WRC
26 feb
Giorno 3 in
00 Ore
:
38 Minuti
:
06 Secondi
22 feb
Prossimo evento tra
52 giorni
G
Rally del Belgio
13 ago
Prossimo evento tra
165 giorni

WRC, Rally Turchia: ancora il problema polvere. Piloti furiosi

Dopo le prime 2 PS del Rally di Turchia i piloti protestano per il poco distacco tra le vetture che entrano in prova: la polvere non fa in tempo a posarsi sul fondo e la visibilità è poca, aumentando molto i rischi per gli equipaggi.

condivisioni
commenti
WRC, Rally Turchia: ancora il problema polvere. Piloti furiosi

Sebbene Hyundai abbia chiuso la prima giornata di gara al Rally di Turchia con una doppietta grazie a Loeb e Neuville, la vera, grande protagonista delle prime due prove del quinto appuntamento del WRC 2020 è stata la polvere. Ancora una volta.

Dopo una PS1 liscia come l'olio, i problemi sono sorti nella stage successiva, la Gökçe di 11,32 chilometri. Dopo il primo passaggio di Sébastien Ogier, costretto ad aprire la stage essendo il leader del Mondiale Piloti, la polvere alzata non si è più abbassata, costringendo i piloti che sono entrati in prova successivamente ad alzare il piede in più di un punto.

Alla fine della prova, molti piloti di vertice si sono lamentati in maniera decisa, per non dire feroce. Queste reazioni sono dovute al fatto che in Turchia, la polvere, è sempre stata un problema. E, sebbene i piloti ne abbiano parlato prima dell'avvio della gara, la situazione verificatasi nelle edizioni precedenti si è riproposta.

"Ogni anno è lo stesso schifo", ha detto alla fine della stage Thierry Neuville. Il belga ha replicato a quanto detto in precedenza dal campione del mondo e compagno di squadra Ott Tanak: "Sapevamo che questo sarebbe successo. La polvere rimane alta e rende tutto più difficile e pericoloso. Fa arrabbiare".

I due piloti della Hyundai, nella Media Zone del Rally di Turchia, hanno poi approfondito l'argomento. "Evidentemente deve succedere qualcosa di brutto prima che cambino idea su quello che accade. E' un peccato. Già era davvero brutto quando lo scorso anno ero io ad aprire le prove. Quest'anno stiamo entrando in prova ogni 3 minuti. Ma le cose stanno così", ha dichiarato Tanak.

Neuville, invece, è stato ancora più duro: "E' andato tutto bene nella PS1, ma nella PS2 abbiamo trovato la stessa situazione degli anni precedenti. Sono sempre gli stessi discorsi, le stesse discussioni. Chiediamo ad ogni evento del genere di avere più margine tra una partenza e l'altra, di avere più equità tra i piloti. Ma nessuno ci vuole ascoltare e ci sono sempre gli stessi problemi".

"Lavoriamo sempre per avere vetture più costose, che possano proteggere sempre di più gli equipaggi, poi però li mandano in speciale per spingere al massimo in queste condizioni. Sappiamo che c'è un problema con la polvere. Probabilmente lo scorso anno ho perso il titolo proprio qui in Turchia a causa di una situazione molto simile, sempre legata alla polvere. Stasera ho solo cercato di finire la prova senza problemi".

"E' difficile avere condizioni eque in questo modo. Ci sono punti dove puoi anche perdere 4 o 5 secondi a causa della visibilità assente. Sono davvero stanco di avere discussioni su queste cose tutte le volte. Noi entriamo in prova e rischiamo la vita perché certe persone non vogliono cambiare quello che pensano".

Alla fine della giornata odierna è arrivato il supporto di Sébastien Ogier, leader del Mondiale e vincitore della contestata PS2 grazie a una posizione di partenza che, sulla carta avrebbe dovuto sfavorirlo, e invece si è rivelata decisiva per recuperare posizioni nella classifica generale dell'evento.

"Capisco gli altri piloti", ha dichiarato il francese. "Sono con loro, hanno ragione. 3 minuti tra una vettura e l'altra sono pochi. Non so quanto distacco avremo domani tra una vettura e l'altra, ma 3 minuti non bastano. Forse con 4 le cose potrebbero essere migliori, ma l'anno scorso con 4 minuti abbiamo visto polvere rimanere in alcune zone".

