 5.732 0.267 150.343
condivisioni
commenti
Quante novità portate dalla Ducati per il round di Misano Adriatico!

Articolo precedente

Quante novità portate dalla Ducati per il round di Misano Adriatico!

Prossimo Articolo

Misano, Libere 2: Hayden sorprende tutti. Rea, che passo gara!

Misano, Libere 2: Hayden sorprende tutti. Rea, che passo gara!
Carica commenti
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021
Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti" Prime

Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti"

In questo nuovo appuntamento con Il Rosa dei Motori, Lorenza D'Adderio intervista Ana Carrasco. La campionessa del Mondiale SSP300 del 2018 si racconta, evidenziando quanto l'ottimismo e l'entusiasmo siano ingredienti fondamentali per chi, come lei, ha dovuto recuperare le forze dopo un tremendo infortunio. Una motociclista temeraria e di talento, che non è indifferente a un altro grande campione come Jonathan Rea...

WSBK
22 lug 2021
BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita? Prime

BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita?

Tom Sykes e Michael van der Mark difficilmente dimenticheranno il round di Donington, grazie ai podi conquistati e alla solidità mostrata durante tutto il weekend. BMW convince e non vuole che questi risultati siano una tantum. L’obiettivo in Olanda è dimostrare di essere cresciuti davvero e di poter dire la propria, dando prova del fatto che Donington è stato solo il punto di partenza di una rinascita.

WSBK
9 lug 2021
Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale? Prime

Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale?

Scott Redding mette in archivio il round di Donington, il peggiore della sua stagione fino ad ora. Due zeri e neanche un podio sono il bilancio di un weekend che potrebbe segnare la fine della lotta iridata. "Difficile ma non impossibile", dice Redding. Ma da Assen serve la svolta.

WSBK
6 lug 2021