Ducati: provati nei test di Portimao aggiornamenti di freni, sospensioni ed elettronica per la Panigale

condivisioni
commenti
Ducati: provati nei test di Portimao aggiornamenti di freni, sospensioni ed elettronica per la Panigale
Di: Lorenzo Moro
27 ago 2018, 10:20

Duro lavoro in casa Ducati: nuovi aggiornamenti di ciclistica presentati a Portimao per spremere il massimo dalla loro bicilindrica in vista del rush finale della superbike

Marco Melandri, Aruba.it Racing-Ducati SBK Team, Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati SBK Team
Podio: il terzo classificato Marco Melandri, Aruba.it Racing-Ducati SBK Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati SBK Team
Marco Melandri, Aruba.it Racing-Ducati SBK Team
Le vainqueur Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team fête sa victoire
Il terzo, Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team e Davide Giugliano, Aruba.it Racing - Ducati Team
Michael Ruben Rinaldi, Aruba.it Racing-Ducati SBK Team
Michael Ruben Rinaldi, Aruba.it Racing-Ducati SBK Team

Manca poco all'inizio del rush finale della Superbike: il terzo weekend di Settembre andrà infatti in scena a Portimao, sul circuito dell'Algarve, l'undicesimo round di questo mondiale 2018. Proprio in vista di questo importante appuntamento i vari team della Sueprbike hanno avuto a disposizione il tracciato portoghese per una due giorni di test nelle passate giornate del 23 e 24 agosto. Proprio per l'occasione alcuni team hanno portato aggiornamenti alle proprie moto per poter sfruttare al massimo gli ultimi appuntamenti del campionato e per spremere quanto più possibile dal totale di punti rimasti in lizza.

Questi test sono stati molto importanti per Ducati: Chaz Davies è infatti secondo in classifica dietro a Jonathan Rea e, specialmente nella prima parte del campionato, è stato l'unico pilota capace di impensierire il campione della Kawasaki. Ducati si è quindi presentata all'Algarve con alcuni aggiornamenti alla ciclistica della sua bicilindrica proprio allo scopo di mettere i suoi piloti nella condizione di mettere - per quanto possibile - i bastoni tra le ruote allo straordinario Jonathan Rea, primo in campionato e lanciato verso il suo quarto titolo iridato.

Jonathan Rea a parte,  bisogna comunque continuare a lavorare sodo per sfruttare qualunque possibilità si presenterà e per tenere a freno la Yamaha di Michael van der Mark, terzo in classifica a soli 30 punti dal pilota Ducati. Ecco quindi che, oltre a diversi aggiornamenti di setup e ciclistica da provare, ed alcune soluzioni sperimentali di gomme portate da Pirelli, Chaz Davies e Marco Melandri hanno sfruttato al massimo il tempo a disposizione.

Melandri, dopo aver concluso la prima giornata in vetta alla classifica dei tempi, ha terminato le prove con il quarto tempo assoluto e 158 giri all'attivo, il migliore dei quali in 1'42"254. Davies, reduce da una frattura alla clavicola poco più di un mese fa, ha potuto verificare con riscontri positivi la propria forma, compiendo 119 giri in totale e chiudendo con il quinto tempo in 1'42"564. In pista anche Michael Ruben Rinaldi, che ha sfruttato le sessioni per prendere le misure al tracciato sulla Panigale R dell'Aruba.it Racing - Junior Team, mostrando progressi costanti e chiudendo in decima posizione con il tempo di 1'42"862.

Queste le dichiarazioni dei portacolori del team di Borgo Panigale: 

Marco Melandri: "Il test è andato bene. Lo scorso anno qui avevamo sofferto a causa delle buche, ma devo dire che hanno fatto un buon lavoro di riasfaltatura nei curvoni veloci. Le condizioni comunque erano piuttosto difficili, soprattutto nel pomeriggio quando si alzava il vento e salivano le temperature. Avevamo alcune novità interessanti da provare, e tanti pneumatici con misure diverse, quindi sono stati due giorni abbastanza intensi.  Ci siamo progressivamente migliorati, concentrandoci sull'affinamento del setup per la gara, mentre il time attack resta da perfezionare. Oggi avevamo un passo più consistente e da questo punto di vista, al vertice, siamo tutti abbastanza vicini”. 

Chaz Davies: "Sono piuttosto contento, abbiamo stabilito in linea di massima l'assetto di base per la gara ed abbiamo anche provato alcuni componenti che ci hanno dato un'idea più precisa del nostro livello attuale. Non volevo spingere troppo e rischiare di esagerare, non ho nemmeno montato una gomma da qualifica a differenza dei piloti davanti a noi in classifica. Ci siamo focalizzati su alcuni aggiornamenti in termini di freni, sospensioni ed elettronica. Ovviamente l'obiettivo era anche quello di verificare le condizioni della spalla. Ho messo alla prova la clavicola nelle staccate, e questa pista ne offre di particolarmente dure, senza sentire alcun dolore quindi sono molto felice". 

Michael Ruben Rinaldi: "È stato un test molto utile. Considerando che era da un po' di tempo che eravamo fermi, il primo giorno mi è servito per riprendere confidenza con la Panigale R. Oggi invece abbiamo provato a fare il tempo alla mattina, in condizioni di asfalto più veloce, poi con l'aumento delle temperature ci siamo concentrati sul setup per la gara ed abbiamo migliorato il tempo sul finale con gomma da gara nonostante ci fossero oltre 50 gradi di asfalto. Sono molto soddisfatto, abbiamo fatto un bel lavoro e non siamo lontani da Chaz e Marco anche se ci resta da migliorare qualcosa soprattutto sul passo".

Prossimo articolo WSBK
Test Portimao, Giorno 2: Rea torna in cattedra davanti alla Yamaha di Alex Lowes

Articolo precedente

Test Portimao, Giorno 2: Rea torna in cattedra davanti alla Yamaha di Alex Lowes

Prossimo Articolo

A Portimao il Ducati Barni Racing Team ha provato novità d'assetto per la Panigale

A Portimao il Ducati Barni Racing Team ha provato novità d'assetto per la Panigale
Carica commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Piloti Marco Melandri , Chaz Davies
Team Ducati Team Acquista adesso
Autore Lorenzo Moro
Tipo di articolo Test