WSBK
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso

Davies: "La FIM sapeva che la pista di Villicum aveva problemi"

condivisioni
commenti
Davies: "La FIM sapeva che la pista di Villicum aveva problemi"
Di:
Tradotto da: Lorenza D'Adderio
13 ott 2019, 14:48

Chaz Davies ha accusato la FIM di aver approvato il circuito di El Villicum per la Superbike pur sapendo che non rispettava le richieste per l'omologazione.

Chaz Davies è stato uno dei sei piloti che ha deciso di non correre Gara 1 in Argentina in sabato dopo i problemi di sicurezza causati dalla polvere e dalle condizioni dell'asfalto che ha causato cadute e scivolate per tutto il fine settimana.
All'inizio il 90% dei piloti era d'accordo per non correre, prima che gli organizzatori mettessero pressione ai team manager per far sì che i piloti scendessero in pista
Tra i piloti che hanno poi corso c'è stato Jonathan Rea, che è finito sotto attacco da parte di Davies ed Eugene Laverty, con quest'ultimo che lo ha definito "senza spina dorsale" per aver deciso di non boicottare la gara pur essendo a favore
In un feroce attacco durante l'intervista ad Eurosport, Davies ha affermato che la Superbike non avrebbe dovuto nemmeno andare in Argentina, visto che si sapeva da tempo quale fosse lo stato della pista.
"Da mesi conosciamo le condizioni di San Juan e mercoledì sera il circuito è stato omologato dalla FIM, pur sapendo che non rispettava le richieste specifiche".
"Le temperature sono salite sempre di più e noi piloti l'abbiamo avvertito, l'80 o 90% di noi era d'accordo per non correre perché era estremamente rischioso".
Ha aggiunto: "Resto fermo sulla decisione presa da alcuni di noi, credo che a volte bisogna farlo e sono deluso che non abbia funzionato. Non saremmo dovuti arrivare su una pista nel 2019 in queste condizioni. Non dovremmo essere qui, punto e basta. La pressione messa per mandarci in pista in condizioni rischiose è stata grande e nulla è più importante della sicurezza nello sport".
"È pericoloso e Loris Baz è tornato a casa con un polso rotto, l'abbiamo visto da subito. È una situazione brutta".
Baz è caduto in Superpole durante il giro di lancio, ma dopo aver saltato la gara ha rivelato sui social che non si era rotto il polso, ma aveva un dolore alla testa
Laverty ha sostenuto le lamentele di Davies sull'omologazione sbagliata del circuito ed afferma che il problema dell'olio sulla superficie dell'asfalto con le temperature alte è stato sottovalutato dagli addetti.
"Questa posta non avrebbe mai dovuto essere omologata - afferma - ma qual è il punto di avere un'omologazione standard se arrivi e noti che non c'è nessuna caratteristica che rispetti le richieste, ma poi ricevi pressioni da parte delle TV e da tutti gli altri e la firmi il giovedì sera?"
"Voglio dire, il livello dell'asfalto non rispetta nemmeno gli standard della FIM. I ragazzi che hanno lavorato all'asfalto non hanno usato il mix corretto ed è per questo che l'olio di catrame è uscito ad una certa temperatura".
"In condizioni di fresco sono riuscito a completare un giro in 1'41". Ma con il caldo, sono arrivato ad 1'50", sono nove secondi di differenza, come in condizioni di bagnato. La pista non rispetta gli standard".

Prossimo Articolo
Laverty attacca: “Rea è senza spina dorsale, Bautista è stupido”

Articolo precedente

Laverty attacca: “Rea è senza spina dorsale, Bautista è stupido”

Prossimo Articolo

SBK, Villicum: Rea trionfa nella Superpole Race

SBK, Villicum: Rea trionfa nella Superpole Race
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie WSBK
Evento Villicum
Piloti Eugene Laverty , Chaz Davies
Team Ducati Aruba.IT
Autore Lewis Duncan