WRC | Rally Svezia 2022: svelata solo parte del percorso

I promotori del Rally di Svezia hanno svelato parte del percorso 2022, che però continua a essere in grave ritardo rispetto ai piani stabiliti mesi fa. L'obiettivo è disegnare un percorso di 19 prove e 309 km competitivi.

WRC | Rally Svezia 2022: svelata solo parte del percorso
Carica lettore audio

Il Rally di Svezia, secondo appuntamento del WRC 2022, rende più salda la sua posizione - per la verità traballante fino a poche ore fa e non ancora pienamente salda - annunciando e pubblicando il percorso parziale della prossima edizione, che si terrà dal 24 al 27 di febbraio.

I promotori di AKK Motorsport hanno lavorato sodo nel corso degli ultimi giorni per individuare le migliori strade nella regione di Umea, dove avrà sede il centro nevralgico dell'evento, dopo lo spostamento a nord dell'evento a causa della mancanza di neve che decurtò l'edizione 2020.

Per cercare di non perdere lo slot nel calendario WRC 2022, dopo il concreto interessamento della Lapponia (che già quest'anno ha ospitato il Rally Arctic Finland prendendo proprio il posto del Rally di Svezia) i promotori dell'evento hanno lavorato assieme alle istituzioni locali per fare in modo di presentare al più presto il percorso. E ci sono riusciti, ma, come detto, solo parzialmente.

L'itinerario del Rally di Svezia 2022 non è stato completamente deliberato a causa della mancanza di permessi necessari per avere il via libera e aggiungere alcune speciali. Gli organizzatori di AKK hanno l'obiettivo di aggiornare l'itinerario al più presto possibile.

 

Infatti, al momento, il ritardo del percorso rimane tangibile e gli stessi promotori non hanno nascosto il loro disappunto nella nota ufficiale diffusa questo pomeriggio. L'idea originale era avere l'itinerario pronto per l'estate scorsa, ma questo non è stato possibile.

"Avendo visitato personalmente le tappe, il quartier generale, il parco assistenza e l'arena per gli spettatori proprio la settimana scorsa con la FIA, siamo assolutamente convinti del potenziale di crescita dell'evento in questa nuova fantastica città ospitante".

"Un evento WRC è un qualcosa di tecnico, logistico e amministrativo estremamente impegnativo, quindi ci saranno sempre delle difficoltà - soprattutto il primo anno. L'organizzazione del Rally di Svezia e i leader politici di Umea hanno il pieno e incondizionato sostegno per questa nuova avventura sia da parte della FIA che del WRC Promoter e non vediamo l'ora che arrivi il febbraio 2022".

I promotori del Rally di Svezia hanno però fatto sapere che la loro intenzione è realizzare un percorso composto da 19 prove speciali, per un totale di 309 chilometri competitivi. Al giovedì verrebbe disputato il solo Shakedown, mentre la gara vera e propria scatterebbe il giorno successivo, venerdì 25 febbraio, con 7 prove speciali intervallate da un Service dopo le prime 3 stage.

Al sabato, invece, ecco 8 prove speciali. Sarà quella infatti la giornata più lunga, anche se al momento manca la conferma di 4 delle 8 stage previste. Già definita invece domenica, con 4 prove speciali (2 ripetute), con la quarta di queste, la "Sarsjoliden 2" di 13,93 chilometri, che sarà considerata Power Stage.

condivisioni
commenti
WRC | Toyota: ecco la versione finale della GR Yaris Rally1
Articolo precedente

WRC | Toyota: ecco la versione finale della GR Yaris Rally1

Prossimo Articolo

WRC | nel 2022 solo 2 motori e 9 ibridi per vettura

WRC | nel 2022 solo 2 motori e 9 ibridi per vettura
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021