Guintoli appiedato da Yamaha: "Cerco una moto competitiva in SBK"

Sylvain Guintoli non è stato confermato da Yamaha per il 2017. Il team di Iwata ha infatti messo sotto contratto Michael van der Mark, giovane e talentuoso pilota ora in forza al team Honda Ten Kate.

Nel 2014 il titolo mondiale Superbike con Aprilia e per Sylvain Guintoli sembrava essere arrivata la consacrazione definitiva nella categoria dedicata alle derivate di serie. Invece negli ultimi due anni le cose sono andate in maniera molto diversa rispetto le iniziali aspettative.

Il francese ha infatti cambiato due team in appena due stagioni. Nel 2015 un anno sciagurato con il team Honda Ten Kate. La CBR1000RR obsoleta e non aggiornata non lo ha certo aiutato. Poi ecco l'occasione Yamaha.

Il team di Iwata lo ha chiamato per portare al debutto la YZF-R1, moto nuova di zecca e già caricata di enormi aspettative, soprattutto dopo il grande successo alla 8 Ore di Suzuka. L'avvio è stato promettente, ma poi le prime manche di gara hanno mostrato l'inadeguatezza di alcune componenti, che distruggevano la gomma posteriore dopo una manciata di giri in gara.

Ciliegina sulla torta, ma amara, la caduta nella Superpole del round di Imola, a inizio maggio. Sylvain ha patito un brutto infortunio alla schiena che lo ha di fatto estromesso dal Mondiale per quasi 4 mesi. Il risultato: Yamaha ha preferito affidarsi al giovane e rampante Michael van der Mark per il 2017, lasciando a piedi Guintoli.

"Avevo un contratto di un anno con Yamaha. Sto guardando le opzioni, ma nulla è deciso. Il mio più grande desiderio è quello di restare nel World Superbike e avere un pacchetto competitivo. Se non potrò avere una situazione simile, vedremo, ma sto lavorando su questo", ha affermato il francese.

"Bisogna andare step-by-step. Quello è il mio primo obiettivo. Ci sono ancora diverse moto competitive disponibili, ma non molte. Ci sono molti piloti britannici in questo campionato; penso che sia bello avere diverse nazionalità che lottano nelle prime posizioni, e io potrei farlo con una buona moto! Sarebbe un bene per il campionato".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WSBK
Piloti Sylvain Guintoli
Team Crescent Racing
Articolo di tipo Intervista