Laverty: “A Portimao è il pilota che fa la differenza”

Eugene Laverty si avvia verso il finale di stagione con Ducati prima di passare a BMW dal 2020 e negli ultimi round cercherà di dare il meglio con la Panigale V4 R, a partire da Portimao, il suo tracciato preferito.

Laverty: “A Portimao è il pilota che fa la differenza”

Finalmente tornato a pieno ritmo dopo il lungo stop per l’infortunio rimediato ad Imola, Eugene Laverty è pronto ad affrontare il decimo round della stagione. L’irlandese è impaziente di salire in sella alla sua Panigale V4 R del team Go Eleven per percorrere le curve del circuito di Portimao, teatro del primo appuntamento Superbike dopo la pausa estiva.

L’alfiere Ducati ha lavorato molto durante l’estate per poter essere al 100% sulla sua pista preferita in assoluto, dove disputerà il weekend con la tranquillità di un futuro già scritto. Proprio prima dei test di Portimao infatti è stato ufficializzato l’accordo con BMW e Laverty sarà compagno di squadra di Tom Sykes a partire dalla prossima stagione. Non una notizia di poco conto, se pensiamo che lo scorso anno non sapeva se si fosse potuto schierare sulla griglia di partenza e l’opportunità di Go Eleven è arrivata piuttosto tardi.

Laverty afferma: “Avere il contratto firmato per l’anno prossimo è un grande sollievo, se pensiamo a come stavo un anno fa a quest’ora, dove è stato tutto in alto mare fino a novembre e poi è stato troppo tardi. Per me avere certezze già ad agosto mi toglie di dosso molta pressione, per un pilota è sempre negativo avere la pressione di trovare una sistemazione. Ora invece posso concentrarmi sugli ultimi quattro round della stagione e provare a lottare per i podi come abbiamo fatto prima che mi infortunassi. Voglio godermi queste gare”.

Leggi anche:

L’irlandese quindi al momento si è tolto un gran peso e potrà pensare al weekend di gara, in cui proverà ad ottenere il miglior risultato possibile: “Portimao è la mia pista preferita al mondo. È unica! Ci ho girato tanto negli anni e la conosco come le mie tasche. In alcuni circuiti la moto deve lavorare in una certa maniera per essere veloce, perché il pilota è limitato da ciò che si può fare, ma su questo tracciato è l’esatto contrario! È fatto di saliscendi e sono talmente tanti da affrontare che ti puoi ritrovare davanti come nelle retrovie. Qui a Portimao è il pilota che fa la differenza”.

“Ricordo che nel 2009 in Supersport molti mi davano fuori dalla lotta per la vittoria, ma siamo arrivati all’ultimo round della stagione a Portimao con chance di vincere il titolo. Vincere quella gara fu un sogno ed è uno dei miei ricordi più belli. A volte ripenso con piacere a quei momenti, venivo da due delle peggiori gare della mia carriera in 250cc per disputare due delle migliori gare in Supersport”.  

Laverty arriva in Algarve forte dei test svolti a fine agosto, dove ha proseguito il lavoro iniziato a Laguna Seca. Ora in Portogallo cercherà di ambire ad un gran risultato: “Abbiamo provato a Portimao due settimane fa e sono stati dei test molto positivi. È stato importante poter scendere in pista, sia qui sia a Laguna Seca a luglio. Negli USA sono riuscito a provare una sospensione posteriore che ci ha dato più grip e ci ha permesso di iniziare i test di Portimao da dove eravamo rimasti. Anche se all’inizio eravamo un po’ lenti, abbiamo fatto progressi durante il test per modificare la moto e far lavorare la gomma posteriore”.

“Portimao è una buona pista per la Ducati per via dei saliscendi ed è molto impegnativa fisicamente. Ma il motore e le ali la rendono più facile da guidare rispetto ad altre moto. Nei test sono stato il miglior pilota Ducati, ma credo che i ragazzi del team ufficiale abbiano un asso nella manica in vista del fine settimana di gara. Dovremo fare un passo in più che ci permetta di lottare per il podio e questo è il mio obiettivo. Sarebbe un sogno che diventa realtà per me, perché la pista mi piace moltissimo e tutti si sono davvero presi cura di me, quindi mi piacerebbe ricompensarli con un podio”.

Eugene Laverty, Team Go Eleven
Eugene Laverty, Team Go Eleven
1/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Eugene Laverty, Team Go Eleven
Eugene Laverty, Team Go Eleven
2/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Eugene Laverty, Team Go Eleven
Eugene Laverty, Team Go Eleven
3/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Eugene Laverty, Team Go Eleven
Eugene Laverty, Team Go Eleven
4/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Eugene Laverty, Team Go Eleven
Eugene Laverty, Team Go Eleven
5/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Eugene Laverty, Team Go Eleven
Eugene Laverty, Team Go Eleven
6/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Eugene Eugene Laverty, Team Go Eleven
Eugene Eugene Laverty, Team Go Eleven
7/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Eugene Eugene Laverty, Team Go Eleven
Eugene Eugene Laverty, Team Go Eleven
8/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Eugene Laverty, Team Go Eleven
Eugene Laverty, Team Go Eleven
9/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Eugene Laverty, Team Go Eleven
Eugene Laverty, Team Go Eleven
10/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ducati, in Algarve per fermare Rea

Articolo precedente

Ducati, in Algarve per fermare Rea

Prossimo Articolo

Ecco perché la battaglia di Bautista contro Rea è già persa

Ecco perché la battaglia di Bautista contro Rea è già persa
Carica commenti
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021