Bautista: “Marquez non mi ha consigliato di andare in Honda”

Alvaro Bautista smentisce le voci che davano per certa la sua firma con Honda su consiglio di Marc Marquez. Spiega inoltre come vive la quarantena, vivendo in Spagna, uno dei paesi europei più colpiti dalla pandemia del Coronavirus.

Bautista: “Marquez non mi ha consigliato di andare in Honda”

Il mondo è paralizzato, anche lo sport è fermo a causa della propagazione del Coronavirus, che ha impedito lo svolgersi di ogni tipo di attività. Per questo la Superbike è stata costretta a ‘restare nei box’ e sia i piloti sia le squadre stanno cercando di portare avanti il loro lavoro al massimo delle proprie possibilità.

Chi sicuramente sta faticando maggiormente è Honda, che aveva iniziato il 2020 con un progetto rinnovato, dalla moto alla line-up. Dopo la gara in Australia, il team HRC, tornato in veste ufficiale nel mondiale delle derivate di serie, aveva raccolto dei dati che in questo momento non può sfruttare pienamente.

Alvaro Bautista, raggiunto dai microfoni di Sky Sport, ha raccontato come vive questa quarantena, confinato in casa in Spagna, uno dei paesi europei più colpiti dalla pandemia: “Fortunatamente io sto bene ed anche la mia famiglia sta bene. Siamo fortunati. Le giornate le passiamo chiusi in casa, un po’ mi alleno fisicamente. È chiaro che non posso uscire per fare cross o un altro tipo di allenamento. Però ne approfitto per stare con la mia piccola, mi godo tutti i momenti della sua crescita ed è molto bello”.

 

Inevitabile pensare alla situazione attuale, che vede non solo il campionato fermo, ma anche un intero paese in ginocchio. Bautista non nasconde infatti la preoccupazione per la sua Spagna e per l’Italia, terra ‘di adozione’ dopo l’esperienza in Ducati: “È vero che in Spagna c’è stata una crescita molto veloce, credo che in Italia sia stato molto simile. Chiaramente sono preoccupato perché sembra non si stia fermando. Ma speriamo che con questo lockdown si possa mettere un freno ai contagi”.

Uno sguardo però va verso la pista, dove la Superbike è riuscita a scendere anche se per un solo round. Sia Bautista sia Honda si sono fatti un’idea della strada da seguire per fare progressi: “Il progetto è nuovo, in Australia avevo detto che eravamo al 30% e dovevamo lavorare tantissimo. L’obiettivo è avere un feeling maggiore. Ma è tutto nuovo e bisogna avere più tempo, cosa che ora non abbiamo. Nello stesso tempo però sono molto fiducioso”.

Leggi anche:

Lo spagnolo ci tiene poi a smentire le voci che davano per certo il suo approdo in Honda dopo i consigli avuti da Marc Márquez. Rivela che i due si sono sentiti per scambiarsi opinioni sulla Fireblade, ma solo dopo che il pilota di Talavera de la Reina aveva firmato con HRC: “Non è vero che Marquez mi ha aiutato consigliandomi di andare in Honda. Quello è solo un pettegolezzo. Io dopo aver firmato con Honda ho visto che aveva provato la moto e gli ho chiesto come fosse andata. Parliamo di una moto da strada, lui ha potuto solo darmi le sue sensazioni. Ma io già avevo firmato, non l’ho fatto dopo aver parlato con lui”.

Ma la line-up del momento in Honda è quella della MotoGP, formata dai due fratelli Marquez. Bautista commenta: “Marc e Alex fanno una bella coppia, due fratelli nella stessa squadra nella classe regina del motociclismo è fantastico. Sicuramente Alex avrà più difficoltà, perché tanti gli metteranno pressione per farlo arrivare allo stesso livello del fratello. Ma questo poi si vedrà in futuro”.

Futuro che ancora non è molto chiaro. Non si sa bene quando si potrà tornare in pista, ma Bautista si augura che l’azione possa riprendere il prima possibile, anche per il bene dell’umanità: “Chissà se riusciremo a correre. Adesso la cosa importante è recuperare la normalità. Speriamo che questo virus sparisca e non torni più. Poi è chiaro che sarà molto importante anche ricominciare, sarebbe un buon segnale perché significherebbe che siamo tornati alla normalità”.

