Davies: “Frustrante essere lontani, nel 2020 dobbiamo reagire”

Quarto nella Superpole Race ed in Gara 2, ha evitato per un soffio l’incidente tra Razgatlioglu e Bautista. È soddisfatto a metà di un weekend in cui sentiva di poter dare di più, ma ha raccolto altre informazioni utili per lo sviluppo della Panigale V4 R.

Davies: “Frustrante essere lontani, nel 2020 dobbiamo reagire”

Nella domenica di Jonathan Rea, Chaz Davies si riscatta dopo la caduta in Gara 1 di sabato. Il pilota Ducati lascia Magny-Cours con due quarti posti, sia nella Superpole Race sia in Gara 2, dove è riuscito per un soffio ad evitare l’incidente avvenuto fra Toprak Razgatlioglu ed Alvaro Bautista. Uscito indenne dal caos innescato dal pilota del team Puccetti, il gallese è rientrato in pista dopo un’escursione sull’erba per evitare i due e ha perso tempo che non è riuscito a recuperare nel corso dei giri.

La quarta posizione di Gara 2 è la stessa conquistata nella Superpole Race, dove è stato autore di una bella rimonta dall’11esima casella della griglia. Nonostante le gare sprint non siano il suo punto forte, è riuscito a risalire la china lottando nelle posizioni di testa, salvo poi perdere il podio per otto decimi. Non è stato un weekend pienamente soddisfacente quello di Davies, che però vola oltreoceano con informazioni in più sulla Panigale V4 R che vorrà sfruttare anche per il prossimo anno.

Leggi anche:

Reagire è la parola chiave. Davies si è complimentato con il connazionale Rea per il suo quinto titolo mondiale consecutivo, ma pensa già a come poterlo battere nel 2020, in cui spera di poter essere più efficace per frenare l’egemonia del binomio Rea-Kawasaki: “Johnny è un punto di riferimento ed insieme a lui Kawasaki, non è facile già vincere un titolo, figuriamoci cinque. La chiave è stata la costanza, noi dobbiamo reagire al meglio l’anno prossimo”.

Al momento però pensa alla stagione ancora in corso e commenta la gara di oggi pomeriggio, che lo fa sorridere a metà: “È stato frustrante non poter lottare per la vittoria, perché il passo c’era. Ma purtroppo sono stato frenato dalla caduta di Toprak che mi ha fatto andare sull’erba e sono rientrato ormai troppo distante dai primi. Credo che Toprak abbia perso il posteriore aprendo il gas, Alvaro non aveva nessun altro posto dove andare e si è creato il caos, io sono finito sull’erba…è stato un peccato”.

“Il gap dal gruppo di testa era troppo e non sono riuscito a riprenderli, nonostante rosicchiassi un decimo di qua ed uno di là. Quando sono tornato in pista ero distante 4 secondi, gli stessi che ho perso al traguardo, perché infatti sono arrivato con 4 secondi di ritardo dal vincitore. Comunque la gara è stata buona in termini di informazioni raccolte”.

 

Tutto sommato però Chaz Davies è contento della strada intrapresa per sviluppare questa Ducati, che sembra andare nella giusta direzioni per quanto riguarda lo sviluppo. Anche il pilota inizia ad adattarsi meglio ai quattro cilindri: “Non voglio cambiare molto della moto, si tratta solo di piccoli dettagli che possono fare la differenza e cerchiamo questo per l’anno prossimo. Sicuramente c’è margine di miglioramento perché questa moto è nel campionato solo da quest’anno. A volte è stata una stagione difficile ed io ho avuto qualche difficoltà ad adattarmi alla nuova moto e renderla più confortevole per il mio stile di guida, però sappiamo che stiamo andando nella giusta direzione e speriamo di poter avere un pacchetto competitivo anche per il prossimo anno”.

Una volta finita la stagione, la Superbike volerà a Motorland Aragon per i primi test del 2020, in cui Davies sa già su cosa lavorare: “Per i prossimi test di novembre non ho chiesto nulla in particolare, ma seguo il trend generale di sviluppo. Abbiamo delle parti da sviluppare, ma andiamo ad Aragon con una moto che sta andando nella giusta direzione”.

Informazioni aggiuntive di Sebastian Fränzschky

Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
1/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
2/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
3/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
4/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team, Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team, Tom Sykes, BMW Motorrad WorldSBK Team, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team
5/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
6/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
7/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
8/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
9/9

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Bautista ammonisce Razgatlioglu: “Troppo nervoso, era al limite”

Articolo precedente

Bautista ammonisce Razgatlioglu: “Troppo nervoso, era al limite”

Prossimo Articolo

Rea ancora Campione: “Non mi sono mai arreso e ne sono fiero!”

Rea ancora Campione: “Non mi sono mai arreso e ne sono fiero!”
Carica commenti
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021
Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti" Prime

Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti"

In questo nuovo appuntamento con Il Rosa dei Motori, Lorenza D'Adderio intervista Ana Carrasco. La campionessa del Mondiale SSP300 del 2018 si racconta, evidenziando quanto l'ottimismo e l'entusiasmo siano ingredienti fondamentali per chi, come lei, ha dovuto recuperare le forze dopo un tremendo infortunio. Una motociclista temeraria e di talento, che non è indifferente a un altro grande campione come Jonathan Rea...

WSBK
22 lug 2021
BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita? Prime

BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita?

Tom Sykes e Michael van der Mark difficilmente dimenticheranno il round di Donington, grazie ai podi conquistati e alla solidità mostrata durante tutto il weekend. BMW convince e non vuole che questi risultati siano una tantum. L’obiettivo in Olanda è dimostrare di essere cresciuti davvero e di poter dire la propria, dando prova del fatto che Donington è stato solo il punto di partenza di una rinascita.

WSBK
9 lug 2021
Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale? Prime

Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale?

Scott Redding mette in archivio il round di Donington, il peggiore della sua stagione fino ad ora. Due zeri e neanche un podio sono il bilancio di un weekend che potrebbe segnare la fine della lotta iridata. "Difficile ma non impossibile", dice Redding. Ma da Assen serve la svolta.

WSBK
6 lug 2021
Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita" Prime

Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Lorenza D'Adderio intervista Mara Soto, meccanico Kawasaki nel team impegnato nel mondiale Superbike. Un viaggio attraverso i ricordi, gli obiettivi di una giovane ragazza che realizza il sogno di lavorare al fianco di un grande campione come Jonathan Rea.

WSBK
1 lug 2021