WRC: Safari Rally, si va verso il rinvio o la cancellazione

Aumentano i casi di persone positive al COVID-19. Il Governo locale prevede che a fine aprile possano arrivare alla soglia dei 10.000 contagi. A breve la decisione di FIA e WRC.

WRC: Safari Rally, si va verso il rinvio o la cancellazione
Carica lettore audio

Il Safari Rally, prossimo appuntamento del WRC 2020 previsto nel weekend che andrà dal 16 al 19 luglio, è sempre più a serio rischio rinvio. O, addirittura, cancellazione.

FIA e promotori del WRC stanno monitorando ormai da giorni la situazione in Kenya, paese ospitante della prossima gara del WRC in calendario. La pandemia da coronavirus sta raggiungendo l'Africa, e lo stato dell'Africa centrale che confina con Tanzania, Uganda, Sudan del Sud Etiopia e Somalia, non ne è immune.

Dal 27 marzo a oggi, dunque in 3 giorni, il numero delle persone infette sono salite da 31 a 50, per un complessivo di tamponi effettuati che ha raggiunto i 1005. Ricordiamo che, per ora, in Kenya si è verificato un solo decesso a causa del coronavirus. Uno solo il paziente ricoverato e bisognoso del respiratore.

A confermare il numero di persone infette è stato il ministro della salute kenyota, Mutahi Kagwe, il quale ha anche aggiunto che ci sono altri 14 casi sospetti di persone che sono state messe in quarantena e, sulle quali, saranno svolti ulteriori test.

Il numero complessivo di persone in quarantena è salito a 2.050. I kit di tampone presenti in Kenya sono 20.000, ma dovrebbero arrivarne altri entro i prossimi giorni. Il numero dei contagi, dunque, potrebbe salire in poche ore. In Kenya - compresa la capitale Nairobi, sede del Parco Assistenza del Safari Rally - si teme che, se la popolazione non rispetterà il coprifuoco e le norme di prevenzione intimate, i contagi potrebbero arrivare a 5.000 a metà del mese di aprile, per risultare poi raddoppiati a inizio maggio.

Intanto in queste ore il coprifuoco ha comunque creato confusione a Nairobi, con la polizia che ha notato un comportamento indisciplinato da parte di parte della popolazione nel rispettare il coprifuoco. Dall'altro lato, c'è chi ha fatto notare che la polizia stessa si sarebbe resa protagonista di alcune azioni deplorevoli, picchiando persone anche prima del coprifuoco e lanciando gas lacrimogeni per indurre le persone a rimanere in casa.

Intanto i disagi a Nairobi proseguono anche a causa del trasporti, ora più radi rispetto a qualche giorno fa e con i prezzi dei biglietti saliti alle stelle (in alcuni casi si parla di un incremento di oltre il 100%).

Per questi motivi FIA e promotori del WRC sarebbero intenzionati a rinviare anche la gara africana dopo aver già fatto la stessa cosa con Rally d'Argentina, Rally del Portogallo e Rally Italia Sardegna. La curva di contagi in Kenya potrebbe essere verosimilmente solo all'inizio.

Il governo locale, come detto, si attende una crescita considerevole dei casi e il rientro del Safari Rally nel WRC, si fa sempre più lontano ogni giorno che passa. La decisione definitiva sulla conferma, il rinvio o l'annullamento della gara (causa problemi legati alla logistica) dovrebbe arrivare tra pochi giorni, all'inizio del mese di aprile.

condivisioni
commenti
Covid-19: Hyundai Motorsport continua a supportare i clienti
Articolo precedente

Covid-19: Hyundai Motorsport continua a supportare i clienti

Prossimo Articolo

WRC: Compact Dynamics nominato fornitore unico dell'ibrido 2022

WRC: Compact Dynamics nominato fornitore unico dell'ibrido 2022
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021