Hayden: "Deluso per non aver conquistato il podio"

Amarezza nelle parole di Hayden per aver visto sfuggire il podio all'ultima curva superato da Giugliano a causa di una impostazione errata del traction control.

Hayden: "Deluso per non aver conquistato il podio"
Nicky Hayden, Honda WSBK Team e Leon Camier, MV Agusta
Nicky Hayden, Honda WSBK Team e Davide Giugliano, Aruba.it Racing - Ducati Team
Davide Giugliano, Aruba.it Racing - Ducati Team, Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team, Nicky Hayden, Honda WSBK Team et Sylvain Guintoli, Pata Yamaha

Il primo weekend in Superbike per Nicky Hayden ha lasciato l'amaro in bocca all'ex campione del mondo della MotoGP.

L'americano, dopo aver colto il nono posto in Gara 1 a causa di un elevato degrado delle gomme, ha visto sfumare il terzo posto in Gara 2 all'ultima curva superato da Davide Giugliano.

Nicky si è mostrato deluso del risultato colto ed ha parlato di un suo errore nel non aver impostato correttamente il traction control nei due giri conclusivi: "Nel corso dell'ultimo giro sapevo che Giugliano era dietro di me ed ho provato a difendere la posizione ma ho perso la traiettoria ideale tra la curva 10 e la 11. Grazie a questo piccolo errore è riuscito a superarmi. Ho provato a dare gas ma è intervenuto il traction control a tagliare la potenza. Avrei dovuto regolare diversamente il traction control negli ultimi due giri. Certamente sono dispiaciuto per non essere andato a podio, sarebbe stato grandioso celebrare la mia prima gara in Superbike finendo nei primi tre".

L'amarezza di Hayden viene comunque mitigata dalle parole del manager Honda Pieter Breddels: "Nicky ha portato a casa un buon risultato ed ha dimostrato quanto abbiamo migliorato rispetto al sabato. Dobbiamo poi ricordare che si trattava della sua prima gara con questa moto e con le Pirelli".

Opposte sensazioni, invece, per van der Mark abile a chiudere Gara 1 e Gara 2 sul podio: "E' stato un grande weekend ed il team ha fatto un lavoro eccezionale per migliorare la moto. Non potevamo sperare in un inizio migliore. Sono soddisfatto della competitività della moto, abbiamo imparato molto qui a Phillip Island e non vedo l'ora di correre in Tailandia". 

condivisioni
commenti
Giugliano: "Mi ero tenuto del margine per gli ultimi giri"

Articolo precedente

Giugliano: "Mi ero tenuto del margine per gli ultimi giri"

Prossimo Articolo

Davies: "Sfortunatamente ho trovato il limite dell'anteriore"

Davies: "Sfortunatamente ho trovato il limite dell'anteriore"
Carica commenti
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021