WRC | Sky ha acquisito i diritti TV della stagione 2022

Sky ha acquisito i diritti tv per mostrare interamente il WRC 2022, stagione rivoluzionaria del Mondiale Rally perché vedrà introdotta la propulsione ibrida sulle vetture di riferimento, le Rally1.

WRC | Sky ha acquisito i diritti TV della stagione 2022

Su Sky e NOW è in arrivo una grande novità per tutti gli appassionati di Rally: Sky ha infatti acquisito i diritti del campionato FIA World Rally Championship, per la stagione 2022, che andrà ad arricchire la grande offerta motori di Sky Sport.  

Il canale di riferimento sarà Sky Sport Action (ch 206), dove sarà possibile godere lo spettacolo di tutti i 13 Round del FIA WRC: si parte con il Round di Monte-Carlo, live dal 20 al 23 gennaio, che inaugurerà ufficialmente la 50^edizione del Mondiale di Rally, per arrivare al round conclusivo che si terrà in Giappone il 10-13 novembre. Nel corso della stagione verranno realizzati anche magazine, rubriche e finestre di highlights, per vivere il Mondiale in tutte le sue sfaccettature.

Sempre su Sky Sport Action, nel corso della stagione potranno trovare spazio alcuni contenuti del FIA European Rally Championship e del FIA World Rallycross Championship. Tra questi, da non perdere la tappa italiana del Campionato Europeo di Rally, il FIA ERC: il Rally Capitale di Roma, in programma questa estate il 23 e 24 luglio.    

Un’anteprima della stagione 2022 di Rally è in programma domenica 16 gennaio alle 19.30 su Sky Sport Action e in streaming su NOW, che manderà in onda integralmente l’evento inaugurale “Season Launch WRC 2022”: dall’aeroporto di Salisburgo verranno infatti presentate macchine e piloti della nuova stagione, con un focus speciale sull’introduzione delle vetture ibride e sul debutto della nuova categoria Rally1. Il 2022 sarà infatti un anno rivoluzionario per il WRC, con l’introduzione di auto completamente nuove che affiancheranno la spinta elettrica al motore termico, superando così in alcune fasi di gara i 500 cavalli. Le case automobilistiche impegnate in questo storico cambiamento saranno Ford che sostituisce la Fiesta WRC con la nuovissima Puma messa in strada dal team M-Sport, Toyota con la Yaris e Hyundai con la i20.

Tutti gli appassionati non vedono l’ora di scoprire cosa riusciranno a fare su queste nuove auto i due piloti più vincenti della storia del WRC: il 47enne Sebastien Loeb, nove titoli conquistati in carriera e pronto per una nuova sfida con Ford, con il sogno di tornare a trionfare, e Sebastien Ogier, otto volte Campione del Mondo, che non lotterà per il titolo ma sarà impegnato part-time nei rally più importanti dell’anno con la sua Toyota. Entrambi saranno presenti all’evento di apertura del campionato nel Principato di Monaco.

condivisioni
commenti
WRC | Pirelli: ecco le gomme a disposizione per Monte-Carlo
Articolo precedente

WRC | Pirelli: ecco le gomme a disposizione per Monte-Carlo

Prossimo Articolo

WRC | Sandro Munari ricoverato in ospedale in gravi condizioni

WRC | Sandro Munari ricoverato in ospedale in gravi condizioni
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021