Kawasaki e Rea hanno provato nei test di Portimao alcune novità di telaio per il finale di stagione

condivisioni
commenti
Kawasaki e Rea hanno provato nei test di Portimao alcune novità di telaio per il finale di stagione
28 ago 2018, 07:37

Novità di telaio per la Kawasaki a Portimao per chiudere quanto prima questo campionato con Jonathan Rea che ha chiuso i test davanti a tutti ipotecando il prossimo round sul circuito dell'Algarve.

Il vincitore della gara Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team

I due giorni di test di Portimao della Superbike si sono conclusi nel più prevedibile dei modi, ovvero con Jonathan Rea e la sua Kawasaki in testa davanti a tutti. Il campione della verdona non ha lasciato speranze ai suoi avversari rifilando quasi un secondo di distacco al primo degli inseguitori. Con un giro in 1'41"120 Rea ha battuto non solo il record in gara dell'anno scorso ma anche il tempo della Superpole del 2017 lanciando quindi un segnale abbastanza forte ai suoi avversari.

Kawasaki ha sfruttato questi due giorni e l'unico pilota disponibile (ricordiamo Sykes costretto a letto per una frattura rimediata durante un allenamento) per provare alcuni piccoli upgrade finalizzati a conquistare quanto prima il titolo mondiale 2018, il quarto consecutivo per il loro pilota di punta. Kawasaki ha anche provato in pista i nuovi pneumatici Pirelli con i "gommoni" disponibili sia all'anteriore che al posteriore in modo da proseguire lo sviluppo di questi pneumatici in collaborazione con il fornitore unico del campionato per le derivate di serie. 

Queste le parole di Johnny "il cannibale" Rea: "È stato super caldo durante questi test ma siamo comunque riusciti a finire con un buon tempo sul giro che a lavorare per ottenere un buon passo di gara in condizioni di caldo. È stato bello ritornare in sella alla mia ZX10RR dopo la 8 ore di Suzuka, abbiamo provato diversi upgrade di telaio per migliorare la stabilità in entrata di curva. Sono stati due giorni molto fruttuosi, il secondo giorno siamo anche riusciti a finire prima della fine dei test. Restano da fare dei piccoli aggiustamenti di setup in previsione della gara ma non aveva senso farli qua perché tanto sono aggiustamenti che dipendono dal grip della pista presente in quel preciso momento quindi ci penseremo quando torneremo per la gara".

Ottimistiche anche le parole di Pere Riba, capo del team del pilota Kawasaki: "È stato un buon test per noi... potrebbe sembrare ripetitivo ma è veramente così. Johnny è sceso dalla moto da endurance e tornato su quella da Superbike essendo subito veloce: Portimao è una pista che gli piace, lui è sempre veloce qua. Pirelli ci ha portato diverse opzioni di pneumatici, abbiamo lavorato anche con il nuovo "gommone" anteriore che avevamo già visto a Misano. Inoltre abbiamo lavorato per cercare un buon setup per la gara che si terrà qui a breve ed anche con alcune cose che invece vedremo nel 2019".
 

Prossimo articolo WSBK
A Portimao il Ducati Barni Racing Team ha provato novità d'assetto per la Panigale

Articolo precedente

A Portimao il Ducati Barni Racing Team ha provato novità d'assetto per la Panigale

Prossimo Articolo

Morte Hayden: la famiglia di Nicky chiede 6 milioni di euro di risarcimento all'automobilista che lo investì nel 2017

Morte Hayden: la famiglia di Nicky chiede 6 milioni di euro di risarcimento all'automobilista che lo investì nel 2017
Carica commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Piloti Jonathan Rea
Team Kawasaki Racing
Tipo di articolo Test