Davies: "Ora raccogliamo i frutti di un lavoro lungo due anni"

Chaz Davies entusiasta dopo la strepitosa doppietta colta a Imola, quinto round del Mondiale Superbike 2016. "Ora possiamo vincere ovunque. Il pubblico è stato fantastico!", ha ammesso il gallese a fine gara.

Davies: "Ora raccogliamo i frutti di un lavoro lungo due anni"
Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Il vinciotre Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Il vincitore Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team e Davide Giugliano, Aruba.it Racing - Ducati Team
Tifosi Aruba.it Racing - Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing - Ducati Team

Siamo nel retropodio e stiamo aspettando il vincitore della seconda manche della World Superbike a Imola, Chaz Davies. Il ducatista si presenta da noi ancora in gran forma, nonostante 19 giri in cui ha annichilito ogni avversario. L'odore di champagne è forte - passano infatti accanto anche Rea e Sykes - ma è un buon segno, perché il gallese di Borgo Panigale ha colto una doppietta entusiasmante sul tracciato che sorge a pochi metri dalle sponde del fiume Santerno.

Chaz, a quanto pare, anno nuovo vita nuova...
"Il 2016? E'una nuova era, sì, ma già iniziata anno scorso, con un grande lavoro da parte della squadra. Questi risultati non li ottieni in un giorno, ma con il lavoro e la passione, la Panigale oggi può vincere ovunque".

Cosa è cambiato rispetto a 12 mesi fa?
"Sono cambiate tante piccole cose, tanti particolari, tanti piccoli dettagli, ma la mentalità e la voglia di vincere non sono mai mancate. Abbiamo trovato la giusta strada per sviluppare la nostra Panigale R".

Non c'è un bel clima tra Tom Sykes e Jonathan Rea. Può essere un vantaggio per te in ottica campionato?
"Di certo se loro continuano a battibeccare non è uno svantaggio per noi, ma non è affar mio. Non ci devo pensare, penso soltanto a fare il mio lavoro e a prendere più punti possibile, il campionato è lungo, mancano ancora molte gare al termine, siamo solo nella prima parte".

Prima Fogarty, poi Bayliss e Stoner. Poi ora sembra il tuo turno. Voi piloti anglofoni siete molto amati dai tifosi Ducati...
"Non so, diciamo che quando vinci è più facile farsi preferire e amare... Scherzi a parte, italiani sono tifosi particolari, pazzi per Ducati. Nel 2016 in Ducati tutto sta andando per il verso giusto. In MotoGP è diverso. Certo, Ducati è Ducati, stessa famiglia, le due parti crescono di pari passo".

"Con questo pacchetto siamo in grado di vincere di ovunque, non siamo più soltanto specialisti di Aragon, o di Laguna Seca. La differenza si è vista a Imola, dove l'anno scorso ci ritirammo due volte, mentre quest'anno abbiamo vinto due gare in questo modo, è davvero un passo avanti incredibile rispetto a dove eravamo due anni fa ma anche dove eravamo nel 2015 quando non eravamo ancora con questo passo e questo ritmo, siamo cresciuti tanto. Devo inoltre dire che da quest'anno possiamo contare su un cambio differente, che di dà una mano non indifferente nella gestione della moto e nella guida".

Rea e Sykes sembrano avere due stili di guida piuttosto differenti. Questo può svantaggiarli nello sviluppo della moto e al contempo essere un buon aiuto per voi?
"Non penso a Kawasaki ma questo può non essere uno svantaggio, io e Giugliano siamo piloti di caratteristiche differenti ma diamo indicazioni simili e questo aiuta e fa crescere in fretta la moto".

"A Imola non sentivo pressione, sentivo eccitazione semmai, con le tribune piene di gente che tifava per me. C'era pressione solo per non deludere le loro aspettative, ma la carica che mi hanno dato è stata incredibile e il risultato che abbiamo portato a casa è frutto anche della passione del pubblico".

condivisioni
commenti
Dall'Igna: "Da Aragon possiamo giocarci la vittoria ovunque!"

Articolo precedente

Dall'Igna: "Da Aragon possiamo giocarci la vittoria ovunque!"

Prossimo Articolo

Rea: "Davies imbattibile. I due secondi posti sono dunque ottimi"

Rea: "Davies imbattibile. I due secondi posti sono dunque ottimi"
Carica commenti
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
1 o
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021