Cecconi: “Cambierei le vittorie del 2019 con un titolo”

Il team principal di Aruba.it Ducati rivela le grandi ambizioni della squadra in vista del 2020, affermando di vedere Scott Redding competitivo già da Phillip Island. L’obiettivo è uno: il titolo mondiale.

Cecconi: “Cambierei le vittorie del 2019 con un titolo”

Tutto è pronto per la stagione 2020, Ducati ha presentato ad Imola la nuova Panigale V4 R, che verrà affidata al confermato Chaz Davies ed al neo arrivato Scott Redding. Le aspettative sono alte e gli obiettivi sono chiari: tornare davanti a tutti per riportare il titolo a Borgo Panigale.

Stefano Cecconi, Team Principal del team Aruba.it Racing Ducati, spera di replicare il grande successo dello scorso anno, ma con un esito decisamente diverso: “Non ci aspettavamo il dominio di inizio 2019. Eravamo convinti di poter far bene, ma non di vincere 11 gare con i distacchi che abbiamo visto. Però rimaniamo con i piedi per terra, sappiamo che è stato un momento abbastanza speciale, non so quanto ripetibile, ma non ci interessa vincere tutte le gare, vogliamo vincere il campionato. Se potessi scambiare tutte le vittorie con tanti piazzamenti ed un titolo, lo farei subito. Perché alla fine è quello il risultato che conta e quindi quest’anno mi aspetto di avere quella costanza che l’anno scorso ci è mancata, in positivo ed in negativo”.  

Leggi anche:

I presupposti per far bene sembrano esserci tutti: “Chaz è a posto quest’anno, ha avuto i test invernali dove normalmente non spinge. Ormai lo conosciamo da anni e sappiamo che non rischia mai troppo durante i test perché se non c’è un trofeo non riesce a dare il massimo come fa in gara. Scott ci ha impressionato. Lo conoscevo relativamente, ci eravamo incrociati da qualche parte, ma l’ho visto al lavoro ed è un gran professionista, a differenza di come può apparire nella vita di tutti i giorni, soprattutto sui social. Quando entra nel box è veramente serissimo. Fa quasi impressione”.

“Siamo abbastanza tranquilli, Ducati ci ha portato davvero tante novità sulla moto da provare. I due giorni di pioggia di Jerez sono stati utili soprattutto per Scott, che voleva prendere confidenza sul bagnato. Infatti ha girato, invece Chaz un po’ meno. Speriamo di far bene, il nostro lavoro di preparazione invernale per non far mancare nulla ai ragazzi è andato bene, adesso tocca a loro”.

Alla luce degli ottimi test svolti da Redding, Cecconi si aspetta di vederlo competitivo già in Australia, dove la stagione si aprirà fra poco meno di tre settimane: “Proprio Phillip Island può essere un circuito dove Scott può stupire sin da subito, perché si adatta molto al suo stile. Ha già fatto vedere, guardando i dati, che è simile in alcuni aspetti alla guida di Alvaro o di Marco, che faceva sempre bene in Australia. Dobbiamo capire come sarà la situazione sulle piste che non conosce, come Imola, la Germania e l’Argentina, e come si troverà. Però da questo punto di vista ci conforta dopo quanto abbiamo visto fare nel BSB, dove ha vinto anche su piste mai viste”.

Leggi anche:

Alla settima stagione in rosso, anche Davies va a caccia del titolo che gli manca da ormai troppo tempo: “È innegabile che Chaz senta la necessità di smettere di essere il vice campione e di raggiungere l’obiettivo. Ha la maturità e l’età giusta. Non è né giovane né vecchio, né inesperto, né avventato. Non è mai stato un pilota che fin da subito sale su una moto sconosciuta e senza troppo cucirsela addosso prende e spinge. Questo è successo con la bicilindrica e tutti abbiamo visto il feeling che ha raggiunto. È successo anche l’anno scorso, complici anche i test invernali, ci ha messo un po’ a trovare la quadra. Ma una volta trovata, ha fatto lo step che gli ha permesso di vincere a Laguna Seca e che l’ha portato ad essere davanti”.

Il 2020 potrebbe essere chiave in ottica mercato 2021? Cecconi afferma: “È la prova del nove e vediamo come va la stagione. Sicuramente se andasse molto, molto male sarebbe un problema di motivazione anche per lui. Ma se va come ci aspettiamo, no. Io mi aspetto che vada benissimo. Dal punto di vista del 2021, l’ho sempre visto determinato, contratto meno. Sappiamo entrambi che se le cose vanno bene non c’è motivo di interrompere la collaborazione. Al contrario, forse sarebbe lui il primo ad essere stanco. Ma non l’ho mai visto neanche minimamente scosso da questi aspetti”.

Leggi anche:

Sulla carta, Ducati vanta una squadra decisamente forte. Ma si sa che nessun pilota è perfetto: “Il punto debole di Chaz secondo me può essere trovato nelle prove, perché è un animale da gara. A volte provare a spingere fino al limite nelle prove o nei test può essere d’aiuto. Però sappiamo che rispetto a ciò che fa in prova e nei test c’è un po’ di margine in più. Il punto debole di Scott ancora lo dobbiamo scoprire. Chaz è anche abbastanza sensibile ai cambiamenti, quindi questo è un vantaggio in un certo senso. Scott invece tende ad accontentarsi. Fa delle richieste, ma in generale quello che ha se lo fa andare bene. Non so se è un vantaggio o meno, perché per guidare lo sviluppo, più il pilota è esigente e più ti aiuta. Così invece non sai neanche in che direzione andare. A volte invece se non sei proprio a posto, passarci sopra facilita”.

