Davies scettico sul libro di Rea: “Pubblicato troppo presto”

Il pilota Ducati afferma di non aver letto il libro del suo rivale, secondo lui pubblicato troppo in anticipo. Crede che avrebbe dovuto aspettare la fine della propria carriera.

Davies scettico sul libro di Rea: “Pubblicato troppo presto”

Jonathan Rea ha pubblicato alla fine del 2018 la sua autobiografia, “Dream. Believe. Achieve” (“Sogna. Credi. Raggiungi”, “In testa” nella versione italiana). In quell’anno, il britannico aveva conquistato il suo quarto titolo mondiale e l’anno seguente avrebbe battuto altri record, diventando il pilota più vincente della storia della Superbike. Eppure in molti si chiedono per quale motivo Rea abbia deciso di pubblicare la propria autobiografia all’apice della carriera invece di aspettare la fine.

Tra questi c’è il suo rivale Chaz Davies. Il gallese è sorpreso dalla scelta di anticipare l’uscita di un lavoro così importante, ma afferma di non averlo ancora letto, pur essendo stato menzionato in alcuni passaggi: “Non l’ho letto. Ma il passato è passato, non voglio commentare ulteriormente. Mi è stato chiesto già un paio di volte se avessi letto il libro. Ho la mia opinione su di esso. Forse un giorno anche io ne scriverò uno, ma vedremo. Dipende da quante persone vorranno sapere cosa voglio dire”.  

Jonathan Rea, Chaz Davies

Keine besten Freunde: Chaz Davies und Jonathan Rea

Foto: LAT

Davies non comprende i tempi con cui è uscita questa autobiografia: “Lo capisco da un punto di vista economico. Bisogna sfruttare questi momenti. Ma non sono mai stato un fan di queste autobiografie. Il libro è stato pubblicato, ma credo che ci saranno molte altre cose da dire più in avanti”.

“Se sei ancor attivo nel tuo sport, ci saranno altre storie da raccontare. Naturalmente c’è la possibilità di pubblicare una versione aggiornata. Ma penso che bisognerebbe raccontarla correttamente e questo dovrebbe essere fatto alla fine della carriera. Questa però è solo la mia opinione. Posso capire che fosse sotto pressione, perché le persone vogliono fare i soldi. Ma una storia interessante non dovrebbe concentrarsi sull’aspetto finanziario, dovrebbe riguardare il racconto”.

condivisioni
commenti
I colpi di mercato più eclatanti per il 2020

Articolo precedente

I colpi di mercato più eclatanti per il 2020

Prossimo Articolo

Kawasaki: la Ninja ZX-10RR di Rea e Lowes svelata il 6 febbraio

Kawasaki: la Ninja ZX-10RR di Rea e Lowes svelata il 6 febbraio
Carica commenti
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021
Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti" Prime

Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti"

In questo nuovo appuntamento con Il Rosa dei Motori, Lorenza D'Adderio intervista Ana Carrasco. La campionessa del Mondiale SSP300 del 2018 si racconta, evidenziando quanto l'ottimismo e l'entusiasmo siano ingredienti fondamentali per chi, come lei, ha dovuto recuperare le forze dopo un tremendo infortunio. Una motociclista temeraria e di talento, che non è indifferente a un altro grande campione come Jonathan Rea...

WSBK
22 lug 2021
BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita? Prime

BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita?

Tom Sykes e Michael van der Mark difficilmente dimenticheranno il round di Donington, grazie ai podi conquistati e alla solidità mostrata durante tutto il weekend. BMW convince e non vuole che questi risultati siano una tantum. L’obiettivo in Olanda è dimostrare di essere cresciuti davvero e di poter dire la propria, dando prova del fatto che Donington è stato solo il punto di partenza di una rinascita.

WSBK
9 lug 2021
Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale? Prime

Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale?

Scott Redding mette in archivio il round di Donington, il peggiore della sua stagione fino ad ora. Due zeri e neanche un podio sono il bilancio di un weekend che potrebbe segnare la fine della lotta iridata. "Difficile ma non impossibile", dice Redding. Ma da Assen serve la svolta.

WSBK
6 lug 2021