Melandri: "Ora conosco meglio la Ducati, a Buriram possiamo fare bene"

Il ravennate arriva in Thailandia da leader del Mondiale Superbike dopo la grande doppietta di Phillip Island e farà di tutto per rimanere al vertice. Davies cercherà invece il riscatto.

Dopo aver conquistato una straordinaria doppietta al termine di due gare molto concitate nel round di apertura con Marco Melandri, ed un ulteriore podio in Gara 1 con Chaz Davies, il team Aruba.it Racing - Ducati è pronto a tornare in azione sul circuito di Buriram (Thailandia) per il secondo appuntamento del Campionato Mondiale Superbike 2018, in programma dal 23 al 25 marzo.

Il tracciato tailandese, sia a causa della sua configurazione che del clima torrido, ha sempre rappresentato un banco di prova impegnativo; tuttavia, sia Melandri che Davies sono quanto mai determinati a riscrivere le statistiche personali che indicano un terzo ed un secondo posto come i risultati migliori ottenuti a Buriram rispettivamente. In particolare, Melandri vuole innanzitutto confermare i progressi fatti in sella alla Panigale R per difendere la leadership in classifica. Davies, dal canto suo, è ottimista alla luce delle sensazioni riscontrate in gara in Australia e pronto a scalare la classifica prima dell'inizio della fase europea del campionato.

Il team Aruba.it Racing - Ducati tornerà in pista venerdì alle 09:45 locali (CET +6) per la prima sessione di prove libere.

Marco Melandri, dopo aver centrato una clamorosa doppietta a Phillip Island, guarda con fiducia all'appuntamento thailandese di Buriram. "La pista di Buriram è senza dubbio particolare, ma a me piace. Pur non essendo tra le più tecniche, resta un tracciato molto divertente da affrontare. Lo scorso anno il nostro primo rivale fu il caldo, perché con 40 gradi ho sofferto più del previsto, quindi spero che le condizioni siano un po' più favorevoli nel weekend".

"Bisogna però anche considerare che allora avevo molta meno esperienza con la Panigale R. Nelle gare del 2017 Sykes mi ha passato due volte all'ultima curva, ora sono molto più determinato e più pronto, quindi non vedo l'ora di tornare in pista".

Chaz Davies cercherà invece di imitare quanto fatto dal compagno di squadra nella prima uscita stagionale. Il gallese è curioso di capire quale sarà il potenziale della Panigale a Buriram. "Dopo un buon inizio a Phillip Island, ho buone sensazioni in vista del secondo round in Thailandia. Quella di Buriram è una buona pista per verificare il nostro livello e capire meglio la nostra competitività in configurazione 2018, ma anche per riprendere da dove avevamo lasciato in Australia".

"La caduta in Gara 2 ovviamente non ci voleva, ma il lato positivo è che mi sono sentito a mio agio in sella, sia fisicamente che come sensazioni, e voglio confermare la nostra competitività. Il caldo a Buriram rende le cose più difficili per tutti, ma ogni anno ci siamo avvicinati alla vittoria e spero che questa volta possiamo colmare interamente il gap. Sono molto motivato e non vedo l'ora di correre questo weekend".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Evento Buriram
Circuito Chang International Circuit
Piloti Marco Melandri , Chaz Davies
Team Ducati Team
Articolo di tipo Preview