Bautista nell'incubo Honda: "La coperta è corta. Servono novità"

Alvaro, pilota Honda HRC, svela tutti i problemi della nuova CBR100RR-R, moto nata per contrastare Ducati e Kawasaki che invece si trova in una fase di stallo: "Se miglioriamo in alcune aree, peggioriamo in altre", ha sottolineato lo spagnolo.

Bautista nell'incubo Honda: "La coperta è corta. Servono novità"

Nata per fronteggiare la strepitosa Ducati Panigale V4, che nel 2019 ha fatto vedere di essere una moto dal potenziale eccezionale, la nuova Honda CBR1000RR-R non sta rispettando le promesse fatte non solo dal team, ma anche dalla Honda stessa.

Se la Panigale V4 è diretta discendente della Desmosedici di qualche anno fa, Honda ha seguito l'esempio di Ducati creando una CBR non dal foglio bianco, ma da idee e una base legate alla RC213V che in questi anni ha dominato in MotoGP con Marc Marquez.

Le attese erano subito molto alte, ma queste, per ora, sono state completamente disattese. Il settimo e l'ottavo posto nelle due manche di gara di domenica scorsa a Jerez ottenuti da Alvaro Bautista sembrano essere la chiara fotografia del momento che sta attraversando il team HRC e la CBR.

In sostanza, la coperta sembra essere corta. Il team ha cercato di cambiare l'assetto della moto per la Superpole Race, con il risultato di migliorare nelle aree richieste, peggiorando però in altre. A spiegarlo è stato lo stesso Bautista.

"Nella Superpole Race abbiamo modificato il set up per cercare di risolvere i nostri problemi all'anteriore della moto. Ma questi non hanno funzionato. Il problema che avevamo era legato all'anteriore. Non avevamo grip e la moto faticava a curvare".

"Abbiamo migliorato un po' in quelle aree, ma abbiamo perso qualità in frenata e accelerazione. Alla fine abbiamo trovato più problemi che soluzioni. Per la seconda gara abbiamo fatto un passo indietro per migliorare la frenata e il grip al posteriore, ma il feeling con l'anteriore era rimasto lo stesso. Era molto difficile far girare la moto. Ho perso l'anteriore in quasi tutte le curve di quasi tutti i giri e alla fine non potevo spingere quanto avrei voluto".

"E' chiaro che abbiamo bisogno di migliorare. Questa è la cosa importante. Abbiamo capito quale sia il problema, ora però serve trovare una soluzione".

Secondo Bautista la cosa migliore da fare per migliorare la moto sarebbe avere nuove componenti. Queste, a suo avviso, renderebbero più veloci i miglioramenti.

"Ora stiamo lavorando molto sull'assetto per cercare di risolvere i nostri problemi, ma quando riusciamo a migliorare in una zona, poi peggioriamo in un'altra. E' difficile trovare il giusto compromesso. E' difficile trovare una soluzione con le parti che abbiamo ora in dotazione".

condivisioni
commenti
SBK 2020: ecco gli orari tv di Sky e TV8 del round di Portimao

Articolo precedente

SBK 2020: ecco gli orari tv di Sky e TV8 del round di Portimao

Prossimo Articolo

Report SBK: Redding e la Ducati iniziano a fare paura a Rea?

Report SBK: Redding e la Ducati iniziano a fare paura a Rea?
Carica commenti
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021
Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo Prime

Ducati brilla per incostanza, i piloti lamentano scarso sviluppo

Al termine del round di Assen, i volti di Redding e Rinaldi sono tutt’altro che distesi. L’incostanza è il comune denominatore di una stagione che prende una piega sempre più ‘nipponica’, e i due portacolori ufficiali chiedono un maggiore sviluppo se vogliono continuare a lottare per il titolo.

WSBK
4 ago 2021
Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha? Prime

Locatelli e l’ombra Gerloff, ma Assen cambia le gerarchie Yamaha?

Garrett Gerloff è da sempre considerato la promessa del mondiale Superbike, tanto da ricevere le attenzioni della MotoGP e aver oscurato il pilota ufficiale Yamaha Superbike Andrea Locatelli. Ma il disastro di Assen cambia le gerarchie a Iwata?

WSBK
27 lug 2021
Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti" Prime

Ana Carrasco: "Essere donna non conta, vincere è difficile per tutti"

In questo nuovo appuntamento con Il Rosa dei Motori, Lorenza D'Adderio intervista Ana Carrasco. La campionessa del Mondiale SSP300 del 2018 si racconta, evidenziando quanto l'ottimismo e l'entusiasmo siano ingredienti fondamentali per chi, come lei, ha dovuto recuperare le forze dopo un tremendo infortunio. Una motociclista temeraria e di talento, che non è indifferente a un altro grande campione come Jonathan Rea...

WSBK
22 lug 2021
BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita? Prime

BMW sorprende a Donington: fuoco di paglia o rinascita?

Tom Sykes e Michael van der Mark difficilmente dimenticheranno il round di Donington, grazie ai podi conquistati e alla solidità mostrata durante tutto il weekend. BMW convince e non vuole che questi risultati siano una tantum. L’obiettivo in Olanda è dimostrare di essere cresciuti davvero e di poter dire la propria, dando prova del fatto che Donington è stato solo il punto di partenza di una rinascita.

WSBK
9 lug 2021
Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale? Prime

Profondo Rosso Redding: Donington segna l’addio al mondiale?

Scott Redding mette in archivio il round di Donington, il peggiore della sua stagione fino ad ora. Due zeri e neanche un podio sono il bilancio di un weekend che potrebbe segnare la fine della lotta iridata. "Difficile ma non impossibile", dice Redding. Ma da Assen serve la svolta.

WSBK
6 lug 2021