Sebastien Ogier vince in Galles per le vittime di Parigi

Il francese ha una dedica speciale per il suo ottavo sigillo. Meeke tiene la Citroen seconda nel Costruttori

Il Rally di Gran Bretagna ha mandato in archivio la stagione 2015 del Mondiale Rally con l'ennesima affermazione del dominatore Sebastien Ogier, che subito dopo aver tagliato il traguardo della Power Stage ha voluto tributare un omaggio alle vittime degli attentati di Parigi. Il pilota francese ha messo un ottavo sigillo sul suo terzo titolo iridato, arrivando così a quota 32 successi iridati in carriera. Le sue prime parole a caldo però sono state molto chiare: "Ok, la vittoria è il modo migliore per chiudere la stagione, ma oggi non c'è niente da festeggiare. Nella mia testa ci sono altre cose, è stato un weekend difficile".

Pur non avendo più molto da chiedere ad un campionato che era già stato trionfale, il pilota della Volkswagen è partito con decisione fin dalla giornata di venerdì, nella quale si è portato a casa cinque delle sei prove speciali in programma. A queste ne ha aggiunte altre quattro ieri, dimostrando di non aver perso la testa neppure quando si era trovato improvvisamente trovato ad inseguire dopo la PS11.

Thierry Neuville ha capottato con la sua Hyundai i20 WRC e la strada era stata ostruita da alcuni spettatori che gli stavano prestando soccorso. Seb ha quindi perso tanti secondi prezioni, che però poi gli sono stati restituiti a fine giornata dalla Direzione Gara. In questo modo ha potuto chiudere la tappa con oltre mezzo minuto di vantaggio sulla Citroen DS3 WRC di Kris Meeke. Un gap che poi ha amministrato stando lontano dai guai oggi, visto che le condizioni erano davvero critiche a causa della pioggia torrenziale.

Anche la gara del britannico comunque ha avuto un peso specifico importante nella stagione della Casa francese, perché con questo secondo posto ha permesso alla Citroen di mantenere la seconda posizione nel campionato costruttori ai danni della Hyundai. L'obiettivo di Meeke era proprio consegnare ad Yves Matton i punti necessari e questa volta non ha commesso la minima sbavatura, risultando molto regolare, ma portandosi a casa una sola speciale in tutto il weekend.

Sul gradino più basso del podio è salita l'altra Polo R WRC di Andreas Mikkelsen, autore a sua volta di una gara molto regolare. E alla fine è arrivato davvero vicino a rubare la seconda posta nel Mondiale Piloti al compagno di squadra Jari-Matti Latvala, che ha vissuto un weekend nero: il finlandese si è ritirato per incidente venerdì e per un problema meccanico ieri. Oggi però ha guidato decisamente all'attacco e si è portato a casa tutte e quattro le prove in programma, Power Stage compresa. Dunque, anche lui si è preso 3 punti.

Ai piedi del podio ci sono le due Hyundai i20 WRC di Dani Sordo ed Hayden Paddon. In particolare è stata degna di nota la ripresa del neozelandese, che ieri è stato vittima di un episodio davvero curioso: ha sbagliato strada ad un bivio e mentre stava provando a riportarsi sulla retta via ha fatto un frontale con Martin Prokop che a sua volta era finito fuori dal percorso. Paddon però è riuscito a proseguire ed oggi si è anche tolto la soddisfazione del terzo tempo nella Power Stage. Come detto, la gara di Neuville invece è terminata con il capottone della PS11. Un peccato, visto che ieri era anche riuscito a portarsi a casa due speciali.

A seguire troviamo la Ford Fiesta RS WRC di Elfyn Evans, che ha visto le sue chance di battagliare per il podio andare in fumo nella prima tappa, quando ha forato e successivamente delaminato una gomma. Poi però il britannico è stato piuttosto veloce, chiudendo poco distante da Paddon. Sfortunato anche il suo compagno Ott Tanak, che occupava la quarta posizione quando è incappato in un incidente nella PS16 che lo ha costretto al ritiro.

Solo settima l'altra Citroen di Mads Ostberg, che ha raccontato di aver perso feeling nella seconda tappa, dopo essersi reso protagonista di una toccata con il posteriore. In ottica secondo posto nel Costruttori però sono importanti anche i 6 punti raccolti da lui, anche se la sua gara non è stata di troppo migliore rispetto a quella dell'emergente Stephane Lefebvre, alla fine ottavo.

La stagione di Robert Kubica si chiude con un nono posto, che forse sarebbe potuto essere un risultato migliore se non fosse incappato in una foratura nella prima tappa ed in un problema al differenziale nella seconda. Per lui comunque c'è la consolazione parziale dei due punti conquistati con il secondo tempo nella Power Stage. La top ten si completa poi con Lorenzo Bertelli, che conquista il suo secondo punto stagionale dopo quello collezionato in Finlandia.

WRC, Rally di Gran Bretagna, 15/11/2015
Classifica finale (primi dieci)
1. Sebastien Ogier - Volkswagen Polo R WRC - 3.03'02"0
2. Kris Meeke - Citroen DS3 WRC - +26"0
3. Andreas Mikkelsen - Volkswagen Polo R WRC - +36"2
4. Dani Sordo - Hyundai i20 WRC - +2'51"3
5. Hayden Paddon - Hyundai i20 WRC - +3'00"5
6. Elfyn Evans - Ford Fiesta RS WRC - +3'09"1
7. Mads Ostberg - Citroen DS3 WRC - +4'28"4
8. Stephane Lefebvre - Citroen DS3 WRC - +5'38"4
9. Robert Kubica - Ford Fiesta RS WRC - +6'22"7
10. Lorenzo Bertelli - Ford Fiesta RS WRC - +8'05"0

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WRC
Evento Rally del Galles
Piloti Kris Meeke , Andreas Mikkelsen , Sébastien Ogier
Team Volkswagen Motorsport
Articolo di tipo Ultime notizie