Ducati Panigale VR 4 R 2020

Ducati Panigale VR 4 R 2020
1/12

Foto di: Aruba.it Racing

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati
2/12

Foto di: Aruba.it Racing

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati
3/12

Foto di: Aruba.it Racing

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati
4/12

Foto di: Aruba.it Racing

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati
5/12

Foto di: Aruba.it Racing

Ducati Panigale VR 4 R 2020

Ducati Panigale VR 4 R 2020
6/12

Foto di: Aruba.it Racing

Ducati Panigale VR 4 R 2020

Ducati Panigale VR 4 R 2020
7/12

Foto di: Aruba.it Racing

Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati

Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati
8/12

Foto di: Aruba.it Racing

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati
9/12

Foto di: Aruba.it Racing

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati
10/12

Foto di: Aruba.it Racing

Ducati Panigale VR 4 R 2020

Ducati Panigale VR 4 R 2020
11/12

Foto di: Aruba.it Racing

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati and Aruba.it Racing Ducati Team Management

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati, Chaz Davies, Aruba.it Racing Ducati and Aruba.it Racing Ducati Team Management
12/12

Foto di: Aruba.it Racing

condivisioni
commenti
Dall’Igna: "La nuova gomma penalizza Ducati e Honda"

Articolo precedente

Dall’Igna: "La nuova gomma penalizza Ducati e Honda"

Prossimo Articolo

Pedercini resta in SBK e punta su Cortese

Pedercini resta in SBK e punta su Cortese
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie WSBK
Evento Presentazione Aruba.it Racing
Sotto-evento Presentazione
Location Imola
Autore Lorenza D'Adderio
I 10 piloti MotoGP che hanno fatto la storia della Superbike Prime

I 10 piloti MotoGP che hanno fatto la storia della Superbike

Superbike e MotoGP hanno sempre viaggiato in parallelo, ma spesso si sono incrociate attraverso i piloti, che hanno messo la propria firma sia nelle derivate di serie sia nel mondiale prototipi, scrivendo pagine importanti della storia di entrambe le categorie.

WSBK
6 feb 2021
WSBK 2021: si apre la caccia a Rea Prime

WSBK 2021: si apre la caccia a Rea

Si è conclusa la due giorni di test pre-stagionali per la Superbike sulla pista di Jerez. Il tracciato spagnolo, però, è stato oggetto di incessante pioggia, che ha costretto i team a rimanere ai box per lungo tempo. Ecco cosa ci aspetta per questo 2021 del mondiale delle derivate di serie

WSBK
23 gen 2021
SBK, i 10 migliori momenti della stagione 2020 Prime

SBK, i 10 migliori momenti della stagione 2020

La stagione 2020 del mondiale Superbike ci ha regalato momenti intensi e gare memorabili. Abbiamo selezionato i migliori dieci momenti del campionato, in attesa di ripartire con la stagione 2021, in cui assisteremo a nuovi emozionanti pezzi di storia da scrivere e ricordare.

WSBK
21 gen 2021
Honda, il rientro ufficiale di HRC ha progetti ambiziosi Prime

Honda, il rientro ufficiale di HRC ha progetti ambiziosi

Honda è tornata in veste ufficiale nel mondiale Superbike grazie al supporto di HRC, con un progetto rinnovato. Nel 2020 ha raccolto un podio, il primo di una lunga serie, spera la squadra giapponese, che vuole tornare in vetta il prima possibile.

WSBK
15 gen 2021
Fotogallery: Rea, il sei volte campione diventato leggenda Prime

Fotogallery: Rea, il sei volte campione diventato leggenda

Ripercorriamo con una serie di immagini i sei titoli mondiali vinti da Jonathan Rea, ormai diventato leggenda della Superbike. Dal 2015 al 2020 nessuno è stato in grado di fermare il suo dominio e nel 2021 Kawasaki-Rea sarà ancora il binomio da battere.

WSBK
8 gen 2021
Yamaha, la terza forza nel mondiale SBK dal futuro giovane Prime

Yamaha, la terza forza nel mondiale SBK dal futuro giovane

Nella lotta fra Kawasaki e Ducati si è inserita Yamaha, che sta crescendo in maniera progressiva diventando la terza forza in campo nel mondiale Superbike. Dal 2021 inoltre vanterà una rosa di piloti giovani ed è già proiettata verso il futuro.

WSBK
1 gen 2021
Kawasaki-Rea, il binomio vincente che vuole ancora battere record Prime

Kawasaki-Rea, il binomio vincente che vuole ancora battere record

Jonathan Rea e Kawasaki hanno conquistato il sesto titolo consecutivo piloti e costruttori. Il 2020 è solo l’ennesimo anno ricco di successi per il binomio da record, che punta a confermarsi ancora nel 2021 con la nuova ZX-10RR.

WSBK
21 dic 2020
Ducati, l’anti-Rea rimane incompiuta. Ancora una volta Prime

Ducati, l’anti-Rea rimane incompiuta. Ancora una volta

Ducati ha concluso la stagione 2020 ad un solo punto da Kawasaki nella classifica costruttori. La casa di Borgo Panigale ha sfiorato il titolo, perdendo il confronto con Rea anche nella classifica dei piloti. Ma cosa è mancato al team italiano per mettere un freno allo strapotere del sei volte campione del mondo? Ducati riparte da questo interrogativo in vista di un 2021 ambizioso.

WSBK
19 dic 2020