Camier: “Devo cambiare tanto la moto, c’è molto lavoro da fare”

Il pilota del team Barni è sceso in pista a Portimao per completare qualche giro in sella alla Panigale V4 R nonostante il dolore alla spalla. Dalle prime prove evidenzia le differenze con la Honda ed inizia a capire la strada da percorrere.

Camier: “Devo cambiare tanto la moto, c’è molto lavoro da fare”

I test di Portimao della Superbike hanno portato conferme e riservato piacevoli sorprese: una di queste è il ritorno in pista di Leon Camier. Il pilota del team Barni sarebbe dovuto rimanere a riposo fino all’inizio della stagione, ma si è recato sulla pista portoghese per mettersi alla prova e completare almeno un giro in sella alla Panigale V4 R.

Il britannico sta recuperando pian piano dall’infortunio alla spalla che ha richiesto l’intervento chirurgico a fine dicembre e la squadra bergamasca aveva deciso di proseguire il lavoro di sviluppo durante i test invernali con Sandro Cortese. Il campione Supersport 2018 è sceso in pista sia a Jerez sia in Algarve, ma nel pomeriggio dell’ultima giornata ha ceduto la moto al pilota titolare, che ha messo a segno qualche giro per capire quali fossero le sue reali condizioni di salute.

Non ancora al 100%, inizialmente Camier aveva affermato di non voler prendere rischi e continuare con la fisioterapia per poter arrivare pronto all’inizio della stagione. Ma il lavoro sulla spalla lo ha portato a pensare di poter almeno provare le prime sensazioni in sella alla V4 del team Barni, per capire la strada da intraprendere: “Non era programmato che girassi in questo test, ma abbiamo lavorato proprio qui con il fisioterapista e mi sono sentito meglio da subito. Quindi ho pensato che potessi provare la moto ed andare con molta, moltissima calma per provare a capire la posizione sulla moto, l’elettronica. Sicuramente non ero forte, il giro è stato lungo. Ma è stata solo una prova per capire qualcosa. C’è molto lavoro da fare con l’elettronica, ma è normale. Inoltre bisognerà lavorare su aree specifiche per me. Devo cambiare molto la moto, poi vedremo se continuerò a migliorare per andare veloce. La prima cosa da fare è tornare in forma ed in salute, poi si vedrà”.

Leggi anche:

Il rientro in pista, il primo dopo i test di Aragon dove si è lesionato la spalla, non è stato semplice. Camier però è soddisfatto della sua prima uscita ed è contento di aver provato, anche se per poco: “Sulla moto ho sentito dolore, ero molto debole in frenata e nel cambio di direzione. Però sono stato cauto, non ho preso rischi e ho provato a capire la moto spingendo di più sul rettilineo. È stato buono fare questa prova, sicuramente ha giovato al 100%. Ora dobbiamo capire molte cose ed andare in Australia con un piano chiaro del lavoro che vogliamo fare e della direzione che vogliamo prendere”.  

Già dai primi riscontri, il pilota inglese ha capito le enormi differenze tra la Honda, moto con cui ha guidato durante il 2019, e la Ducati. Per questo motivo considera importanti i pochi giri completati, pur affermando di non avere troppa fretta nell’adattamento e dello sviluppo: “Il telaio è molto diverso rispetto alla Honda, è molto rigido. È molto più nervosa, dà un feeling più da gara. Questa moto usa di più l’elettronica, c’è molto lavoro da fare in questo senso e devo capire come trarre il meglio da questo aspetto. Al momento è molto difficile da dire fino a che non ho un’idea chiara di cosa si debba fare. Il controllo di trazione sembra giocare un ruolo fondamentale in questo senso, se si ha troppa potenza potrebbe creare dei problemi con questo telaio rigido. Mi prenderò del tempo per imparare, ma poi dovremmo essere in grado di compiere qualche progresso”.

Informazioni aggiuntive di Lewis Duncan

condivisioni
commenti
Razgatlioglu: “Passi avanti incredibili, pronto per l’Australia”

Articolo precedente

Razgatlioglu: “Passi avanti incredibili, pronto per l’Australia”

Prossimo Articolo

Haslam: “Honda ancora al lavoro sulle basi della moto”

Haslam: “Honda ancora al lavoro sulle basi della moto”
Carica commenti
SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea? Prime

SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea?

Scott Redding doveva essere l’uomo incaricato di fermare il dominio di Jonathan Rea, eppure lascia Misano con l’amaro in bocca e con un distacco in classifica importante, considerando la solidità di Rea e Razgatlioglu, i due che lo precedono. Il turco convince e si avvicina il leader del mondiale. È dunque il pilota Yamaha il vero anti-Rea?

WSBK
15 giu 2021
WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation Prime

WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation

Prima puntata podcast di Debriefing WSBK, in cui Lorenza D'Adderio e Giacomo Rauli commentano il round di Misano Adriatico della classe regina delle moto derivate di serie. Buon ascolto!

WSBK
13 giu 2021
SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto? Prime

SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto?

Jonathan Rea conquista due gare su tre nel weekend dell’Estoril e allunga in classifica, approfittando di un passo falso di Scott Redding, scivolato in Gara 2 e ora inseguitore con un distacco già piuttosto importante.

WSBK
2 giu 2021
Kawasaki limitata dai giri motori ma trionfa: tutti zitti e buoni Prime

Kawasaki limitata dai giri motori ma trionfa: tutti zitti e buoni

Jonathan Rea ha dominato due delle tre gare disputate ad Aragon, round di apertura della stagione SBK. Il pilota Kawasaki è stato più forte dei limiti imposti dal regolamento e gli avversari devono già correre ai ripari.

WSBK
26 mag 2021
SBK, inizia il 2021: Rea non abdica, ma i rivali pressano Prime

SBK, inizia il 2021: Rea non abdica, ma i rivali pressano

Inizia la stagione 2021 del mondiale Superbike e c’è fermento per il nuovo campionato che è alle porte. Sarà ancora Rea a dettare legge o dovrà cedere lo scettro dopo sei titoli mondiali?

WSBK
19 mag 2021
SBK: per Ducati e Yamaha il ‘Gioco del Trono’ parte dai test Prime

SBK: per Ducati e Yamaha il ‘Gioco del Trono’ parte dai test

I test di Aragon svolti da Ducati e Yamaha hanno chiarito le idee alle squadre e lasciato alcuni dubbi che verranno dissipati solamente con l’inizio della stagione. L’unica certezza è che al momento i due team impegnati al Motorland possono essere davvero i veri contendenti al titolo 2021, in una stagione che vede Rea ancora come l’uomo da battere.

WSBK
14 apr 2021
Rea è ancora l’uomo da battere: si apre la caccia al ‘Cannibale’ Prime

Rea è ancora l’uomo da battere: si apre la caccia al ‘Cannibale’

Gli ultimi test collettivi svolti a Barcellona si sono conclusi nel segno di Jonathan Rea, che ancora una volta appare come l’uomo da battere. Ma Ducati e Yamaha non stanno a guardare e si candidano come le due squadre pronte a fermare il dominio Kawasaki.

WSBK
4 apr 2021
Ducati, la squadra pioniera che ancora sfiora il titolo Prime

Ducati, la squadra pioniera che ancora sfiora il titolo

Il team Aruba.it Racing – Ducati ha presentato la Panigale V4R che sarà incaricata di fermare il dominio Kawasaki. Ma le innovazioni della pioniera Casa bolognese e la determinazione dei piloti saranno in grado di mettere un freno a Rea?

WSBK
25 mar 2021