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
1/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
2/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
3/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC crash

Alvaro Bautista, Team HRC crash
4/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
5/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
6/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
7/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
8/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
9/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
10/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
11/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
12/13

Foto di: Honda Racing

Alvaro Bautista, Team HRC

Alvaro Bautista, Team HRC
13/13

Foto di: WSBK

condivisioni
commenti
Honda: “Lo stop non aiuta nello sviluppo della moto”

Articolo precedente

Honda: “Lo stop non aiuta nello sviluppo della moto”

Prossimo Articolo

Dorna: “Correre è la priorità. Cancellazione ultima spiaggia”

Dorna: “Correre è la priorità. Cancellazione ultima spiaggia”
Carica commenti
SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea? Prime

SBK: Redding crolla a Misano. È Razgatlioglu l’anti-Rea?

Scott Redding doveva essere l’uomo incaricato di fermare il dominio di Jonathan Rea, eppure lascia Misano con l’amaro in bocca e con un distacco in classifica importante, considerando la solidità di Rea e Razgatlioglu, i due che lo precedono. Il turco convince e si avvicina il leader del mondiale. È dunque il pilota Yamaha il vero anti-Rea?

WSBK
17o
WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation Prime

WSBK: a Misano Rea è dominato dalla Next Generation

Prima puntata podcast di Debriefing WSBK, in cui Lorenza D'Adderio e Giacomo Rauli commentano il round di Misano Adriatico della classe regina delle moto derivate di serie. Buon ascolto!

WSBK
13 giu 2021
SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto? Prime

SBK: Rea trionfa, Redding capitola. Mondiale già scritto?

Jonathan Rea conquista due gare su tre nel weekend dell’Estoril e allunga in classifica, approfittando di un passo falso di Scott Redding, scivolato in Gara 2 e ora inseguitore con un distacco già piuttosto importante.

WSBK
2 giu 2021
Kawasaki limitata dai giri motori ma trionfa: tutti zitti e buoni Prime

Kawasaki limitata dai giri motori ma trionfa: tutti zitti e buoni

Jonathan Rea ha dominato due delle tre gare disputate ad Aragon, round di apertura della stagione SBK. Il pilota Kawasaki è stato più forte dei limiti imposti dal regolamento e gli avversari devono già correre ai ripari.

WSBK
26 mag 2021
SBK, inizia il 2021: Rea non abdica, ma i rivali pressano Prime

SBK, inizia il 2021: Rea non abdica, ma i rivali pressano

Inizia la stagione 2021 del mondiale Superbike e c’è fermento per il nuovo campionato che è alle porte. Sarà ancora Rea a dettare legge o dovrà cedere lo scettro dopo sei titoli mondiali?

WSBK
19 mag 2021
SBK: per Ducati e Yamaha il ‘Gioco del Trono’ parte dai test Prime

SBK: per Ducati e Yamaha il ‘Gioco del Trono’ parte dai test

I test di Aragon svolti da Ducati e Yamaha hanno chiarito le idee alle squadre e lasciato alcuni dubbi che verranno dissipati solamente con l’inizio della stagione. L’unica certezza è che al momento i due team impegnati al Motorland possono essere davvero i veri contendenti al titolo 2021, in una stagione che vede Rea ancora come l’uomo da battere.

WSBK
14 apr 2021
Rea è ancora l’uomo da battere: si apre la caccia al ‘Cannibale’ Prime

Rea è ancora l’uomo da battere: si apre la caccia al ‘Cannibale’

Gli ultimi test collettivi svolti a Barcellona si sono conclusi nel segno di Jonathan Rea, che ancora una volta appare come l’uomo da battere. Ma Ducati e Yamaha non stanno a guardare e si candidano come le due squadre pronte a fermare il dominio Kawasaki.

WSBK
4 apr 2021
Ducati, la squadra pioniera che ancora sfiora il titolo Prime

Ducati, la squadra pioniera che ancora sfiora il titolo

Il team Aruba.it Racing – Ducati ha presentato la Panigale V4R che sarà incaricata di fermare il dominio Kawasaki. Ma le innovazioni della pioniera Casa bolognese e la determinazione dei piloti saranno in grado di mettere un freno a Rea?

WSBK
25 mar 2021