Camier: “Devo cambiare tanto la moto, c’è molto lavoro da fare”

Il pilota del team Barni è sceso in pista a Portimao per completare qualche giro in sella alla Panigale V4 R nonostante il dolore alla spalla. Dalle prime prove evidenzia le differenze con la Honda ed inizia a capire la strada da percorrere.

Camier: “Devo cambiare tanto la moto, c’è molto lavoro da fare”

I test di Portimao della Superbike hanno portato conferme e riservato piacevoli sorprese: una di queste è il ritorno in pista di Leon Camier. Il pilota del team Barni sarebbe dovuto rimanere a riposo fino all’inizio della stagione, ma si è recato sulla pista portoghese per mettersi alla prova e completare almeno un giro in sella alla Panigale V4 R.

Il britannico sta recuperando pian piano dall’infortunio alla spalla che ha richiesto l’intervento chirurgico a fine dicembre e la squadra bergamasca aveva deciso di proseguire il lavoro di sviluppo durante i test invernali con Sandro Cortese. Il campione Supersport 2018 è sceso in pista sia a Jerez sia in Algarve, ma nel pomeriggio dell’ultima giornata ha ceduto la moto al pilota titolare, che ha messo a segno qualche giro per capire quali fossero le sue reali condizioni di salute.

Non ancora al 100%, inizialmente Camier aveva affermato di non voler prendere rischi e continuare con la fisioterapia per poter arrivare pronto all’inizio della stagione. Ma il lavoro sulla spalla lo ha portato a pensare di poter almeno provare le prime sensazioni in sella alla V4 del team Barni, per capire la strada da intraprendere: “Non era programmato che girassi in questo test, ma abbiamo lavorato proprio qui con il fisioterapista e mi sono sentito meglio da subito. Quindi ho pensato che potessi provare la moto ed andare con molta, moltissima calma per provare a capire la posizione sulla moto, l’elettronica. Sicuramente non ero forte, il giro è stato lungo. Ma è stata solo una prova per capire qualcosa. C’è molto lavoro da fare con l’elettronica, ma è normale. Inoltre bisognerà lavorare su aree specifiche per me. Devo cambiare molto la moto, poi vedremo se continuerò a migliorare per andare veloce. La prima cosa da fare è tornare in forma ed in salute, poi si vedrà”.

Leggi anche:

Il rientro in pista, il primo dopo i test di Aragon dove si è lesionato la spalla, non è stato semplice. Camier però è soddisfatto della sua prima uscita ed è contento di aver provato, anche se per poco: “Sulla moto ho sentito dolore, ero molto debole in frenata e nel cambio di direzione. Però sono stato cauto, non ho preso rischi e ho provato a capire la moto spingendo di più sul rettilineo. È stato buono fare questa prova, sicuramente ha giovato al 100%. Ora dobbiamo capire molte cose ed andare in Australia con un piano chiaro del lavoro che vogliamo fare e della direzione che vogliamo prendere”.  

Già dai primi riscontri, il pilota inglese ha capito le enormi differenze tra la Honda, moto con cui ha guidato durante il 2019, e la Ducati. Per questo motivo considera importanti i pochi giri completati, pur affermando di non avere troppa fretta nell’adattamento e dello sviluppo: “Il telaio è molto diverso rispetto alla Honda, è molto rigido. È molto più nervosa, dà un feeling più da gara. Questa moto usa di più l’elettronica, c’è molto lavoro da fare in questo senso e devo capire come trarre il meglio da questo aspetto. Al momento è molto difficile da dire fino a che non ho un’idea chiara di cosa si debba fare. Il controllo di trazione sembra giocare un ruolo fondamentale in questo senso, se si ha troppa potenza potrebbe creare dei problemi con questo telaio rigido. Mi prenderò del tempo per imparare, ma poi dovremmo essere in grado di compiere qualche progresso”.

Informazioni aggiuntive di Lewis Duncan

condivisioni
commenti
Razgatlioglu: “Passi avanti incredibili, pronto per l’Australia”

Articolo precedente

Razgatlioglu: “Passi avanti incredibili, pronto per l’Australia”

Prossimo Articolo

Haslam: “Honda ancora al lavoro sulle basi della moto”

Haslam: “Honda ancora al lavoro sulle basi della moto”
Carica commenti
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021