Melandri: “La Yamaha si adatta meglio al mio stile di guida”

condivisioni
commenti
Melandri: “La Yamaha si adatta meglio al mio stile di guida”
Di:
17 gen 2019, 11:56

Il ravennate è pronto per i prossimi test Superbike in sella alla Yamaha del team GRT. Progetto nuovo e nuova avventura, che Melandri accoglie con entusiasmo e fiducia.

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK Team
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK Team
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK Team
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK Team
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK Team
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK Team
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK Team

Nuovo anno, nuovo regolamento, nuova moto. Il 2019 di Marco Melandri in Superbike inizia con un’avventura che lo porta un po’ indietro nel tempo. Dopo l’addio alla Ducati, il ravennate torna in sella ad una Yamaha, la stessa moto con cui ha debuttato nel mondiale delle derivate di serie nel 2011. Un ‘ritorno al futuro’ per Melandri, che accoglie questa nuova sfida con grande entusiasmo.

Il progetto è tutto nuovo, guiderà la R1 del team GRT Yamaha, grande novità in Superbike. La squadra, che fino allo scorso anno ha disputato il mondiale Supersport con Lucas Mahias e Federico Caricasulo, ha investito esclusivamente nella massima classe portando con sé un pilota di grande esperienza come Marco Melandri. A fianco a lui un esordiente che promette, Sandro Cortese, campione in carica della Supersport.

I test invernali si avvicinano, così come l’inizio della stagione e Melandri è impaziente di intraprendere questo nuovo percorso con una moto con cui si sente a proprio agio: “Per me è una grande opportunità, credo che il carattere di Yamaha si adatti bene al mio stile di guida, forse meglio rispetto ad altre moto. Ho colto questa occasione con entusiasmo, senza pressione, penso solo un passo alla volta”.

“Il team è nuovo e spero che la mia esperienza possa aiutare a crescere velocemente”, continua il ravennate parlando del nuovo progetto in Superbike. “Sono sicuro che possiamo ottenere buoni risultati, sicuramente vogliamo lottare per il podio ogni weekend e provare anche a vincere qualche gara. Credo che ognuno di noi, pian piano impari qualcosa. La motivazione è alta e siamo tutti molto entusiasti. Possiamo essere forti”.

Il team GRT Yamaha ha messo insieme un veterano ed un debuttante, entrambi piloti d’eccezione che vorranno dimostrare di essere competitivi da subito. Parlando di Cortese, Melandri afferma: “Tra compagni di squadra la rivalità c’è sempre, ma credo che Sandro sia un bravo ragazzo. Il suo stile di guida sembra molto adatto ad una moto grande come questa, quindi crescerà molto velocemente. Credo che per lui sarà buono anche avermi in squadra con lui perché ho molta esperienza, quindi può imparare tanto. Dovrò provare a non fargli imparare troppo!”.

La Superbike volerà a Jerez nei prossimi giorni per i test, ma una prima anticipazione del 2019 la abbiamo avuta a novembre, quando il mondiale è stato sul circuito andaluso per due giorni di prove, in cui ognuno ha iniziato a capire su quale strada andare. Queste le impressioni di Melandri, che guarda con fiducia anche al futuro prossimo: “I test sono stati buoni, si è trattato di un primo assaggio per tutti. Tanti ragazzi sono nuovi in Superbike, quindi c’erano dei setup da fare e c’è anche un nuovo modo di lavorare. Devono capire quali sono le mie richieste, ma passo dopo passo si può progredire e nel complesso siamo andati bene. Abbiamo tempo per capire altre cose, come l’elettronica o cosa ci aspettiamo durante il weekend. Sono molto fiducioso e contento”.

Prossimo Articolo
Video: Yamaha svela la livrea 2019 della R1 di Superbike affidata a van der Mark e Lowes

Articolo precedente

Video: Yamaha svela la livrea 2019 della R1 di Superbike affidata a van der Mark e Lowes

Prossimo Articolo

Presentato a Motor Bike Expo il team Pedercini Racing 2019 di Superbike e Supersport

Presentato a Motor Bike Expo il team Pedercini Racing 2019 di Superbike e Supersport
Carica commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Piloti Marco Melandri
Team GRT Racing Team
Autore Lorenza D'Adderio