Laverty attacca: “Rea è senza spina dorsale, Bautista è stupido”

Eugene Laverty afferma che la decisione di Jonathan Rea di non prendere parte al boicottaggio di Gara 1 in Argentina è stata “senza spina dorsale”, dopo che inizialmente aveva deciso di non schierarsi per via delle condizioni pericolose della pista.

Laverty attacca: “Rea è senza spina dorsale, Bautista è stupido”

Polvere ed olio in pista a Villicum hanno causato molti problemi a tutti i piloti durante tutto il fine settimana, così il 90% dei piloti ha deciso di non correre il sabato alla luce delle condizioni della pista pessime incontrate in Superpole.

Alla fine, solo Eugene Laverty, Chaz Davies, Sandro Cortese, Marco Melandri, Leon Camier e Ryuichi Kiyonari non hanno preso parte alla gara, mentre i restanti 12 si sono schierati in griglia di partenza. All’appello è mancato Loris Baz, che è stato dichiarato non idoneo a correre a causa di un dolore alla testa causato da una caduta in Superpole.

Parlando con Eurosport, Laverty ha dichiarato che gli organizzatori hanno agito in maniera scorretta, andando dai team manager a mettere pressione ai piloti affinché corressero. L’irlandese è stato anche piuttosto critico nel confronti del voltafaccia di Rea, mentre ha definito Alvaro Bautista uno dei “pochi stupidi” che ha sempre voluto correre.

“Eravamo d’accordo con gli organizzatori che ci sarebbe stato un incontro – afferma Laverty – Nelle FP3 le cose sono andate meglio perché faceva più fresco, ma la Superpole è stata pericolosa perché le temperature sono salite. Sapevamo che avremmo parlato di nuovo con loro, ma all’improvviso hanno fatto qualcosa di davvero scorretto”.

“Sono andati a parlare con i team manager, hanno messo pressione a tutti noi per farci correre e poi hanno riunito noi piloti. Un buon 90% era dalla stessa parte e questo è avvenuto prima della gara. Ci sono sempre stati alcuni stupidi che volevano correre, Bautista e Michael Ruben Rinaldi volevano scendere in pista per non si sa quale ragione”.

“Ma noi avevamo dalla nostra parte il Campione del mondo Jonathan Rea, che ci stava sostenendo. Non voleva correre. Alex Lowes non voleva correre, Michael van der Mark nemmeno, nessuno voleva farlo. Sono molto deluso da Rea, è il nostro rappresentante ed il detentore del titolo mondiale. Avrebbe dovuto avere più polso, ha preso una decisione da uomo senza spina dorsale e ci ha deluso molto, ne parlerò con lui più avanti”.

Empty grid spaces

Empty grid spaces

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Anche Davies ha fatto eco a Laverty parlando della deludente decisione di Rea, ma ammette che è stata fatta un’enorme pressione sul campione in carica affinché corresse: “Aveva tantissima pressione addosso da parte della squadra e alla fine ha corso. Non era contento di farlo, ma poi si è schierato sulla griglia. Lui influisce molto di più di tanti di noi, vale quanto 10 o 15 di noi. Sono molto deluso da questo comportamento”.  

Laverty insiste sul fatto che questa “piccola ribellione” è scaturita solo per la gara del sabato e ha chiesto agli organizzatori ed a Dorna Sports di spostare Gara 1 alla domenica, con temperature più basse. Nella serata di sabato, Laverty, Davies, Camier e Cortese hanno postato un comunicato identico sui propri profili social, reiterando i motivi per cui hanno preso la decisione di boicottare le gara e ringraziando i rispettivi team per averli supportati nella loro scelta.

 

condivisioni
commenti
Gara 1 boicottata, i piloti assenti: "Pista poco sicura!"

Articolo precedente

Gara 1 boicottata, i piloti assenti: "Pista poco sicura!"

Prossimo Articolo

Davies: "La FIM sapeva che la pista di Villicum aveva problemi"

Davies: "La FIM sapeva che la pista di Villicum aveva problemi"
Carica commenti
SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea? Prime

SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea?

Scott Redding doveva essere l’uomo incaricato di fermare il dominio di Jonathan Rea, eppure lascia Misano con l’amaro in bocca e con un distacco in classifica importante, considerando la solidità di Rea e Razgatlioglu, i due che lo precedono. Il turco convince e si avvicina il leader del mondiale. È dunque il pilota Yamaha il vero anti-Rea?

WSBK
15 giu 2021
WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation Prime

WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation

Prima puntata podcast di Debriefing WSBK, in cui Lorenza D'Adderio e Giacomo Rauli commentano il round di Misano Adriatico della classe regina delle moto derivate di serie. Buon ascolto!

WSBK
13 giu 2021
SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto? Prime

SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto?

Jonathan Rea conquista due gare su tre nel weekend dell’Estoril e allunga in classifica, approfittando di un passo falso di Scott Redding, scivolato in Gara 2 e ora inseguitore con un distacco già piuttosto importante.

WSBK
2 giu 2021
Kawasaki limitata dai giri motori ma trionfa: tutti zitti e buoni Prime

Kawasaki limitata dai giri motori ma trionfa: tutti zitti e buoni

Jonathan Rea ha dominato due delle tre gare disputate ad Aragon, round di apertura della stagione SBK. Il pilota Kawasaki è stato più forte dei limiti imposti dal regolamento e gli avversari devono già correre ai ripari.

WSBK
26 mag 2021
SBK, inizia il 2021: Rea non abdica, ma i rivali pressano Prime

SBK, inizia il 2021: Rea non abdica, ma i rivali pressano

Inizia la stagione 2021 del mondiale Superbike e c’è fermento per il nuovo campionato che è alle porte. Sarà ancora Rea a dettare legge o dovrà cedere lo scettro dopo sei titoli mondiali?

WSBK
19 mag 2021
SBK: per Ducati e Yamaha il ‘Gioco del Trono’ parte dai test Prime

SBK: per Ducati e Yamaha il ‘Gioco del Trono’ parte dai test

I test di Aragon svolti da Ducati e Yamaha hanno chiarito le idee alle squadre e lasciato alcuni dubbi che verranno dissipati solamente con l’inizio della stagione. L’unica certezza è che al momento i due team impegnati al Motorland possono essere davvero i veri contendenti al titolo 2021, in una stagione che vede Rea ancora come l’uomo da battere.

WSBK
14 apr 2021
Rea è ancora l’uomo da battere: si apre la caccia al ‘Cannibale’ Prime

Rea è ancora l’uomo da battere: si apre la caccia al ‘Cannibale’

Gli ultimi test collettivi svolti a Barcellona si sono conclusi nel segno di Jonathan Rea, che ancora una volta appare come l’uomo da battere. Ma Ducati e Yamaha non stanno a guardare e si candidano come le due squadre pronte a fermare il dominio Kawasaki.

WSBK
4 apr 2021
Ducati, la squadra pioniera che ancora sfiora il titolo Prime

Ducati, la squadra pioniera che ancora sfiora il titolo

Il team Aruba.it Racing – Ducati ha presentato la Panigale V4R che sarà incaricata di fermare il dominio Kawasaki. Ma le innovazioni della pioniera Casa bolognese e la determinazione dei piloti saranno in grado di mettere un freno a Rea?

WSBK
25 mar 2021