La Superbike non ricorrerà ad una elettronica unica come in MotoGP

Il direttore tecnico della Superbike Scott Smart ha confermato che la categoria non adotterà un'unità di controllo elettronica standard la prossima stagione, per timore di un aumento delle lacune nelle prestazioni.

La Superbike non ricorrerà ad una elettronica unica come in MotoGP
Il vincitore della gara Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Podio: il terzo classificato Marco Melandri, Aruba.it Racing-Ducati SBK Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing, Michael van der Mark, Pata Yamaha
Michael van der Mark, Pata Yamaha
Tom Sykes, Kawasaki Racing
Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati SBK Team

La Superbike ha introdotto nel 2018 una serie di cambiamenti nel regolamento tecnico con l'idea di rafforzare le prestazioni e porre fine al dominio della Kawasaki, sovrana incontrastata di questa serie negli ultimi tre anni con l'imbattibile ZX-10RR.

Tra le varie limitazioni imposte la più eclatante (e discussa) è stata l'imposizione di un limite massimo al regime di rotazione di alcuni motori per limitarne così le prestazioni. Tuttavia questo pare non essere servito ad ostacolare quella che al momento è una vera e propria cavalcata vittoriosa di Jonathan Rea in sella alla sua Kawasaki ZX-10RR: con dieci vittorie in questo campionato 2018, Rea si appresta ad affrontare gli ultimi quattro round da grande favorito con 92 punti che lo separano dagli inseguitori, incapaci di porre un limite concreto allo strapotere del pilota della Kawasaki.

Unica consolazione per i sostenitori del cambio regolamentare è data dalle vittorie conquistate anche da Chaz Davies e Marco Melandri su Ducati e da Alex Lowes e Michael van der Mark su Yamaha R1: questa è la prima volta dal 2015 che tre diversi produttori sono riusciti ad aggiudicarsi una gara nello stesso anno.

Paura di una maggiore disparità tra le squadre

L'idea di introdurre un'unità di controllo elettronica unica, nello spirito di ciò che è già stato fatto in MotoGP, circola da qualche tempo ma il direttore tecnico della disciplina, Scott Smart, pensa che un cambio di elettronica avrebbe un "effetto negativo" sui team di metà classifica.

In un'intervista a Motorsport.com, Smart ha dichiarato: "Alcuni dei team più piccoli dovrebbero imparare a utilizzare un nuovo software, che avrebbe un effetto negativo sui team sul retro del pacchetto. Sappiamo già come funziona l'elettronica, quindi ci sarebbero più disparità ".

"In futuro, ci saranno sempre più moto di serie dotate di componenti elettronici e sono necessarie soluzioni elettroniche molto più complete per controllare queste macchine: finora però non esiste un'elettronica standard che risponda ai diversi bisogni dei diversi costruttori. Quindi, in futuro, ci saranno Superbike che non potrebbero funzionare correttamente con un'elettronica standard come in MotoGP. Attualmente non esiste un'unica ECU (unità elettronica centrale, la centralina n.d.r.) in grado di gestire correttamente le diverse moto. "

Smart non esclude la possibilità per la Superbike di esplorare le specifiche elettroniche in futuro, ma nel frattempo rimane soddisfatto dei risultati dell'attuale bilancio di regolamenti sulle prestazioni, che ritiene funzionino bene.

"Tra due o tre anni, saremo in grado di tornare a pensare a diverse soluzioni", afferma Smart, chiedendo se l'unità di controllo elettronica potrebbe essere utilizzata in futuro. "Al momento, la limitazione della velocità del motore e altre regole funzionano bene e garantiscono pari opportunità."

 

 

 

condivisioni
commenti
Ducati: Melandri a forte rischio taglio per il 2019. L'Italia rischia di non avere piloti di punta nel prossimo Mondiale SBK

Articolo precedente

Ducati: Melandri a forte rischio taglio per il 2019. L'Italia rischia di non avere piloti di punta nel prossimo Mondiale SBK

Prossimo Articolo

Tom Sykes costretto a saltare i test SBK di Portimao a causa di un infortunio

Tom Sykes costretto a saltare i test SBK di Portimao a causa di un infortunio
Carica commenti
SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea? Prime

SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea?

Scott Redding doveva essere l’uomo incaricato di fermare il dominio di Jonathan Rea, eppure lascia Misano con l’amaro in bocca e con un distacco in classifica importante, considerando la solidità di Rea e Razgatlioglu, i due che lo precedono. Il turco convince e si avvicina il leader del mondiale. È dunque il pilota Yamaha il vero anti-Rea?

WSBK
17o
WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation Prime

WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation

Prima puntata podcast di Debriefing WSBK, in cui Lorenza D'Adderio e Giacomo Rauli commentano il round di Misano Adriatico della classe regina delle moto derivate di serie. Buon ascolto!

WSBK
13 giu 2021
SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto? Prime

SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto?

Jonathan Rea conquista due gare su tre nel weekend dell’Estoril e allunga in classifica, approfittando di un passo falso di Scott Redding, scivolato in Gara 2 e ora inseguitore con un distacco già piuttosto importante.

WSBK
2 giu 2021
Kawasaki limitata dai giri motori ma trionfa: tutti zitti e buoni Prime

Kawasaki limitata dai giri motori ma trionfa: tutti zitti e buoni

Jonathan Rea ha dominato due delle tre gare disputate ad Aragon, round di apertura della stagione SBK. Il pilota Kawasaki è stato più forte dei limiti imposti dal regolamento e gli avversari devono già correre ai ripari.

WSBK
26 mag 2021
SBK, inizia il 2021: Rea non abdica, ma i rivali pressano Prime

SBK, inizia il 2021: Rea non abdica, ma i rivali pressano

Inizia la stagione 2021 del mondiale Superbike e c’è fermento per il nuovo campionato che è alle porte. Sarà ancora Rea a dettare legge o dovrà cedere lo scettro dopo sei titoli mondiali?

WSBK
19 mag 2021
SBK: per Ducati e Yamaha il ‘Gioco del Trono’ parte dai test Prime

SBK: per Ducati e Yamaha il ‘Gioco del Trono’ parte dai test

I test di Aragon svolti da Ducati e Yamaha hanno chiarito le idee alle squadre e lasciato alcuni dubbi che verranno dissipati solamente con l’inizio della stagione. L’unica certezza è che al momento i due team impegnati al Motorland possono essere davvero i veri contendenti al titolo 2021, in una stagione che vede Rea ancora come l’uomo da battere.

WSBK
14 apr 2021
Rea è ancora l’uomo da battere: si apre la caccia al ‘Cannibale’ Prime

Rea è ancora l’uomo da battere: si apre la caccia al ‘Cannibale’

Gli ultimi test collettivi svolti a Barcellona si sono conclusi nel segno di Jonathan Rea, che ancora una volta appare come l’uomo da battere. Ma Ducati e Yamaha non stanno a guardare e si candidano come le due squadre pronte a fermare il dominio Kawasaki.

WSBK
4 apr 2021
Ducati, la squadra pioniera che ancora sfiora il titolo Prime

Ducati, la squadra pioniera che ancora sfiora il titolo

Il team Aruba.it Racing – Ducati ha presentato la Panigale V4R che sarà incaricata di fermare il dominio Kawasaki. Ma le innovazioni della pioniera Casa bolognese e la determinazione dei piloti saranno in grado di mettere un freno a Rea?

WSBK
25 mar 2021