La zampata del campione: Rea vince una Gara 1 memorabile a Phillip Island

Strepitosa e appassionante gara d'apertura del Mondiale Superbike 2016. Rea batte Davies a tre curve dalla fine. Van der Mark e Giugliano sugli scudi. Ben cinque piloti in grado di vincere, ma Johnny è duro, incisivo e trionfa con merito.

La zampata del campione: Rea vince una Gara 1 memorabile a Phillip Island
Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Jonathan Rea, Kawasaki
Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Jonathan Rea, Kawasaki
Karel Abraham, Milwaukee BMW
Karel Abraham, Milwaukee BMW
Jonathan Rea, Kawasaki
Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Jonathan Rea, Kawasaki
Alex Lowes, Pata Yamaha
Alex Lowes, Pata Yamaha
Jonathan Rea, Kawasaki

La prima gara dell'anno in un orario difficile, quasi balordo per gli standard europei, ma chi si è sforzato nel mantenere aperti gli occhi per la prima manche di gara del Mondiale Superbike 2016 non ha potuto fare altro che stropicciarsi gli occhi. Non certo per il sonno, beninteso, ma per una gara avvincente, appassionante, che solo la classe, il talento e la testardaggine del campione del mondo in carica ha siglato un risultato equiparabile a quanto visto nel 2015. 

Jonathan Rea, su Kawasaki Ninja ZX-10R, ha vinto una gara strepitosa, per intensità, numero e qualità di sorpassi. Ma tutto o quasi è avvenuto alle sue spalle, con le Ducati 1199 Panigale R ufficiali e la Honda CBR1000 RR di un Michael van der Mark sontuoso che si sono spese sino all'ultimo per battere l'irlandese volante. Rea ha compiuto appena due sorpassi, ma entrambi decisivi. Il primo al giro 7, quando ha sorpassato un Tom Sykes finito - al solito - troppo presto in crisi di gomme. Il secondo, invece, a tre curve dalla fine, all'esterno su Chaz Davies. I due si sono sfiorati, con il gallese costretto a raddrizzare la moto per evitare il contatto, ma la manovra di Rea è stata pulita e gli ha permesso di chiudere primo. Ancora una volta.

Se Kawasaki festeggia (ma dovrà lavorare sulla percorrenza della curva, dove paga centesimi preziosi nei confronti delle Rosse), Ducati non può fare altro che imitare la gioia dei colleghi, perché quanto messo in pista da Davies e da Giugliano non può far altro che inorgoglire gli uomini di Borgo Panigale. I piloti ci sono, la moto, a quanto pare, anche di più. Chaz ha tentato il tutto per tutto, ma avrà la possibilità di rifarsi nella seconda manche prevista nella notte italiana tra sabato e domenica.

Il podio è stato completato da un ragazzo che nel 2015 aveva già fatto intravedere spunti interessanti. Oggi, dopo dei test da protagonista, ha mostrato tutto il suo talento. Stiamo parlando di Michael van der Mark. Il giovane olandese del team Ten Kate ha riportato la Honda tra i primi tre con una gara da autentico mastino. Ha cercato di passare Davies ovunque. Un van der Mark alla Gilles Villeneuve (con le dovute proporzioni), per una Superbike che può gioire a poter toccare con mano il livello della gara che ha aperto il Mondiale 2016.

Un anno fa, proprio su questa pista, Davide Giugliano, si era infortunato seriamente, dovendo saltare praticamente metà stagione. Oggi ha sfiorato il podio, dopo una Superpole fantastica e una gara tra i protagonisti dal primo al 22esimo giro. Solo un inevitabile calo delle gomme lo ha tolto dai giochi per i primi tre posti a pochi chilometri dall'arrivo. Quinto posto invece per Tom Sykes. Il poleman ha compiuto la solita gara: ha attaccato nelle prime fasi per poi subire un brusco calo delle gomme e ritrovarsi in appena due giri dal primo al sesto posto. nelle ultime tornate il centauro della Kawasaki ha tentato la rimonta, ma invano, perché i primi hanno alzato il ritmo e per lui non c'è stato nulla da fare.

Sylvain Guintoli ha regalato i primi punti iridati alla nuova Yamaha YZF-R1. Il transalpino è stato autore di una gara regolare, ma dalle due moto di Iwata ci si aspettava molto di più soprattutto dopo aver potuto leggere i cronologici dei turni delle libere svolti nella nottata di ieri. Alex Lowes è invece finito a terra al giro 16, quando si trovava in settima posizione assoluta. Grande soddisfazione in casa MV Agusta per il settimo posto artigliato da un Leon Camier mai domo. Il britannico non è partito bene, ma è riuscito a recuperare nella seconda parte della gara, chiudendo però a 7 secondi da Guintoli.

Jordi Torres ha stretto i denti e, nonostante la piccola operazione subita pochi giorni fa, ha portato la prima BMW S1000 RR all'ottavo posto. Peccato invece per Markus Reiterberger, finito a terra proprio a poche curve dal traguardo. Nicky Hayden è stato sempre tra i protagonisti della corsa, ma ha dovuto chiudere il gas negli ultimi due giri, passando dal quinto al nono posto finale. La Top Ten è stata completata dalla BMW S1000 RR del team Milwaukee BMW, affidata all'idolo di casa Joshua Brookes.

condivisioni
commenti
Sykes: "Bello essere in pole, ma saremo in cinque o sei a giocarci la vittoria"

Articolo precedente

Sykes: "Bello essere in pole, ma saremo in cinque o sei a giocarci la vittoria"

Prossimo Articolo

Rea: "Gara difficile, ma bellissima. Eravamo tanti piloti, tutti vicinissimi!"

Rea: "Gara difficile, ma bellissima. Eravamo tanti piloti, tutti vicinissimi!"
Carica commenti
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021