Dall'Igna: "Fondamentale lo scambio di dati tra SBK e MotoGP. Puntiamo ai titoli 2016"

condivisioni
commenti
Dall'Igna:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
10 feb 2016, 11:24

Il direttore generale di Ducati Corse fissa gli obiettivi del 2016 e illustra le novità del team, che è stato rafforzato con personale di MotoGP. Deganello e Biasio con Davide Giugliano.

Presentazione Team Aruba.it - Ducati Superbike 2016
Chaz Davies, Team Aruba.it
Chaz Davies, Stefano Cecconi, Davide Giugliano
Davide Giuliano, Team Aruba.it e Chaz Davies, Team Aruba.it
Ducati Panigale R SBK 2016
Chaz Davies, Team Aruba.it
Davide Giuliano, Team Aruba.it e Chaz Davies, Team Aruba.it
Davide Giuliano, Team Aruba.it e Chaz Davies, Team Aruba.it
Davide Giuliano, Team Aruba.it e Chaz Davies, Team Aruba.it

Alla presentazione del team Aruba.it - Ducati Superbike 2016, avvenuta ad Arezzo, nella sede centrale di Aruba.it, era presente anche Gigi Dall'Igna, direttore generale di Ducati Corse, che ha voluto fare una panoramica della stagione passata, ma soprattutto dei miglioramenti fatti nel corso delle ultime settimane per poter permettere a Chaz Davies e Davide Giugliano di provare a centrare i due obiettivi che Ducati e Aruba si sono posti: vincere i campionati del mondo in palio nel Mondiale Superbike 2016.

Per fare questo, Ducati Corse ha avuto in intenso scambio di informazioni tra il team Superbike e quello di MotoGP. In questo modo entrambe le realtà hanno potuto beneficiare del lavoro dei colleghi, seppur le indicazioni venissero da due moto diverse.

"Abbiamo cercato di migliorare lo scambio di informazioni tra il team di Superbike e quello di MotoGP. Siamo così riusciti a migliorare questa grande realtà che stiamo vivendo. Abbiamo fatto cambiamenti importanti sia sulla moto che sulla struttura organizzativa. Vogliamo che la moto di produzione e la moto da corsa si assomiglino il più possibile, e questo per noi rappresenta un aspetto positivo, perché abbiamo la miglior moto di produzione in assoluto rispetto ai concorrenti dal punti di vista delle supersportive. Questo ci aiuta ad avere una moto veloce e in grado di vincere anche nelle competizioni di alto livello".

Un altro tassello fondamentale è stato rinforzare il team. Davide Giugliano, nel corso di questo 2016, potrà beneficiare di due nuovi tecnici di grande esperienza: Aligi Deganello e Paolo Biasio: "Per quanto riguarda il team lo abbiamo migliorato ancora. Abbiamo aggiunto un ingegnere che arriva dalla MotoGP per cercare di migliorare ulteriormente lo scambio di informazioni tra queste due categorie e questo penso che ci possa far diventare ancora più performanti e dare ai nostri piloti una moto che sia ancora più competitiva. Abbiamo migliorato anche la squadra di Davide (Giugliano, ndr), nel senso che abbiamo portato due persone che hanno una grandissima esperienza nel campo della Superbike e questo penso che ci possa far crescere ulteriormente".

Per concludere, Dall'Igna ha fissato gli obiettivi 2016, anzi, l'obiettivo: vincere i titoli Mondiali Superbike 2016, anche se la concorrenza sarà forte e spietata: "Abbiamo fatto una seconda parte di stagione da veri protagonisti, oltre agli ultimi test in cui ci siamo rivelati molto competitivi e questo ci permette di pensare a un 2016 davvero roseo. Questo potrebbe permetterci di cogliere quei risultati che Ducati e Aruba devono avere, che è quello di vincere il campionato del mondo. Sarà sicuramente difficile, perché i nostri avversari sono sicuramente molto competitivi. Ma credo che abbiamo tutte le carte in regola per poterlo fare".

Prossimo articolo WSBK
Kawasaki impressiona a Jerez: la Ninja fa già paura

Articolo precedente

Kawasaki impressiona a Jerez: la Ninja fa già paura

Prossimo Articolo

Frattura dell'acetabolo per Menghi dopo una brutta caduta a Phillip Island

Frattura dell'acetabolo per Menghi dopo una brutta caduta a Phillip Island
Carica commenti