Della stessa idea anche Elfyn Evans, altro pilota Toyota: "Con la polvere sono stato molto cauto. In alcuni punti puoi anche rischiare di spingere, ma in altri punti non si vede niente, nemmeno il bordo della strada. A quel punto puoi perdere dei secondi che, in gare come questa, possono fare la differenza".

WRC, Rally Turchia, PS2: Ogier reagisce, ma Loeb va in testa!

Articolo precedente

WRC, Rally Turchia, PS2: Ogier reagisce, ma Loeb va in testa!

Prossimo Articolo

WRC, Rally Turchia, PS3: è Ogier contro Neuville. Tanak KO!

WRC, Rally Turchia, PS3: è Ogier contro Neuville. Tanak KO!
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie WRC
Evento Rally di Turchia
Autore Giacomo Rauli
WRC: perché nel 2022 arriva l'ibrido, ma non nuove Case? Prime

WRC: perché nel 2022 arriva l'ibrido, ma non nuove Case?

Il nuovo regolamento che introdurrà le vetture Rally1 a partire dal 2022 non è stato posticipato a causa della pandemia da COVID-19. L'ibrido era necessario, ma non ha ancora attirato al WRC alcuna nuova Casa...

WRC
22 feb 2021
WRC: M-Sport con la Puma nel 2022 per avere più supporto da Ford? Prime

WRC: M-Sport con la Puma nel 2022 per avere più supporto da Ford?

Ford Performance è stata coinvolta in prima persona nello sviluppo della nuova vettura per il WRC 2022. Ecco perché M-Sport dovrebbe far correre la Puma: non è solo questione di regolamento.

WRC
19 feb 2021
WRC: scopriamo le vere insidie del Rally Arctic Finland Prime

WRC: scopriamo le vere insidie del Rally Arctic Finland

Un rally "sprint" fatto di 10 speciali e 260 chilometri cronometrati complessivi mai corsi prima, ma c'è molto di più. Il fondo potrebbe mutare rapidamente da un giorno all'altro di gara a causa di repentini e grandi sbalzi di temperatura, cambiando il grip e rendendo le cose molto più difficili del previsto...

WRC
14 feb 2021
Rovanpera vs Solberg: Il futuro del WRC è dei figli d'arte? Prime

Rovanpera vs Solberg: Il futuro del WRC è dei figli d'arte?

Al Rally Arctic Finland Oliver Solberg farà il suo esordio nel WRC raggiungendo il quasi coetaneo Kalle Rovanpera. Immergiamoci nel cammino fatto dai due talenti verso l'Olimpo dei rally, il WRC, di cui potrebbero essere i principali protagonisti (e rivali) della prossima decade.

WRC
12 feb 2021
WRC: Hyundai, 2022 in forse. Il Mondiale Rally non può perderla Prime

WRC: Hyundai, 2022 in forse. Il Mondiale Rally non può perderla

Il team Hyundai Motorsport non ha ancora ricevuto il budget e il nulla osta per correre nel WRC 2022 e per realizzare la vettura ibrida. Analizziamo cosa potrebbe comportare l'assenza del team di Alzenau nella prossima stagione WRC.

WRC
10 feb 2021
Il mercato piloti 2021 può sconvolgere presente e futuro del WRC Prime

Il mercato piloti 2021 può sconvolgere presente e futuro del WRC

Tutti i piloti della classe regina del WRC hanno il contratto in scadenza a fine 2021, in più Toyota dovrà cercare l'erede di Sébastien Ogier, senza contare che le Case inizieranno a testare le vetture ibride 2022 a breve. Ecco i possibili scenari per il presente e il futuro...

WRC
5 feb 2021
WRC, Ogier batte Rohrl: 5 vittorie a Monte-Carlo con 5 Case diverse Prime

WRC, Ogier batte Rohrl: 5 vittorie a Monte-Carlo con 5 Case diverse

Sébastien Ogier è diventato il pilota più vincente al Rallye Monte-Carlo con 8 successi complessivi, ma anche l'unico a vincere il rally del Principato con 5 Case differenti, infrangendo il precedente record di Walter Rohrl. Ripercorriamo assieme le 5 vittorie chiave del campione di Gap.

WRC
30 gen 2021
WRC: le pagelle del Rallye Monte-Carlo 2021 Prime

WRC: le pagelle del Rallye Monte-Carlo 2021

Il WRC 2021 è partito lo scorso fine settimana con il Rallye Monte-Carlo. Ecco le pagelle del prologo del nuovo Mondiale Rally stilate e commentate da Giacomo Rauli e Marco Congiu.

WRC
25 gen 2021