La crisi di Marco Melandri: “Yamaha sta lavorando molto, ma dobbiamo fare un cambio radicale”

Dopo le enormi difficoltà di Aragon ed Assen, Marco Melandri cerca il cambio di rotta sperando in nuovi sviluppi e a Motorsport.com rivela i problemi della sua Yamaha R1, a cui manca equilibrio.

La crisi di Marco Melandri: “Yamaha sta lavorando molto, ma dobbiamo fare un cambio radicale”

Dopo il promettente inizio di stagione a Phillip Island dove ha conquistato un podio e due sesti posti, Marco Melandri ha incontrato parecchie difficoltà nei successivi appuntamenti della stagione 2019. L’italiano, tornato in Yamaha dopo la parentesi in Ducati, ha accusato problemi di stabilità a Buriram, che si sono poi ripetuti ad Aragon e ad Assen. Nonostante il grande lavoro svolto nel box, sembra complicato trovare il bandolo della matassa ed i risultati faticano ad arrivare. Abbiamo parlato con Melandri e gli abbiamo chiesto quali problemi sta affrontando in questo momento.

Dall’arrivo in Europa, tutto è apparso enormemente complicato per Melandri, che ha definito gli ultimi due weekend ad Aragon e Assen come "alcuni dei più duri” della sua carriera in Superbike. "Sono ancora alle prese con gli stessi problemi che avevo su questa moto il primo giorno. Per me è impossibile rallentare la moto a 40 gradi. La moto non assorbe gli urti e per me farla curvare diventa un grosso problema. Sono davvero in difficoltà", spiega Melandri in un'intervista a Motorsport.com.

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
1/5

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
2/5

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
3/5

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
4/5

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
5/5

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

“Il weekend in Aragon è stato il mio peggiore nel mondiale Superbike”, continua Melandri, rimasto sempre fuori dalla top ten nel primo round europeo. “La moto era difficile da gestire, non riuscivo a frenare né a curvare, quindi ho provato a modificare il mio stile di guida, ma ciò ha ulteriormente peggiorato la situazione, abbiamo cambiato molto sulla moto e probabilmente abbiamo sbagliato strada”.

Anche la fisicità di Melandri contribuisce ad acuire i problemi: "Non riesco a mettere tanto peso sulla gomma posteriore come gli altri piloti, mi sembra che ci sia sempre troppo peso sul davanti, siamo al limite e non possiamo tenere il passo con il peso tornare indietro. Non sento la gomma posteriore, soprattutto in frenata, quindi entro in curva troppo tardi, di conseguenza vado ad accelerare anche molto tardi, è come un effetto domino”.

Ad Assen si sperava in un miglioramento, che però non c’è stato. Anzi, si sono ripresentati gli stessi problemi di Aragon, che aveva accusato anche in Thailandia. L’italiano commenta così le difficoltà sulla pista olandese: "Assen è un buon tracciato per la Yamaha, ma i miei problemi sono stati accentuati anche su questo circuito, ci sono molte zone di frenata e molte curve lunghe dove è necessario un buon bilanciamento. Generalmente queste sono le aree in cui di solito sono forte, ma ora ho grossi problemi proprio lì. Inoltre faceva molto freddo”.

Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
Marco Melandri, GRT Yamaha WorldSBK
1/1

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

"Il team sta lavorando duramente, ma ho bisogno di un grande cambiamento", sottolinea Melandri. Il veterano del Mondiale Superbike ha delle idee specifiche sulla strada che Yamaha deve prendere per poter migliorare: "Vorrei cambiare la distribuzione del peso e la rigidità della moto, il telaio è troppo rigido per me, forse sono troppo piccolo e troppo leggero".

Melandri vuole così una moto più cucita sulla sua fisicità e sulle sue caratteristiche: "Sto facendo fatica ad andare in moto, il serbatoio è troppo grande per me, Yamaha sta lavorando per migliorare le cose, ma ci vuole tempo, non è facile farlo in fretta e non solo per il serbatoio”. Poi ha concluso: “Se mi sentirò meglio, anche le cose andranno molto meglio ".

Foto di LAT

condivisioni
commenti
Dovizioso: "Bautista ha trovato una Ducati molto forte, ma ha lavorato anche su se stesso"

Articolo precedente

Dovizioso: "Bautista ha trovato una Ducati molto forte, ma ha lavorato anche su se stesso"

Prossimo Articolo

Superbike, Ten Kate svela la Yamaha con cui tornerà nel Mondiale da Jerez

Superbike, Ten Kate svela la Yamaha con cui tornerà nel Mondiale da Jerez
Carica commenti
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021