Davies: “Possiamo lottare per il titolo come tutti gli altri”

Chaz Davies si è lanciato nella nuova avventura con il team Goeleven e guiderà una Panigale V4R che avrà materiale ufficiale e supporto dalla fabbrica. Il gallese parla dei primi giorni con la nuova squadra a Jerez e degli obiettivi in vista del 2021.

Davies: “Possiamo lottare per il titolo come tutti gli altri”

Il 2021 rappresenta un nuovo inizio per Chaz Davies, che dopo sette stagioni nel team Aruba.it Racing Ducati approda alla squadra Goeleven, struttura privata che però conta sul supporto di Borgo Panigale. Il gallese, al termine della lunga avventura con il team ufficiale, è pronto ad affrontare la nuova sfida, forte della grande esperienza e del sostegno che comunque continuerà ad avere dalla marca.

L’esordio ufficiale di Davies in sella alla Panigale V4R del team Goeleven era previsto a Jerez de la Frontera due settimane fa in occasione dei test pre-campionato, ma la pioggia ha costretto tutti i piloti a restare ai box e bisognerà attendere marzo, quando la Superbike tornerà in pista per i prossimi test, per vedere il britannico con la sua nuova squadra.

Davies ha lasciato il team ufficiale Ducati da vincente, con uno splendido trionfo in Gara 2 ad Estoril. In quel momento il suo futuro era ancora incerto, ma la voglia di tornare in pista era davvero tanta: “Ci sono stati alcuni momenti in cui ho pensato ‘forse questo è il modo migliore per concludere’. Ho vinto l’ultima gara, ho fatto il mio lavoro e vado a casa a testa alta. Ma qualcosa dentro di me ancora bruciava, ho ancora obiettivi da raggiungere e gare da vincere. Ho ancora tanta passione per questo sport, metto ancora l’impegno necessario per portare a casa risultati. Penso che quando sarò veramente stanco di correre smetterò, ma è una decisione che non sono ancora pronto a prendere”.

Leggi anche:

Ma è tempo di concentrarsi sulla nuova avventura in cui si è lanciato e di cui parla ai microfoni di worldsbk.com: “Il team Goeleven è come una famiglia, c’è molta passione, l’ho potuto già vedere. È questo il tipo di gruppo di cui mi voglio circondare. Sono stato in queste condizioni già in passato durante la mia carriera ed è in queste situazioni in cui c’è una bella atmosfera che riesco a tirare fuori il meglio di me. La base di tutto è il materiale, perché ho bisogno di avere il materiale per continuare la forma che avevo alla fine del 2020. Il punto di partenza è questo ed è la base di tutto, avere le conferme di ciò che avevo”.

“Onestamente, se non avessi avuto il supporto della fabbrica, probabilmente non sarei qui – prosegue - Perché sono qui per vincere, ho dimostrato di poterlo fare, sento di meritare il materiale per poter vincere. Avrò una moto di fabbrica almeno all’inizio dell’anno e poi dipenderà dagli aggiornamenti che arriveranno durante la stagione. Sinceramente, se mi trovassi in una buona posizione, sarebbe nell’interesse di Ducati e nel mio avere il pieno supporto, come se fossi in un team ufficiale”.

Archiviati i test di Jerez in un nulla di fatto, lo sguardo è puntato verso i test di Portimao in programma a marzo: “Nei prossimi test che faremo partiamo con il pacchetto di base che avevo alla fine del 2020 e poi inizieremo ad introdurre alcune modifiche. Una delle novità è che ho un nuovo capo tecnico, di madrelingua inglese. È positivo avere questa figura che parla la tua stessa lingua, posso spiegare in maniera approfondita e mi capisce. Abbiamo lavorato insieme per un paio di giorni e ha capito subito tutti i miei commenti”.

Quest’anno la stagione inizierà più tardi del previsto, il semaforo si spegnerà per la prima volta ad aprile, ma Chaz Davies ha già le idee chiare sugli obiettivi del 2021: “Quando collezioni più punti di chiunque altro nelle ultime nove gare della stagione dimostri di avere una buona costanza ed è questo ciò di cui si ha bisogno per il campionato. Ora abbiamo un altro po’ di inverno davanti a noi, nessuno sta fermo e non lo saremo nemmeno noi. La chiave è arrivare alla prima gara ad un livello alto. Ho vinto l’ultima gara, ma non posso adagiarmi su questo, devo continuare a spingere. Non si può vincere in Superbike se la testa, il corpo e tutto il resto non sono nelle condizioni ideali. Ovviamente, credo che possiamo lottare per il titolo come tutti gli altri. Lo abbiamo dimostrato in passato e ne ho dato prova anche alla fine dello scorso anno, quindi credo che ci sia fiducia”.

 

condivisioni
commenti
SBK, Bautista: "Test breve, ma importante e positivo"
Articolo precedente

SBK, Bautista: "Test breve, ma importante e positivo"

Prossimo Articolo

SBK: Ducati a Misano per una giornata di test

SBK: Ducati a Misano per una giornata di test
Carica commenti
SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale Prime

SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale

Toprak Razgatlioglu è il nuovo campione del mondo della Superbike, il turco è riuscito a battere Rea dopo sei anni di dominio incontrastato. Ma il titolo del pilota Yamaha non rappresenta solo un cambiamento al vertice, segna anche il rinnovo del campionato, un ricambio generazionale che disegna un bel futuro per le derivate di serie.

WSBK
24 nov 2021
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021