Ducati mette nel mirino le Kawasaki nell'appuntamento di Buriram

condivisioni
commenti
Ducati mette nel mirino le Kawasaki nell'appuntamento di Buriram
Redazione
Di: Redazione
08 mar 2016, 13:11

Chaz Davies e Davide Giugliano pronti a lottare con Rea e Sykes in Thailandia per centrare la prima vittoria della stagione. La Ducati Panigale R ha mostrato di essere cresciuta a Phillip Island.

Alex Lowes, Pata Yamaha, Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team, Sylvain Guintoli, Pata Yamaha
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team et Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team e Davide Giugliano, Aruba.it Racing - Ducati Team
Davide Giugliano, Aruba.it Racing - Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Davide Giugliano, Aruba.it Racing - Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team, Michael van der Mark
Dopo aver raccolto due podi nel round di apertura a Phillip Island, il team Aruba.it Racing - Ducati sarà nuovamente in pista il prossimo fine settimana a Buriram (Thailandia) per il secondo appuntamento del campionato mondiale Superbike.
 
In Australia, sia Davide Giugliano che Chaz Davies hanno lottato costantemente al vertice, portandosi al terzo e quarto posto provvisorio nella classifica generale con 29 e 26 punti rispettivamente. Su un circuito dalle caratteristiche nettamente diverse come quello di Chang, l’obiettivo è duplice: confermare la competitività della Panigale R in configurazione 2016 e continuare il lavoro di sviluppo congiunto tra pista e reparto corse.
 
Davide Giugliano (Aruba.it Racing - Ducati #34): “I risultati ottenuti in Australia mi hanno rincuorato. La Panigale R è senza dubbio migliorata e, grazie al grande lavoro di gruppo e ad una maggiore esperienza con il pacchetto, siamo riusciti a partire con il piede giusto dopo una lunga assenza dalle gare".
 
"In Thailandia non ho mai corso e dovremo fare i conti anche con il caldo ma, a questo proposito, Phillip Island ha rappresentato un bel banco di prova. Fisicamente non mi sento ancora al 100% ma sono vicino alla migliore condizione e mi farò trovare preparato”.
 
Chaz Davies (Aruba.it Racing - Ducati #7): “A Phillip Island siamo stati vicini alla vittoria in entrambe le gare. Avrei fatto volentieri a meno della caduta nella seconda manche, ma può capitare quando si lotta per il primo posto e l’ho già messa alle spalle. Sono rimasto in Asia ad allenarmi per abituarmi al caldo e all’umidità, e mi sento pronto".
 
"Lo scorso anno, in Thailandia abbiamo sofferto a causa dei lunghi rettilinei. La Panigale R è cresciuta molto da allora, ma dobbiamo continuare lo sviluppo e trovare ancora qualche chilometro in più di velocità massima”.
Prossimo articolo WSBK
In Thailandia Rea cerca la vittoria numero 32 in Superbike

Articolo precedente

In Thailandia Rea cerca la vittoria numero 32 in Superbike

Prossimo Articolo

Superbike: ecco gli orari TV del fine settimana di Buriram

Superbike: ecco gli orari TV del fine settimana di Buriram
Carica commenti