A Imola il team Althea ha centrato il miglior risultato della stagione

Jordi Torres ha regalato al team Althea BMW Racing il miglior risultato della stagione grazie a un grande quarto posto in Gara 1 sul tracciato di Imola. Problemi ai freni per Markus Reiterberger.

A Imola il team Althea ha centrato il miglior risultato della stagione
Jordi Torres, Althea BMW Team
Jordi Torres, Althea BMW Team
Jordi Torres, Althea BMW Team e Leon Camier, MV Agusta
Markus Reiterberger, Althea BMW Team
Markus Reiterberger, Althea BMW Team
Jordi Torres, Althea BMW Team
Jordi Torres, Althea BMW Team
Jordi Torres, Althea BMW Team
Markus Reiterberger, Althea BMW Team
Jordi Torres, Althea BMW Team
Markus Reiterberger, Althea BMW Team
Markus Reiterberger, Althea BMW Team
Jordi Torres, Althea BMW Team
Jordi Torres, Althea BMW Team e Markus Reiterberger, Althea BMW Team
Jordi Torres, Althea BMW Team

Ottimo fine settimana per il team Althea BMW Racing che, a Imola, ha centrato il miglior risultato della stagione grazie al quarto posto centrato in Gara 1 da Jordi Torres. Problemi invece per Markus Reiterberger, che ha sofferto di guai ai freni della sua BMW S1000RR.

Gara 1: Partito dal sesto posto della griglia, nei primi giri Torres ha mantenuto la sua posizione. Dando la caccia a Savadori, subito davanti a lui, lo spagnolo lo ha sorpassato al settimo giro per posizionarsi  quinto. Nell’arco di pochi giri è arrivato vicino a Giugliano, quarto, scavalcandolo durante il dodicesimo passaggio  per salire al quarto posto, posizione che ha mantenuto fino al traguardo. Il pilota spagnolo ha così ottenuto il suo miglior risultato della stagione e conferma di essere sempre più vicino alle posizioni che contano.

Reiterberger ha perso un paio di posizioni nelle prime curve, trovandosi quindi decimo nella fase iniziale anche a causa di un piccolo inconveniente tecnico.  Nonostante i suoi sforzi, il giovane pilota tedesco ha faticato a mantenere quel passo che gli avrebbe permesso di raggiungere i piloti davanti a lui ed ha quindi dovuto accontentarsi della tredicesima posizione finale.

Jordi Torres: "Alla fine abbiamo raggiunto il nostro obiettivo, che era quello di arrivare il più vicino possibile ai piloti più veloci. Non eravamo forse così vicini a Davies, ma alle Kawasaki sì, e questo è molto importante. Non abbiamo sbagliato niente ed il passo è rimasto buono e costante per tutta la gara. In questa manche ho cercato di spingere sempre al limite ed il risultato è arrivato. La pista è divertente, anche se la mia gara oggi non è stata così eccitante nel senso che ho girato quasi sempre da solo. Comunque siamo soddisfatti, ovviamente, e vedremo di fare ancora meglio nella gara di domani".

Markus Reiterberger: "La mia partenza non è stata male ma ho perso posizioni nel primo giro. Purtroppo non avevo lo stesso feeling con la moto che avevo avuto durante le qualifiche e non capisco quale sia il motivo. Abbiamo avuto un piccolo problema tecnico che mi ha fatto uscire nella ghiaia per due volte, e di conseguenza ho perso alcune posizioni. Non abbiamo fatto tante modifiche fra le qualifiche e la gara, ma il feeling era cambiato e il passo non era quello che mi aspettavo. Cercheremo di rifarci domani in gara due".

Gara 2 – La gara si è svolta sotto un cielo molto nuvoloso, ma con pista asciutta.
Torres, da sesto in griglia, ha perso qualche posizione in partenza ed era decimo dopo il primo giro. Il suo passo molto veloce gli ha permesso di sorpassare prima van der Mark, poi Hayden e in seguito anche il suo compagno di squadra. In ottava posizione a metà gara, lo spagnolo è stato in grado di recuperare un’altra posizione negli ultimi giri, per concludere la manche settimo e guadagnare altri punti importanti per il campionato.

"Reiti" transitava settimo nei primi giri, posizionato fra i due inglesi Lowes e Camier, in un gruppetto di piloti che giravano tutti con tempi simili. Il pilota tedesco ha mantenuto la sua posizione fino a quasi metà gara, quando ha cominciato a perdere terreno ed ha quindi tagliato il traguardo in dodicesima posizione finale. 

Dopo cinque round del campionato 2016, Jordi Torres si trova sesto nella classifica generale con 87 punti; Reiterberger si posiziona 13mo con 47.  BMW è quarta nella classifica dei costruttori (92 punti), mentre la squadra Althea BMW è al quarto posto nella classifica dei team (134 punti).

Jordi Torres: "Pensavo di aver fatto una buona partenza ma ho perso comunque qualche posizione. Abbiamo cambiato alcune cose per la seconda manche, usando anche delle nuove pastiglie per i freni. Purtroppo la moto mi sembrava fosse troppo caricata sul davanti e io non ero abituato a queste pastiglie, che si comportano in modo diverso rispetto a quelle che io ero abituato ad usare in precedenza, causando tra l’altro delle vibrazioni che mi hanno disturbato, soprattutto nell’ultima metà della gara. Usavo meno la gomma anteriore, e quindi il posteriore era distrutto a fine corsa. Tutto sommato, non è andata male e ho recuperato qualche posizione; la cosa importante è che abbiamo raccolto tante informazioni che saranno utili per la Malesia. Ringrazio il team per il grande lavoro svolto in questo weekend".

Markus Reiterberger: "I primi giri sono stati positivi ed ero in settima posizione. Per i primi sei o sette passaggi avevo un buon passo ma purtroppo non veloce come quello dei piloti che mi precedevano. A quel punto ho cominciato ad avvertire molte vibrazioni in tutta la moto. La gomma posteriore era distrutta ed ho faticato molto a finire la gara. E’ un problema che abbiamo già avuto in passato, ma non come oggi, quindi c’è da analizzare i dati per capire come risolvere questo problema".

condivisioni
commenti
Davies si avvicina a Rea: ora è a -35 dalla vetta del Mondiale
Articolo precedente

Davies si avvicina a Rea: ora è a -35 dalla vetta del Mondiale

Prossimo Articolo

SBK a Imola: in aumento gli ascolti TV e gli spettatori in circuito

SBK a Imola: in aumento gli ascolti TV e gli spettatori in circuito
Carica commenti
SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale Prime

SBK | Toprak, il diamante che segna il ricambio generazionale

Toprak Razgatlioglu è il nuovo campione del mondo della Superbike, il turco è riuscito a battere Rea dopo sei anni di dominio incontrastato. Ma il titolo del pilota Yamaha non rappresenta solo un cambiamento al vertice, segna anche il rinnovo del campionato, un ricambio generazionale che disegna un bel futuro per le derivate di serie.

WSBK
24 nov 2021
Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike? Prime

Bassani ora brilla: è lui il futuro di Ducati in Superbike?

Axel Bassani ha sfiorato il podio in Argentina, dopo essere stato in lotta con i tre grandi protagonisti del mondiale. Un weekend incredibile quello del pilota del team Motocorsa, che conferma il grande cammino di crescita e fa pensare che un futuro roseo per Ducati possa essere proprio nelle sue mani.

WSBK
20 ott 2021
SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi Prime

SBK: la lotta mondiale tra Rea e Toprak è diventata una guerra di nervi

La lotta mondiale fra Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea è sempre più intensa, con l'avvicinarsi della fine di questa stagione così avvincente i due sono molto vicini in classifica. Questa situazione di grande equilibrio, che a Portimao ha raggiunto il culmine, ci sta consegnando una vera e propria guerra di nervi fra i due contendenti al titolo.

WSBK
6 ott 2021
Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini" Prime

Doctor F1: "I giovani rider non sono soldati-bambini"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano, oltre a quanto successo in Russia, il lutto vissuto dal mondo delle due ruote in quel di Jerez, che piange la perdita di Dean Berta Vinales

WSBK
29 set 2021
SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento Prime

SBK: come la tragedia Vinales solleva il grido al cambiamento

La tragica scompare di Dean Berta Vinales nel sabato del round di Jerez ha scosso non solo il paddock della Superbike ma l'intero motociclismo. Insieme al dolore, sorgono però tanti interrogativi e il grido che si leva è quello dei piloti, che chiedono un cambiamento per una classe diventata troppo pericolosa.

WSBK
28 set 2021
SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante Prime

SBK, Ducati da mondiale: il rammarico di una stagione incostante

In una stagione così avvincente e con una classifica così corta, manca un po' all'appello Ducati, che vede assottigliarsi sempre di più la speranza di rivendicare il titolo a dieci anni dall'ultimo mondiale. Nonostante si mostri spesso efficace e nettamente superiore ai rivali, la Rossa di Borgo Panigale ha pagato l'incostanza in una stagione che non lascia margine di errore.

WSBK
23 set 2021
SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio? Prime

SBK: mondiale serrato, calendario incerto. Quanti punti in palio?

La stagione 2021 del mondiale Superbike sta regalando una lotta iridata serratissima e senza sconti. Tuttavia, è difficile fare calcoli a causa di un calendario ancora incerto e con l'ultimo round ancora non confermato a due mesi dal termine del campionato. Con uno scenario così aperto, quanti sono dunque i punti in palio?

WSBK
16 set 2021
Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits? Prime

Caso Razgatlioglu: è ora di rivedere la regola dei track limits?

La tripletta di Magny-Cours diventa una doppietta per Toprak Razgatlioglu, privato della vittoria in Superpole Race per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Il caso Yamaha-Kawasaki riapre la questione dei track limits, considerati ormai un’esasperazione che condiziona fin troppo gli esiti delle gare.

WSBK
7 set 2021