Ducati: primi giri di pista ufficiali per la Panigale V4 nei test Superbike di Aragon!

condivisioni
commenti
Ducati: primi giri di pista ufficiali per la Panigale V4 nei test Superbike di Aragon!
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
14 nov 2018, 11:55

Chaz Davies e Michael Ruben Rinaldi sono scesi in pista per la prima volta questa mattina ad Aragon con la nuova Ducati Panigale V4 nei test collettivi Superbike.

Della Ducati Panigale V4 se ne parlava ormai da tanto tempo. L'abbiamo vista in versione stradale e, di recente a EICMA, nella versione R, da 998 cc, quella da cui il Reparto Corse di Borgo Panigale sarebbe partito per preparare le moto ufficiali per il Mondiale Superbike 2019.

Oggi è arrivato il grande giorno, il debutto in pista nei test collettivi di Superbike al Motorland di Aragon. Due esemplari, neri entrambi, uguali e diversi allo stesso tempo.

Uguali nelle linee e nella meccanica, ma anche negli sponsor - il principale e l'unico oggi presente, Aruba.it - e nell'eloquente scritta nella parte bassa delle pance: Ducati Corse. Ma a differenziarle sono i numeri sul cupolino.

Il 7 di Chaz Davies e il 21 di Michael Ruben Rinaldi. Il gallese è il primo e in questi giorni unico pilota ufficiale a esordire oggi in sella della V4 in attesa dell'arrivo di Alvaro Bautista. Il posto dello spagnolo è stato per ora ricoperto dall'italiano, che nel 2019 correrà proprio con la nuova Panigale affidata al team Barni Racing.

Davies e Rinaldi hanno compiuto i primi giri di pista con la V4 proprio questa mattina, per iniziare a prendere confidenza con la versione R presentata pochi giorni fa in via ufficiale a EICMA. La V4 utilizzata dai due piloti di Borgo Panigale è già dotata delle appendici aerodinamiche poste appena dietro le due prese d'aria triangolari del cupolino, così come già visto sulla versione stradale.

Pochi giorni fa Dorna ha fatto sapere di ritenere questa soluzione idonea solo se la moto sarà omologata nei principali paesi proprio con le alette anche per l'utilizzo stradale e così sarà. Per cui Ducati potrà avvalersi di questa soluzione che dovrebbe aiutare i piloti a stabilizzare la frenata, ma anche a ridurre il wheelie (impennata dovuta all'apertura del gas) e a inserire meglio la moto in curva.

"La Superbike è ancora molto importante per la Ducati", ha dichiarato Paolo Ciabatti, direttore sportivo della Casa di Borgo Panigale. "E' il campionato da dove arriviamo, abbiamo vinto atante gare e titoli in Superbike ma, sfortunatamente, la Panigale R non ha mai vinto un titolo. Abbiamo vinto tante gare negli anni passati e Chaz Davies è finito secondo negli ultimi due mondiali. Siamo gli unici, veri avversari di Rea e della Kawasaki".

"La nuova V4 R è stata sviluppata in maniera intensiva da Michele Pirro e siamo molto soddisfatti. Pensiamo di avere una moto competitiva e di poter riportare i titoli a Bologna, anche perché l'ultimo è arrivato nel 2011 grazie a Carlos Checa. Certo, non sarà facile, perché Kawasaki svilupperà più che potrà la Ninja per cercare di rimanere davanti, ma siamo fiduciosi d'avere moto e piloti capaci di lottare per i titoli già nel 2019".

 

Prossimo Articolo
La Superbike rilascia un calendario provvisorio con 13 appuntamenti

Articolo precedente

La Superbike rilascia un calendario provvisorio con 13 appuntamenti

Prossimo Articolo

Test SBK, Aragon, Giorno 1: Rea già veloce con la Ninja 2019. La Ducati Panigale V4 subito terza

Test SBK, Aragon, Giorno 1: Rea già veloce con la Ninja 2019. La Ducati Panigale V4 subito terza
Carica commenti

Su questo articolo

Serie WSBK
Team Ducati Team Acquista adesso
Autore Giacomo Rauli