WSBK
06 set
-
08 set
Evento concluso
G
Magny-Cours
27 set
-
29 set
Prossimo evento tra
3 giorni
G
Villicum
11 ott
-
13 ott
Prossimo evento tra
17 giorni
G
Losail
24 ott
-
26 ott
Prossimo evento tra
30 giorni

Aprilia, Savadori: “Non avevamo il passo gara per fare meglio"

condivisioni
commenti
Aprilia, Savadori: “Non avevamo il passo gara per fare meglio"
Di:
16 set 2017, 19:02

Lorenzo non si era illuso dopo la prima fila in Superpole, sapendo bene i limiti di durata della gomma sulla RSV4 RF. C’è comunque fiducia per essere protagonisti in Gara 2.

Lorenzo Savadori, Milwaukee Aprilia
Lorenzo Savadori, Milwaukee Aprilia
Lorenzo Savadori, Milwaukee Aprilia
Lorenzo Savadori, Milwaukee Aprilia, Leon Camier, MV Agusta
Eugene Laverty, Milwaukee Aprilia, Lorenzo Savadori, Milwaukee Aprilia
Lorenzo Savadori, Milwaukee Aprilia

La prima fila, conquistata al termine di una comunque ottima Superpole, la seconda stagionale, non aveva però creato facili illusioni a Lorenzo Savadori. Il pilota del team Aprilia Milwaukee è un ragazzo con i piedi ben piantati in terra e sa bene dove si può arrivare in determinate condizioni.

Già a fine Superpole aveva messo le mani avanti, facendo capire bene che un conto era la prestazione sul giro singolo, dove la RSV4 F si difende bene; un altro è riuscire ad essere competitivi lungo tutta la gara. Ora come ora basterebbe esserlo anche per un po’ meno, visto che Lorenzo è andato in crisi già dopo tre giri.

“Ovviamente partire dalla prima fila è motivo di soddisfazione – racconta Lorenzo – ma sapevamo bene di non essere a posto come passo gara. Dopo tre giri ho avuto un calo importante di gomma, troppo presto, poi la situazione si è un po’ stabilizzata tanto che alla fine ho girato quasi più forte che all’inizio. Dobbiamo capire cosa procura questa problematica, perché nei primi giri non spingevo al limite proprio per preservare il più possibile la durata della gomma”.

Se poi si hanno problemi di durata della gomma e te la tolgono dopo che ci hai lavorato tutto il weekend, questi problemi inevitabilmente si amplificano.
“E’ plausibile. La W0575 l’avevo provata il venerdì e non mi era piaciuta. Quindi avevamo lavorato sulla nuova soluzione e avevamo trovato un buon compromesso. In gara ci siamo trovati in difficoltà, penso si vedesse bene come io, ma anche Eugene, facessi fatica a far girare la moto. Comunque se è stata presa questa decisione per motivi di sicurezza non posso che essere d’accordo”.

C’è una gara 2 da fare e possibilmente cercando di migliorare l’ottava posizione.
“Sono fiducioso, sappiamo su cosa dobbiamo lavorare, che è ovviamente la durata della gomma posteriore, e fare in modo che la moto chiude il meglio possibile nell’angolo di piega. Sarà molto importante il warm-up di domani mattina: dal funzionamento o meno delle modifiche sapremo che
ruolo potremo avere in gara”.

Prossimo Articolo
Ducati, Marco Melandri: “Togliere la gomma ci ha messo in crisi"

Articolo precedente

Ducati, Marco Melandri: “Togliere la gomma ci ha messo in crisi"

Prossimo Articolo

Kawasaki, Jonathan Rea: “Il vero rischio era deconcentrarsi"

Kawasaki, Jonathan Rea: “Il vero rischio era deconcentrarsi"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie WSBK
Evento Portimao
Sotto-evento Sabato, post-gara
Location Algarve International Circuit
Piloti Lorenzo Savadori
Team Team Milwaukee
Autore Marcello Pollini