Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Intervista
WSBK Phillip Island

Honda positiva dopo l’Australia: “C’è margine di miglioramento”

Leon Haslam e Alvaro Bautista archiviano il primo round della stagione in maniera agrodolce. Delle cadute hanno compromesso le loro gare, ma nel complesso è stato utile per raccogliere dati ed informazioni utili per lo sviluppo.

Leon Haslam, Team HRC

L’esordio in Superbike di Honda con HRC non è stato facile, ma Leon Haslam e Alvaro Bautista hanno portato a termine un fine settimana importante per conoscere meglio il potenziale della moto e per raccogliere dati utili allo sviluppo. Due cadute hanno condizionato le gare dei piloti, che però non si sono arresi e tutto sommato archiviano il primo round della stagione con positività in vista dei prossimi appuntamenti.

Nella Superpole Race, Alvaro Bautista non è riuscito ad arrivare alla bandiera a scacchi a causa di una caduta. Lo spagnolo non ha iniziato la sua domenica nel migliore dei modi, ma si è poi riscattato in Gara 2, dove ha conquistato una sesta posizione frutto di una splendida rimonta dal fondo: “Oggi è stata più complicata rispetto a ieri, anche perché partivo dal fondo in Gara 2, dopo la caduta di questa mattina nella Superpole Race. È un peccato perché penso che avrei potuto lottare in top 5 nella gara sprint. Abbiamo fatto un’ulteriore modifica alla moto oggi ed il miglioramento è stato visibile, ma sono andato troppo pesante e ho perso l’anteriore”.

“Le condizioni della pista nel pomeriggio erano un po’ insidiose – prosegue lo spagnolo – dato che non avevo grip né velocità in curva sufficiente. Considerando che una delle aree in cui stiamo lavorando è l’accelerazione, Gara 2 è stata dura. Comunque non siamo lontanissimi dai più rapidi e sono felice del nostro weekend. Credo che sia stato positivo per noi, perché abbiamo fatto dei piccoli passi in avanti e raccolto molti dati durante queste tre gare. Quindi potremo continuare a sviluppare la moto”.

Leggi anche:

Il lavoro dunque prosegue in maniera incessante e sia Honda sia Bautista sono solo all’inizio di questo grande progetto: “Voglio ringraziare Honda perché non è facile vincere subito con una nuova moto, specialmente per un pilota come me, abituato ad un’altra configurazione di motore. Ognuno mi supporta e mi aiuta, provando a darmi ciò che chiedo, abbiamo un buon margine di miglioramento sulla nostra moto”.

Dopo la quinta posizione di Gara 1, Leon Haslam ha chiuso la Superpole Race con l’ottava posizione. Per il britannico la gara è stata complicata e sperava di rifarsi in Gara 2. L’esito della seconda manche non è stato come sperato, un incidente nelle prime fasi di gara ha compromesso il risultato del pomeriggio australiano. Il pilota Honda è stato protagonista di un contatto con Michael Ruben Rinaldi, con quest’ultimo che è stato costretto al ritiro. Haslam invece ha ripreso la via della pista chiudendo la gara in 12esima posizione.     

“Un errore mi ha causato la caduta in Gara 2 – afferma Haslam – Sono un po’ deluso dal weekend, perché sentivo che avevamo il passo per essere sul podio. Ma tutti sappiamo che su questa pista la chiave è mettere insieme tutto, dal preservare le gomme alla gestione del motore. Quindi credo che questo sia ciò che abbiamo fatto oggi, senza riferimenti precedenti”.

“In Gara 1, eravamo lì fino a quattro giri dal termine, quindi il fine settimana ha anche dei lati positivi, mentre oggi è stata una giornata più complicata. Essenzialmente, sono felice della velocità, ma dobbiamo gestirla meglio. Stiamo ancora provando delle cose fondamentali e delle strategie in modo che il lavoro continui anche nel prossimo round in Qatar”.

Leon Haslam, Team HRC after crash
Leon Haslam, Team HRC
Leon Haslam, Team HRC
Leon Haslam, Team HRC
Leon Haslam, Team HRC
Leon Haslam, Team HRC
Leon Haslam, Team HRC
Leon Haslam, Team HRC
Leon Haslam, Team HRC
Leon Haslam, Team HRC
Leon Haslam, Team HRC
Leon Haslam, Team HRC
Leon Haslam, Team HRC
Alvaro Bautista, Team HRC
Alvaro Bautista, Team HRC crash
Alvaro Bautista, Team HRC
Alvaro Bautista, Team HRC
Alvaro Bautista, Team HRC
Alvaro Bautista, Team HRC
Alvaro Bautista, Team HRC crash
Alvaro Bautista, Team HRC
Alvaro Bautista, Team HRC
Alvaro Bautista, Team HRC
Alvaro Bautista, Team HRC
Alvaro Bautista, Team HRC
25

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Fotogallery: il primo round della SBK 2020 a Phillip Island
Prossimo Articolo Disastro Yamaha: Razgatlioglu è rimasto senza benzina in Gara 2

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia