WRC, Testoni: "Rovanpera e Solberg? Opposti, ma talenti puri"

Terenzio Testoni, rally activity manager di Pirelli, ha raccontato a Motorsport.com peculiarità e differenze tra Kalle Rovanpera e Oliver Solberg, le due stelle nascenti del WRC. Ecco un estratto dell'articolo PRIME che sarà pubblicato martedì 9 marzo.

WRC, Testoni: "Rovanpera e Solberg? Opposti, ma talenti puri"
Carica lettore audio

Il Rally Arctic Finland, secondo appuntamento del WRC 2021, ha regalato un nuovo scenario al panorama rally del presente e del futuro grazie a Kalle Rovanpera e Oliver Solberg.

I due ragazzini terribili hanno, in modo differente, fatto faville e colto risultati di alto livello in Finlandia. Kalle Rovanpera ha chiuso secondo ed è diventato il pilota più giovane della storia a comandare la classifica generale del Mondiale Piloti WRC con i suoi 20 anni.

Oliver Solberg, invece, ha fatto il suo esordio nel WRC al volante di una World Rally Car Plus, la Hyundai i20 Coupé WRC del team 2C Competition, firmando un settimo posto finale e molte delle 10 prove che hanno caratterizzato l'evento in Lapponia di alto livello.

Per scoprire di più riguardo i due talenti in questione, Motorsport.com ha intervistato il rally activity manager di Pirelli, Terenzio Testoni, il quale li conosce molto bene avendo supportato le carriere di entrambi.

"Oliver Solberg ha 2 cose che lo porteranno al successo", ha detto ai nostri microfoni Testoni. "La prima è l'educazione abbinata all'intelligenza. La seconda, il fatto che ha questa voglia di crescere".

"Per quanto riguarda Kalle ha corso praticamente sin da bambino, sin da quando aveva 7-8 anni. Kalle sull'asfalto ha debuttato perché io gli ho progettato il programma nel Campionato Italiano Rally. Ho parlato e lavorato assieme ad ACI Sport. Ora i nostri 2 pupilli stranieri stanno brillando nel WRC".

Dopo aver fatto un quadro generale, Testoni ha provato a mettere Solberg e Rovanpera a confronto. il risultato non è sorprendente, ma ci sono aspetti interessanti che dividono le due stelle nascenti della categoria rally.

"Sono semplicemente opposti. Kalle è freddo. Si fa fatica a veder ridere Kalle. Mentre Oliver è l'esatto opposto. Come stile di guida Kalle bisogna tenere conto che ha più esperienza nei rally rispetto a Oliver. E questo lo vedi perché guida con più tranquillità di Oliver".

"Oliver la velocità ce l'ha e può portarlo al successo. Ora deve affinarsi, deve capire quale sia il limite consentito per andare forte, ma non eccedere e commettere errori. Quelli che fa sono abbastanza banali. Deve ancora prendere confidenza".

Per leggere l'intervista completa a Terenzio Testoni, in cui il rally activity manager spiega in maniera approfondita caratteristiche e differenze tra Rovanpera e Solberg, vi rimandiamo all'articolo PRIME che uscirà martedì 9 marzo.

condivisioni
commenti
WRC-ERC: ecco il nuovo sistema piramidale dei rally
Articolo precedente

WRC-ERC: ecco il nuovo sistema piramidale dei rally

Prossimo Articolo

Hyundai Motorsport: ecco i piloti Junior per le stagioni 2021

Hyundai Motorsport: ecco i piloti Junior per le stagioni 2021
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021