In Thailandia Rea cerca la vittoria numero 32 in Superbike

condivisioni
commenti
In Thailandia Rea cerca la vittoria numero 32 in Superbike
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
08 mar 2016, 10:17

Jonathan Rea si trova al quinto posto di tutti i tempi nella graduatoria generale di vittorie nel Mondiale, ma in coabitazione con Colin Edwards. Tom Sykes cerca riscatto dopo un inizio di stagione molto deludente in Australia.

Sylvain Guintoli, Pata Yamaha et Tom Sykes, Kawasaki Racing Team
Sylvain Guintoli, Pata Yamaha e Tom Sykes, Kawasaki Racing Team
Tom Sykes, Kawasaki Racing Team con una Monster Energy girl
Tom Sykes, Kawasaki Racing Team
Tom Sykes, Kawasaki Racing Team et Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team e Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Tom Sykes, Kawasaki Racing Team
Tom Sykes, Kawasaki Racing Team

Non accenna a scomparire il segno di Jonathan Rea sul Mondiale Superbike. Anche nell'appuntamento prologo di Phillip Island il pilota irlandese ha regalato alla Kawasaki l'ennesima doppietta di successi, la prima in sella alla nuova Ninja ZX-10R 2016. Ora il campione del mondo in carica del campionato dedicato alle derivate di serie si pone nuovi obiettivi, a partire dal prossimo fine settimana di gara di Buriram, in Thailandia, al Chang International Circuit.

Con la vittoria numero 30 e 31 colte in Australia, Rea ha raggiunto al quinto posto di tutti i tempi il due volte campione del mondo Superbike Colin Edwards nella classifica generale dei piloti più vittoriosi nella categoria. Il primo obiettivo di Johnny è chiaro: a Buriram tenterà di staccare il pilota americano tentando di vincere entrambe le manche thailandesi.

"Vado in Thailandia dopo un inizio di stagione incredibile, con una doppietta ottenuta in Australia che mi ha dato enorme soddisfazione e motivazione. Motivazione di mantenere la mia moto davanti a tutti. Venerrdì sarà come al solito il giorno più importante per trovare l'assetto ideale della moto perché sabato saremo già impegnati con la prima manche di gara".

"Siamo stati un po' fortunati a Phillip Island, perché avevamo svolto i test pre stagionali proprio su quella pista. Ora arriviamo su questa pista e dobiamo assicurarci di fare un ottimo lavoro venerdì. Speriamo proprio di avere un altro fine settimana molto competitivo", ha concluso Rea.

L'avvio del Mondiale 2016 è stato ancora una volta in chiaroscuro per l'iridato 2013 Superbike, Tom Sykes. Il pilota britannico era partito forte sin dal venerdì, mostrando un passo invidiabile. Il sabato, poi, è stato autore della 30esima pole della carriera nel Mondiale, cifra che lo ha issato al secondo posto di tutti i tempi. Purtroppo in gara è stata la solita storia, già vista per tutto il 2015: partenza fulminea e calo improvviso dopo pochi giri, con Tom che non è riuscito poi a risalire sino a trovare un risultato che lo potesse mettere in competizione con il compagno di squadra.

"Sulla carta il circuito di Buriram dovrebbe essere molto favorevole per noi, dunque sono davvero felice di tornare a correre in Thailandia. Lo scorso anno ho centrato il podio, ma non è andata bene un una delle due manche. Quest'anno abbiamo prospettive differenti. Ricordo nel 2015 un sacco di spettatori accorsi a vedere le gare e mi sono divertito davvero molto a guidare vedendo così tanta gente sugli spalti. Quest'anno disponiamo di una Ninja anche migliore rispetto a quella degli ultimi anni, dunque rimango molto fiducioso".

Prossimo articolo WSBK
Pirelli: a Buriram quasi esclusivamente pneumatici di gamma

Articolo precedente

Pirelli: a Buriram quasi esclusivamente pneumatici di gamma

Prossimo Articolo

Ducati mette nel mirino le Kawasaki nell'appuntamento di Buriram

Ducati mette nel mirino le Kawasaki nell'appuntamento di Buriram
Carica commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Evento Buriram
Location Chang International Circuit
Piloti Tom Sykes , Jonathan Rea
Team Kawasaki Racing
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Ultime notizie