Baz: "In gara ho dovuto rallentare il mio ritmo più degli altri a Misano"

Un altro weekend amaro per Loris Baz ed il team Gulf Althea BMW, alle prese con una moto che non permette loro di essere dove dovrebbero e vorrebbero essere in attesa della moto nuova che scenderà in pista il prossimo anno.

Baz: "In gara ho dovuto rallentare il mio ritmo più degli altri a Misano"
Loris Baz, Althea Racing
Loris Baz, Althea Racing
Loris Baz, Althea Racing
Loris Baz, Althea Racing
Loris Baz, Althea Racing
Alessandro Delbianco
Alessandro Delbianco
Delbianco

Dopo la caduta rimediata nei primissimi metri di Gara 1, Loris Baz è riuscito a portare a casa un nono posto in Gara 2 a Misano, conclusa a 13 secondi dal vincente Johnny Rea. Scattato dalla decima posizione in griglia, il gigante francese ha condotto una gara un po' anonima riuscendo a mettere le ruote davanti alla CBR di Camier nel corso del secondo giro senza poi più riuscire a ricucire il distacco che lo ha separato fino alla fine dalle due Aprilia di Laverty e Savadori.

Completato questo round è ora di vacanze sia per il pilota che per il team. Purtroppo però per Baz forse non saranno le vacanze più serene della sua lunga carriera: rientrato in Superbike quest'anno dopo aver militato in MotoGP (con Yamaha prima e con il team Ducati Avintia dopo), questa del 2018 si sta rivelando per il francese una stagione piuttosto avara di soddisfazioni. Nonostante lui ci metta veramente tutto e sprema sempre il massimo dalla sua S1000RR, appare evidente che, al momento, con il materiale a disposizione del pilota e del team fare di più è praticamente impossibile.

Un po' come i due portacolori dell'Aprilia, anche Baz si trova a fare i conti con una moto che è pronta al pensionamento e che quel che aveva da dare l'ha già dato ma se non altro, a dispetto dei due colleghi sopracitati, per Baz c'è la certezza di un progetto tutto nuovo che metterà le ruote sull'asfalto il prossimo anno. È vero che sviluppare una moto nuova è una cosa lunga e complessa (nel dubbio chiedere conferma a Camier ed ai due Yamaha) ma di sicuro potrebbe essere più soddisfacente e motivante rispetto al correre con una moto... finita.

Queste le parole di Baz al termine della gara domenicale: "Una gara difficile. La mia partenza non è stata male, ma il passo dei leader era molto veloce ed eravamo tutti molto vicini nei primi giri. Nella prima fase ho cercato di stare col gruppo ma dopo alcuni giri, ho dovuto rallentare un po’ il mio ritmo, più degli altri. Un peccato ma ho fatto del mio meglio. L’aver perso la gara di sabato probabilmente non ci ha aiutato. Avremo potuto fare leggermente meglio se fossimo partiti più avanti in griglia ma comunque, ho dato il 100%, portando a casa un po’ di punti. Durante la pausa estiva, cercherò di stare il più possibile in moto, allenandomi con la supermotard".

Ad ogni modo il campionato 2018 non è finito, a partire dai prossimi test di Portimao programmati per la fine del mese di Agosto, andrà in scena il rush finale di questo campionato con la speranza di aver l'occasione di vedere un Baz maggiormente in mezzo alla mischia nella quale merita di essere. 

Girando infine pagina e guardando alla Superstock 1000, purtroppo non abbiamo potuto vedere il giovane Alessandro Delbianco in gara a seguito della frattura alla spalla rimediata dal pilota lo scorso maggio. Concluso il warm up Alessandro soffriva un intenso dolore alla spalla e i medici che l'hanno visitato l'hanno dichiarato "unfit" per la gara. Queste le dichiarazioni di un amareggiato Delbianco: "Una giornata negativa. Nel warm-up ho cercato di tenere il ritmo gara, ma dopo sette giri consecutivi avevo molto dolore alla spalla. Abbiamo fatto dei controlli in clinica al termine dei quali mi hanno dichiarato unfit e quindi non è stato possibile disputare la gara. Vado a casa, continuerò con la mia riabilitazione e poi ci ritornerò a Misano per il CIV fra un paio di settimane".

condivisioni
commenti
Laverty: "Il problema dell'Aprilia è la staccata, a Portimao proveremo a risolvere"

Articolo precedente

Laverty: "Il problema dell'Aprilia è la staccata, a Portimao proveremo a risolvere"

Prossimo Articolo

Niente 8 Ore di Suzuka per Leon Camier: si è fratturato la vertebra C5 cadendo nei test

Niente 8 Ore di Suzuka per Leon Camier: si è fratturato la vertebra C5 cadendo nei test
Carica commenti
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021
Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti" Prime

Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti"

In questo nuovo appuntamento con Il Rosa dei Motori, Lorenza D'Adderio intervista Ana Carrasco. La campionessa del Mondiale SSP300 del 2018 si racconta, evidenziando quanto l'ottimismo e l'entusiasmo siano ingredienti fondamentali per chi, come lei, ha dovuto recuperare le forze dopo un tremendo infortunio. Una motociclista temeraria e di talento, che non è indifferente a un altro grande campione come Jonathan Rea...

WSBK
22 lug 2021
BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita? Prime

BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita?

Tom Sykes e Michael van der Mark difficilmente dimenticheranno il round di Donington, grazie ai podi conquistati e alla solidità mostrata durante tutto il weekend. BMW convince e non vuole che questi risultati siano una tantum. L’obiettivo in Olanda è dimostrare di essere cresciuti davvero e di poter dire la propria, dando prova del fatto che Donington è stato solo il punto di partenza di una rinascita.

WSBK
9 lug 2021
Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale? Prime

Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale?

Scott Redding mette in archivio il round di Donington, il peggiore della sua stagione fino ad ora. Due zeri e neanche un podio sono il bilancio di un weekend che potrebbe segnare la fine della lotta iridata. "Difficile ma non impossibile", dice Redding. Ma da Assen serve la svolta.

WSBK
6 lug 2021
Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita" Prime

Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Lorenza D'Adderio intervista Mara Soto, meccanico Kawasaki nel team impegnato nel mondiale Superbike. Un viaggio attraverso i ricordi, gli obiettivi di una giovane ragazza che realizza il sogno di lavorare al fianco di un grande campione come Jonathan Rea.

WSBK
1 lug 2021
SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea? Prime

SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea?

Scott Redding doveva essere l’uomo incaricato di fermare il dominio di Jonathan Rea, eppure lascia Misano con l’amaro in bocca e con un distacco in classifica importante, considerando la solidità di Rea e Razgatlioglu, i due che lo precedono. Il turco convince e si avvicina il leader del mondiale. È dunque il pilota Yamaha il vero anti-Rea?

WSBK
15 giu 2021
WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation Prime

WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation

Prima puntata podcast di Debriefing WSBK, in cui Lorenza D'Adderio e Giacomo Rauli commentano il round di Misano Adriatico della classe regina delle moto derivate di serie. Buon ascolto!

WSBK
13 giu 2021
SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto? Prime

SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto?

Jonathan Rea conquista due gare su tre nel weekend dell’Estoril e allunga in classifica, approfittando di un passo falso di Scott Redding, scivolato in Gara 2 e ora inseguitore con un distacco già piuttosto importante.

WSBK
2 giu 2021