WRC, Rally Monza, PS4: Neuville sbatte e va KO. Prova fermata

Il belga della Hyundai ha colpito un blocco che delimita una chicane nella PS4, poi, pochi chilometri dopo, si è fermato con il motore fumante dopo un guado. La i20 numero 11 è stata tolta dalla stage, ma la prova è stata fermata perché la vettura coreana intralciava la prova.

WRC, Rally Monza, PS4: Neuville sbatte e va KO. Prova fermata

Neanche questo sarà l'anno di Thierry Neuville. La maledizione che sembra aver abbracciato il belga non accenna a svanire. Certo, quest'anno la rincorsa al titolo era quasi impossibile dopo le ultime gare disputate, ma oggi è arrivata la parola fine sulle ultime speranze.

Nel corso della Prova Speciale 4 dell'ACI Rally Monza Italia il pilota della Hyundai ha colpito un blocco che introduceva a una delle chicane poste sull'anello dell'Autodromo. Dalla camera car è stato evidente come l'impatto non sia stato di poco conto.

Non solo danni cosmetici, perché pochi chilometri dopo, per la precisione al chilometro 8,7 della Cinturato 1, Thierry è stato costretto al ritiro. Guadata una profonda pozzanghera in uscita dall'anello, la i20 numero 11 si è ammutolita.

Il fumo ha iniziato a fuoriuscire dal motore e Neuville non è più riuscito a riaccendere la macchina. A quel punto, una volta valutata la situazione, la Direzione Gara ha propeso per fermare la prova. La i20 di Neuville intralciava la speciale, per questo i commissari hanno preso questa - condivisibile - decisione.

Hyundai Motorsport ha fatto sapere che il motivo del ritiro del belga è dovuto al danneggiamento della sospensione anteriore destra dopo l'impatto con il blocco di cemento che disegnava la chicane. La vettura, una volta rientrata al Parco Assistenza, sarà riparata e Neuville tornerà in gara domani.

 

La prova competitiva è stata completata dai soli Evans, Ogier e Tanak, quest'ultimo frenato proprio dalla vettura del compagno di squadra rimasta bloccata tra l'anello e un tratto sterrato e reso fangoso dalla pioggia. Rovanpera e Suninen, anche loro in prova, hanno visto accendersi la spia della bandiera rossa sul loro dashboard e hanno rallentato, arrivando al traguardo a bassa velocità.

Da segnalare che, in questa prova il leader del Mondiale Elfyn Evans ha provato a sua volta l'azzardo, copiando quanto fatto da Esapekka Lappi nella PS3. Ha montato 4 gomme da neve, ma la neutralizzazione della prova ha di fatto bruciato uno dei due set di gomme da neve non chiodate a disposizione del gallese. E, nelle prove di domani, queste potrebbero fare la differenza.

La Direzione Gara ha fatto sapere che Rovanpera, Suninen, Lappi e Sordo - ovvero i piloti senza tempo competitivo in questa prova - riceveranno crono imposti per poter permettere lo svolgimento delle prossime speciali nei tempi previsti. Mentre entreranno regolarmente in prova piloti WRC2, WRC3 e Junior WRC.

condivisioni
commenti
WRC, Rally Monza, PS3: Lappi azzarda e va il testa alla corsa
Articolo precedente

WRC, Rally Monza, PS3: Lappi azzarda e va il testa alla corsa

Prossimo Articolo

Il World Rally Championship lancia il suo canale su Motorsport.tv

Il World Rally Championship lancia il suo canale su Motorsport.tv
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021