Bautista: “Se non avessi alzato la moto io e Chaz saremmo caduti”

A Portimao Davies sale sul podio in Gara 1, mentre Bautista rimonta ed è quarto. I due sono stati vicini al contatto in partenza, che ha portato lo spagnolo a finire nelle retrovie. Alvaro critica la posizione troppo interna del compagno di squadra, che risponde: “Sono le gare”.

Bautista: “Se non avessi alzato la moto io e Chaz saremmo caduti”

Gara 1 a Portimao ha riservato brividi e sorrisi per il team Ducati, che ha ritrovato il podio con Chaz Davies, secondo, e conquistato una preziosa quarta posizione con Alvaro Bautista. Il risultato finale ha fatto tirare un sospiro di sollievo dopo i primi attimi concitati della gara, in cui i due portacolori del team Aruba hanno evitato per poco un contatto che avrebbe potuto mettere fine alla gara di entrambi.

Bautista interno e Davies ancora di più, così i compagni di squadra sono entrati alla prima curva, da cui il gallese ne è uscito senza conseguenze per andare a prendere una splendida seconda posizione alle spalle di Rea. Ma lo spagnolo ha evitato per un soffio il disastro, rialzando prontamente la moto. Un contatto con Alex Lowes però lo ha portato ad andare largo, rientrando così nelle retrovie.

Leggi anche:

Costretto a ricostruire la sua gara, Bautista è stato autore di una grande rimonta, che lo ha portato dalla 14esima alla quarta posizione finale. Un risultato da incorniciare se si pensa al fatto che sia stato ottenuto su una pista impegnativa come quella di Portimao ed in uno stato fisico non ideale. Il contatto con Davies sembra inoltre non lasciare strascichi di polemica e, una volta chiarita la dinamica, i due piloti sono già proiettati verso le due gare di domenica.  

Bautista dà la sua versione di quanto avvenuto alla prima curva: “Alla partenza ero all’interno della curva, Chaz è arrivato più interno e mi ha toccato. Sono stato fortunato a non toccare Lowes perché saremmo potuti cadere insieme. Poi ho provato a fare il mio ritmo ed a dare il meglio, ma all’inizio facevo molta fatica a superare gli altri piloti. Questo perché la nostra moto quando giri da solo ha più velocità, più trazione in uscita di curva, ma quando sei con gli altri piloti non hai molta trazione. L’unica opportunità che avevo di superare era l’uscita dell’ultima curva, in cui ero più rapido. A volta ho dovuto aspettare un giro per effettuare il sorpasso all’ultima curva e questo mi ha fatto perdere tanto tempo ad inizio gara. A metà invece ero solo ed il mio passo era anche più veloce di altri. La nostra moto è veloce, ma per un motivo o per un altro il risultato non rispecchia le nostre potenzialità”.

“Non so se ci siamo toccati, ma ho sentito la moto interna e ho dovuto tirare su per evitare il contatto. Dall’altra parte c’era Lowes. Chaz troppo aggressivo? Partiva davanti a me, ha fatto una bella partenza, ma alla prima curva è entrato troppo interno, senza seguire la traiettoria normale di tutti gli altri piloti. Se non avessi sollevato la moto saremmo caduti. Per me era nella linea sbagliata”.

Chaz Davies, entusiasta del podio e soddisfatto dei miglioramenti con la Panigale V4 R, spiega l’accaduto dal suo punto di vista: “Non credo ci sia stato un contatto tra noi, potrei sbagliarmi, ma io non ho sentito niente. Non ero aggressivo, stavo fermando la moto Alvaro era praticamente accanto a me. Non so cosa sia successo dopo, ma mi dispiace per quanto accaduto. Credo che comunque questo faccia parte delle gare”.

“Considerando che Johnny qui va forte, non è andata male – continua parlando della gara – ma il vero problema per me è stato nei primi quattro giri, che non sono mai stati il mio punto forte. Il suo passo era troppo superiore al mio, ma sono stato il migliore degli altri. La moto andava bene e sono piuttosto contento. Domani il problema sarà la Superpole Race, che per me è troppo breve, ma la cosa buona è che posso ottenere una buona posizione in vista di Gara 2. Comunque il setup è giusto, è la cosa di cui sono più contento. L’avevo già trovato nei test, il feeling era buono, anche se nonnon perfetto, ma andiamo molto meglio rispetto a prima, soprattutto su un circuito molto impegnativo come Portimao”.

Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team

Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team
1/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team

Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team
2/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team

Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team
3/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team

Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team
4/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team

Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team
5/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team

Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team
6/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Crash Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team

Crash Alvaro Bautista, Aruba.it Racing-Ducati Team
7/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team

Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
8/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team

Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
9/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team

Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
10/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team

Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
11/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team

Chaz Davies, Aruba.it Racing-Ducati Team
12/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
SBK, Portimao, Gara 1: Rea domina, grande rimonta di Bautista

Articolo precedente

SBK, Portimao, Gara 1: Rea domina, grande rimonta di Bautista

Prossimo Articolo

Mondiale SBK 2019: Rea trionfa e allunga a +93 su Bautista

Mondiale SBK 2019: Rea trionfa e allunga a +93 su Bautista
Carica commenti
Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti" Prime

Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti"

In questo nuovo appuntamento con Il Rosa dei Motori, Lorenza D'Adderio intervista Ana Carrasco. La campionessa del Mondiale SSP300 del 2018 si racconta, evidenziando quanto l'ottimismo e l'entusiasmo siano ingredienti fondamentali per chi, come lei, ha dovuto recuperare le forze dopo un tremendo infortunio. Una motociclista temeraria e di talento, che non è indifferente a un altro grande campione come Jonathan Rea...

WSBK
22 lug 2021
BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita? Prime

BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita?

Tom Sykes e Michael van der Mark difficilmente dimenticheranno il round di Donington, grazie ai podi conquistati e alla solidità mostrata durante tutto il weekend. BMW convince e non vuole che questi risultati siano una tantum. L’obiettivo in Olanda è dimostrare di essere cresciuti davvero e di poter dire la propria, dando prova del fatto che Donington è stato solo il punto di partenza di una rinascita.

WSBK
9 lug 2021
Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale? Prime

Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale?

Scott Redding mette in archivio il round di Donington, il peggiore della sua stagione fino ad ora. Due zeri e neanche un podio sono il bilancio di un weekend che potrebbe segnare la fine della lotta iridata. "Difficile ma non impossibile", dice Redding. Ma da Assen serve la svolta.

WSBK
6 lug 2021
Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita" Prime

Mara Soto: "Essere meccanico di Rea, l'occasione della vita"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Lorenza D'Adderio intervista Mara Soto, meccanico Kawasaki nel team impegnato nel mondiale Superbike. Un viaggio attraverso i ricordi, gli obiettivi di una giovane ragazza che realizza il sogno di lavorare al fianco di un grande campione come Jonathan Rea.

WSBK
1 lug 2021
SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea? Prime

SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea?

Scott Redding doveva essere l’uomo incaricato di fermare il dominio di Jonathan Rea, eppure lascia Misano con l’amaro in bocca e con un distacco in classifica importante, considerando la solidità di Rea e Razgatlioglu, i due che lo precedono. Il turco convince e si avvicina il leader del mondiale. È dunque il pilota Yamaha il vero anti-Rea?

WSBK
15 giu 2021
WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation Prime

WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation

Prima puntata podcast di Debriefing WSBK, in cui Lorenza D'Adderio e Giacomo Rauli commentano il round di Misano Adriatico della classe regina delle moto derivate di serie. Buon ascolto!

WSBK
13 giu 2021
SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto? Prime

SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto?

Jonathan Rea conquista due gare su tre nel weekend dell’Estoril e allunga in classifica, approfittando di un passo falso di Scott Redding, scivolato in Gara 2 e ora inseguitore con un distacco già piuttosto importante.

WSBK
2 giu 2021
Kawasaki limitata dai giri motori ma trionfa: tutti zitti e buoni Prime

Kawasaki limitata dai giri motori ma trionfa: tutti zitti e buoni

Jonathan Rea ha dominato due delle tre gare disputate ad Aragon, round di apertura della stagione SBK. Il pilota Kawasaki è stato più forte dei limiti imposti dal regolamento e gli avversari devono già correre ai ripari.

WSBK
26 mag 2021