Misano, Libere 1: Biaggi è subito “Corsaro”!

Il romano ha imposto la sua legge sin dal primo tentativo. Davies secondo a quasi cinque decimi!

Misano, Libere 1: Biaggi è subito “Corsaro”!
Carica lettore audio

Dal 7 novembre 2012 sono passati più di due anni e mezzo ma Massimiliano Biaggi – in arte “Max” - ha deciso di prendere la macchina del tempo e tornare a quei giorni, quando conquistò meritatamente il secondo titolo mondiale Superbike della sua carriera. Il “Corsaro” ha infatti impressionato tutti, terminando in prima posizione il primo turno di prove libere sul circuito romagnolo di Misano Adriatico, intitolato a Marco Simoncelli.

Biaggi, rispetto ad Haslam e Torres, si distingue non solo dalla carena, che presenta una livrea differente, ma anche dalle prestazioni. Dopo il classico giro di installazione il romano ha iniziato subito a tirare e ha messo tutti in fila sin da subito, non lasciandosi mai superare per tutta la durata del primo turno di libere.

Max, nella prima parte della sessione, ha distanziato Sykes di quattro decimi, ma il tempo non appariva ancora indicativo per trarre le prime conclusioni. Inutile sottolineare il boato della gente accorsa a Misano quando Biaggi ha stampato il 1'35”684 che gli è valso il primo posto assoluto. Stupore, certo, ma è un bel segnale per questo fine settimana, che potrebbe vedere l'inserimento del pilota laziale nella lotta per le posizioni che contano.

Secondo tempo assoluto per la prima delle Ducati, la Panigale R di Chaz Davies, bravo a sopravanzare le due Kawasaki ufficiali proprio all'ultimo tentativo e rendere il passivo meno pesante da Biaggi, che lo ha comunque staccato di quasi mezzo secondo. Un'eternità. Jonathn Rea si è dovuto accontentare del terzo tempo, ma a pochi millesimi dal connazionale della Ducati. Johnny è sembrato andare molto cauto in questo primo turno, probabilmente ha cercato il miglior assetto per la sua Ninja, in modo da iniziare a spingere di più nel corso di questo pomeriggio.

La seconda – piacevole – sorpresa di giornata arriva da Markus Reiterberger. Il pilota tedesco ha portato la prima BMW S1000 RR in quarta posizione, a 556 millesimi di secondo dal miglior tempo dell'Aprilia numero 3. Stupisce anche il quinto posto di Sylvain Guintoli, battuto dal tedesco per appena un decimi di secondo. E' andata peggio a Michael van der Mark, caduto a meno di tre minuti dal termine delle Libere 1. L'olandese è rimato incolume seppur zoppicante, invece la sua Honda CBR1000 dovrà subire parecchie riparazioni per essere pronta per le Libere 2 di questo pomeriggio.

Sesto crono per Tom Sykes, scivolato fuori dalla Top Five proprio negli ultimi secondi delle libere mattutine, di poco davanti alla seconda Aprilia ufficiale, quella di Jordi Torres. Lo spagnolo si è costantemente migliorato nel corso del turno, ma il distacco che paga da Biaggi, oltre sette decimi, dovrebbe far preoccupare il box di Noale, così come quello denotato da Haslam – nono – a quasi un secondo di ritardo dal crono di riferimento.

Ottavo tempo per Alex Lowes con la prima Suzuki GSX-R1000, mentre Ayrton Badovini ha chiuso la Top Ten in sella alla sua BMW S1000 RR. Da segnalare la caduta che ha visto protagonista Davide Giugliano nel suo giro di installazione. Dopo pochi chilometri dall'uscita dei box, il ducatista è caduto in seguito a un highside a bassa velocità, che lo ha comunque catapultato a tre metri da terra per poi farlo cadere in maniera rovinosa. Il pilota laziale sta bene, ma ha subito un colpo a una gamba. La Panigale numero 34, invece, avrà bisogno di poche riparazioni per essere pronta per le Libere 2 di questo pomeriggio.

condivisioni
commenti
Biaggi a cuore aperto: "Mancano personaggi in SBK"
Articolo precedente

Biaggi a cuore aperto: "Mancano personaggi in SBK"

Prossimo Articolo

Misano, Libere 2: Biaggi si conferma ancora in vetta!

Misano, Libere 2: Biaggi si conferma ancora in vetta!
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Most, teatro di scontro tra Redding e Razgatlioglu Prime

Le migliori gare del 2021: Most, teatro di scontro tra Redding e Razgatlioglu

A Most, Toprak Razgatlioglu e Scott Redding si sono scontrati nella lotta per la vittoria. Il pilota Yamaha ha avuto la meglio con un sorpasso deciso all’ultimo giro che il portacolori Ducati ha giudicato troppo aggressivo. Il duello è andato avanti con una breve polemica al termine di Gara 1, ma in un round che ha riaperto il mondiale le tensioni si sono alleggerite quasi subito.

WSBK
24 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Rinaldi e la Ducati tingono Misano tricolore Prime

Le migliori gare del 2021: Rinaldi e la Ducati tingono Misano tricolore

Quella di Michael Ruben Rinaldi è stata una stagione di alti e bassi, con una seconda metà decisamente complicata. Tuttavia il pilota romagnolo archivia il 2021 con la grande soddisfazione di aver conquistato una stratosferica doppietta a Misano, nel round di casa davanti al proprio pubblico. E battendo colui che sarebbe poi diventato campione del mondo, Toprak Razgatlioglu.

WSBK
10 gen 2022
SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale Prime

SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale

Toprak Razgatlioglu è il nuovo campione del mondo della Superbike, il turco è riuscito a battere Rea dopo sei anni di dominio incontrastato. Ma il titolo del pilota Yamaha non rappresenta solo un cambiamento al vertice, segna anche il rinnovo del campionato, un ricambio generazionale che disegna un bel futuro per le derivate di serie.

WSBK
24 nov 2021
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021