Bautista: “Primi test HRC disastrosi, ho temuto per la carriera”

condivisioni
commenti
Bautista: “Primi test HRC disastrosi, ho temuto per la carriera”
Di:

Alvaro Bautista rivela le preoccupazioni ed i timori che lo hanno assalito all’inizio del 2020, dopo i primi test con Honda. Ha temuto che si trattasse della fine della carriera, ma al termine della stagione è convinto della scelta fatta.

Honda è tornata in veste ufficiale nel mondiale Superbike nel 2020, grazie al supporto di HRC. Nella sua prima stagione ha portato in pista un progetto rinnovato, facendo affidamento al veterano della categoria, Leon Haslam, e ad Alvaro Bautista, che nel 2019 aveva lottato per il titolo contro Jonathan Rea in sella alla Ducati.

Proprio lo spagnolo, al termine di questo campionato così particolare che si è concluso meno di due settimane fa, ha rivelato quali fossero stati i suoi pensieri sul progetto che aveva deciso di abbracciare. La sfida era grande e Bautista non ha nascosto di aver vissuto momenti di sconforto soprattutto durante l’inverno.

In riferimento ai primi test del 2020, il pilota Honda afferma: “Parlando sinceramente, la prima volta che ho provato la moto ho pensato ‘merda, è impossibile da guidare!’. Non mi piaceva nulla della moto durante i test invernali, niente! Ho pensato ‘ma perché sono qui?’. Poi abbiamo iniziato a lavorare, ma a gennaio e febbraio facevo moltissima fatica”.

Leggi anche:

Durante l’inverno infatti, lo spagnolo è stato spesso messo in ombra dal compagno di squadra, che anche nella prima fase di stagione si era mostrato più a suo agio in sella alla Fireblade: “Non avevo feeling con la moto, non riuscivo a trovare il limite ed ero tre secondi più lento degli altri. Per me era un disastro. Ho pensato che fosse la fine della mia carriera, ero preoccupatissimo in vista della stagione”.

Con il passare delle gare però, Alvaro Bautista ha iniziato ad adattarsi alla Honda, che pian piano ha mostrato segnali di progressi e durante la stagione ha compiuto dei passi in avanti importanti, tanto da arrivare spesso a lottare con i primi: “Fortunatamente, abbiamo lavorato molto sul setup della moto, sull’elettronica e quando la stagione è ripartita a Barcellona ho iniziato a sentirmi diverso sulla moto. Ho pensato ‘wow, è un grande cambiamento’. In Giappone avevano lavorato sull’elettronica, sull’erogazione della potenza, che erano richieste fatte dopo l’Australia. Per fortuna, abbiamo fatto un grande passo in avanti ed abbiamo cominciato ad acquisire fiducia”.

Con il passare del tempo infatti, nonostante gli alti e bassi, il pilota spagnolo è apparso più fiducioso in sella alla Honda, tanto da riuscire a salire sul podio ad Aragon in Gara 2, un risultato inaspettato ad inizio anno e che ha rappresentato una grande iniezione di fiducia: “Dopo la gara di Jerez, abbiamo fatto un altro passo in avanti e mi sono sentito meglio sulla moto. Ad Aragon ho visto che potevo lottare per il podio, ma poi sono andato oltre il limite. Ogni volta che provavo a stare vicino alla vetta, cadevo perché oltrepassavo questo limite. Ora sono convinto che questo progetto possa portarci in una buona posizione, ma all’inizio ero preoccupato”.

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
1/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
2/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
3/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
4/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Leon Haslam, Team HRC, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Alvaro Bautista, Team HRC

Leon Haslam, Team HRC, Jonathan Rea, Kawasaki Racing Team, Alvaro Bautista, Team HRC
5/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC, Leon Haslam, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC, Leon Haslam, Team HRC
6/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC, Leon Haslam, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC, Leon Haslam, Team HRC
7/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC, Leon Haslam, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC, Leon Haslam, Team HRC
8/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC, Leon Haslam, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC, Leon Haslam, Team HRC
9/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC, Leon Haslam, Team HRC, Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati

Alvaro Bautista, Team HRC, Leon Haslam, Team HRC, Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati
10/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
11/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC slide

Alvaro Bautista, Team HRC slide
12/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC, Alex Lowes, Kawasaki Racing Team, Leon Haslam, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC, Alex Lowes, Kawasaki Racing Team, Leon Haslam, Team HRC
13/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
14/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
15/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
16/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Ducati conferma l'interesse per la Supersport

Articolo precedente

Ducati conferma l'interesse per la Supersport

Prossimo Articolo

Barni: “Davies nel 2021? Stiamo parlando con molti piloti”

Barni: “Davies nel 2021? Stiamo parlando con molti piloti”
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie WSBK
Piloti Alvaro Bautista
Autore Lorenza D'Adderio